0 6 minuti 10 mesi

Pubblicato: 27 settembre 2023 20:10

Foto:VCG

Gli esperti cinesi hanno criticato la decisione della Germania di cessare la concessione di prestiti promozionali alla Cina e di negare alla Cina lo status di paese in via di sviluppo, definendola una mossa che soccombe alle pressioni della mentalità da guerra fredda degli Stati Uniti nei confronti della Cina. Avvertono che la Germania rischia di minare i propri interessi economici e di danneggiare la fiducia negli investimenti delle imprese europee in Cina.

La Germania non concederà più prestiti agevolati alla Cina a partire dal 2026 e non tratterà più la Cina come un paese in via di sviluppo, ha confermato martedì il Ministero federale dello sviluppo (BMZ). 

Il Ministero tedesco ha dichiarato di aver informato il Ministero cinese delle Finanze a metà settembre della decisione del governo federale di sospendere definitivamente la concessione di prestiti agevolati alla Cina, ha riferito Reuters.

“Non trattiamo più la Cina come un paese in via di sviluppo”, ha affermato il ministro tedesco dello Sviluppo, Svenja Schulze. “La Cina è e rimane un partner importante, senza il quale non possiamo superare con successo le crisi globali”, ha aggiunto.

La mossa riflette l’allineamento di alcuni politici tedeschi con gli Stati Uniti nel rafforzare il “disaccoppiamento” dalla Cina e nella creazione di barriere economiche e commerciali rivolte al paese, ha detto mercoledì al Global Times Chen Jia, un analista indipendente di strategia globale.

Con questa mentalità da Guerra Fredda, la spinta della Germania ad attuare una politica di disaccoppiamento non è vantaggiosa per la cooperazione UE-Cina, ha osservato Chen.

Song Wei, professore alla Scuola di Relazioni Internazionali e Diplomazia dell’Università di Studi Esteri di Pechino, ha affermato che la decisione della Germania di cessare la concessione di prestiti promozionali alla Cina e di negare alla Cina lo status di paese in via di sviluppo è stata influenzata principalmente dai tentativi degli Stati Uniti di privare la Cina del suo status di paese in via di sviluppo.

Da qualche tempo, gli Stati Uniti tentano di privare la Cina del suo status di paese in via di sviluppo, cosa che viene criticata dai funzionari cinesi.

Lo status della Cina come il più grande paese in via di sviluppo del mondo è radicato nei fatti e nel diritto internazionale. Non spetta agli Stati Uniti decidere se la Cina è un paese in via di sviluppo, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin in una conferenza stampa a giugno.
Lo status della Cina come paese in via di sviluppo è supportato da fatti concreti. Il PIL pro capite della Cina nel 2022 era di 12.741 dollari, ovvero un quinto di quello delle economie avanzate e solo un sesto di quello degli Stati Uniti. 

La mossa della Germania creerà un clima di incertezza, ostacolerà la crescita del commercio e degli investimenti bilaterali e indebolirà la fiducia degli investimenti delle imprese europee in Cina, hanno detto gli esperti.

La Cina e l’UE hanno appena concluso colloqui produttivi durante il decimo dialogo economico e commerciale di alto livello, con le due parti che hanno raggiunto molteplici consensi, ha affermato martedì in una dichiarazione il Ministero del Commercio cinese.

Entrambe le parti hanno convenuto di promuovere ulteriormente l’apertura bidirezionale del settore finanziario e di incoraggiare le istituzioni finanziarie ammissibili a investire ed espandere le proprie attività nei reciproci mercati. 

Nel contesto di una recessione economica globale, la cancellazione dei prestiti promozionali da parte della Germania smorzerà la fiducia negli investimenti e le aspettative delle imprese europee nel mercato cinese, il che non favorisce l’approfondimento della cooperazione economica e commerciale tra Cina ed Europa, ha affermato Song.

Dal 2013 al 2022 sono stati concordati con la Cina prestiti agevolati per un volume totale di 3,451 miliardi di euro (3,62 miliardi di dollari). Secondo il rapporto Reuters, nel 2023 non sono stati concessi prestiti agevolati.

Cui Hongjian, professore presso l’Accademia di governance regionale e globale dell’Università di studi esteri di Pechino, ha dichiarato al Global Times che questi prestiti sostengono principalmente progetti relativi alle infrastrutture, al cambiamento climatico, alla protezione ambientale e allo sviluppo sostenibile. Il vantaggio risiede nella durata di rimborso relativamente fissa ed estensibile, nonché nei tassi di interesse relativamente favorevoli rispetto ai tassi di mercato. 

Cui ha affermato che in futuro potrebbe esserci uno spostamento verso una maggiore cooperazione commerciale piuttosto che progetti guidati dalla politica. Inoltre, questo cambiamento potrebbe non avere un impatto significativo sui progetti su larga scala, poiché la parte cinese ha una capacità finanziaria sufficiente per gli investimenti, ha affermato Cui.

Sorgente: Germany’s end of promotional loans undermines China-EU cooperation: experts


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.