0 2 minuti 1 anno

Piena anche piazza del Nettuno. Cgil, Cisl e Uil insieme contro le politiche del governo Meloni sul lavoro. Con loro anche la segretaria del PD Elly Schlein

Trentamila a Bologna con i segretari delle tre sigle confederali, Pierpaolo Bombardieri (Uil), Luigi Sbarra (Cisl) e Maurizio Landini (Cgil). La manifestazione è organizzata dai sindacati confederali in protesta contro le politiche sul lavoro e sociali del governo guidato da Giorgia Meloni. Piene sia piazza Maggiore che piazza del Nettuno. La Questura ha confermato il numero di partecipanti.

“Il Paese deve essere unito, non diviso, una piazza così non si vedeva da tempo”, ha detto dal palco Landini. “E’ un insulto essere chiamati la domenica sera per dirci cosa vogliono fare – ha detto Landini applaudito dalla folla – Non è un insulto ai sindacati ma una mancanza di rispetto a voi lavoratori: non funziona che se hai vinto le elezioni puoi fare quello che ti pare, non è democrazia. Noi vogliamo rappresentare tutti, anche giovani e precari, per dare loro un futuro”.

Presenti anche esponenti dei partiti di centrosinistra, fra i quali la segretaria del Pd Elly Schlein che è stata sia applaudita che contestata da alcuni aderenti alla Uil.

“Siamo al fianco di questa mobilitazione su una piattaforma unitaria, condividiamo molte di queste rivendicazioni e battaglie”, ha detto Schlein. Il decreto sul lavoro approvato dal governo il primo maggio è “una provocazione”, ha ribadito. “Un decreto che dietro il taglio al cuneo fiscale, che è largamente insufficiente e temporaneo, non strutturale, nasconde delle norme che producono precarietà”.

Elly Schlein a Bologna Uff. stampa PD
Elly Schlein a Bologna

Sorgente: Sindacati a Bologna, 30mila in piazza Maggiore. Landini: “Taglio del cuneo strutturale e per sempre”


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.