0 5 minuti 1 mese

Una serie di illustrazioni in bianco e nero su carta traslucida sono appese davanti a una grande finestra in una sala centrale di Palazzo Mora, a Venezia. Ogni illustrazione rappresenta corpi spigolosi, geometrici, espressionisti, raggomitolati su se stessi nello spazio angusto della pagina, quasi cercando di sfuggire ai suoi bordi, ma non riuscendoci. Sullo sfondo nero, edifici bombardati, macerie o un cielo scuro con una luna solitaria.

Quest’opera è dell’artista di Gaza Maisara Baroud nella mostra “Stranieri nella loro patria”, organizzata dal Museo Palestinese degli Stati Uniti. L’artista ha letteralmente strappato le pagine dal suo quaderno da disegno, per riprodurle su queste carte traslucide per i visitatori della Biennale di Venezia. La scelta di questo articolo è di per sé una forte metafora: tra lo spettatore in sala e la realtà fuori c’è un filtro fatto di immagini di Gaza, che anche il più allegro visitatore della Biennale appena venuto per l’aperitivo in sala I canali ed i partiti delle fondazioni d’arte, devono prenderne atto.

“L’artista ha realizzato 120 disegni nel suo quaderno A4, e alcuni di questi risalgono a sole tre settimane fa”, afferma Faisal Saleh, direttore del Museo Palestinese degli Stati Uniti. “Ne faceva quasi uno ogni giorno, come un diario di ciò che è accaduto a Gaza”.

LEGGI: ​​L’artista israeliano chiude la mostra di Venezia e chiede il cessate il fuoco

Da quando è iniziato il genocidio, abbiamo osservato atteggiamenti diversi da parte del mondo dell’arte nei suoi confronti. All’inizio, mentre i manifestanti marciavano per le strade, molte istituzioni cancellarono mostre di artisti palestinesi, come una retrospettiva del celebre artista palestinese Samia Halaby, al Museo Eskenazi dell’Università dell’Indiana.

Con il passare dei mesi si sono levate sempre più voci di protesta dal mondo dell’arte che, a loro volta, hanno alimentato le aspettative per quello che sarebbe successo alla Biennale di Venezia, lo scacchiere per eccellenza della politica dell’arte.

La conversazione è iniziata quando la mostra “Stranieri nella loro patria” è stata rifiutata dalla Biennale di Venezia come evento collaterale e Faisal Saleh ha avviato una petizione per ottenerne l’approvazione. Nel frattempo, un’altra mostra che documenta la distruzione degli ulivi in ​​Palestina da parte degli israeliani – inizialmente intitolata “Anchor in the Landscape” – è stata approvata come evento collaterale. La mostra inizialmente presentava il lavoro del fotografo tedesco Adam Broomberg ed è stata realizzata con l’associazione Art + Allies Hebron.

Poi, mentre la guerra infuriava, è stata lanciata una nuova petizione per escludere il padiglione israeliano da Venezia, creata dalla Art Not Genocide Alliance (ANGA), raccogliendo quasi 24.000 firmatari. L’associazione è stata molto presente a Venezia, organizzando proteste e spettacoli in tutta la città.

All’apertura delle giornate di anteprima della Biennale, la scorsa settimana l’intero mondo dell’arte non vedeva l’ora di vedere cosa sarebbe successo.

Il Padiglione Israeliano

Ciò che abbiamo trovato incollato sulle pareti di vetro del Padiglione Israeliano ai Giardini, era un poster che diceva che l’artista e i curatori del padiglione non apriranno finché “non sarà raggiunto un accordo di cessate il fuoco e di rilascio degli ostaggi”.

L’artista ha dichiarato al New York Times che il governo israeliano non era stato informato della decisione di chiudere la mostra. Quella che sembrava una ribellione dell’artista contro il governo israeliano è stata inizialmente accolta positivamente da parte della comunità artistica: “Un po’ di umanità almeno”, ha scritto un curatore che in precedenza si era espresso molto apertamente sul massacro di Gaza. Ma, ovviamente, era più complicato di così.

LEGGI: ​​Oltre 8.000 artisti e curatori chiedono l’esclusione di Israele dalla Biennale di Venezia

 

Il padiglione israeliano a Palazzo Mora [Naima Morelli]

Il padiglione israeliano a Palazzo Mora [Naima Morelli]

Il padiglione era chiuso, sì, ma le sue pareti trasparenti creavano ancora più curiosità per lo spettacolo visibile all’interno. La polizia italiana ha sorvegliato attentamente il padiglione, scoraggiando i manifestanti dal tentare di avvicinarsi o di scrivere sui muri dell’edificio.

 

Nel frattempo alcuni media hanno definito “performativo” l’atto della chiusura del padiglione e l’atteggiamento dell’artista Ruth Patir e delle curatrici Mira Lapidot e Tamar Margalit è stato opportunistico e cinico. Altri hanno sottolineato che non vi è stata una chiara menzione del genocidio, ma piuttosto un’enfasi sulla situazione degli ostaggi.

Sorgente: Palestine is everywhere at the Venice Biennale this year – Middle East Monitor