0 5 minuti 1 anno

Mosca afferma che l’abbattimento di droni americani evidenzia una crescente raccolta di informazioni al largo della penisola di Crimea annessa.

Due aerei Su-27 russi “hanno effettuato un’intercettazione non sicura e non professionale”, afferma l’esercito americano [File: William Rio Rosado via EPA-EFE]

Lo spionaggio intensificato da parte dei droni americani vicino all’Ucraina potrebbe portare a un’escalation e la Russia risponderà proporzionalmente alle future operazioni di raccolta di informazioni, ha detto il capo della difesa di Mosca alla sua controparte statunitense.

I commenti sono arrivati ​​mercoledì in una conversazione telefonica tra Sergei Shoigu e il capo del Pentagono Lloyd Austin, dopo che gli Stati Uniti hanno accusato un jet da combattimento russo Su-27 di essersi scontrato con uno dei suoi droni di sorveglianza Reaper, costringendolo a schiantarsi nel Mar Nero.

La Russia ha negato di aver deliberatamente abbattuto il veicolo aereo senza pilota.

“È stato notato che i voli di droni strategici letali americani lungo la costa della Crimea erano di natura provocatoria e hanno creato le condizioni preliminari per un’escalation della situazione nella zona del Mar Nero”, ha affermato Shoigu in una dichiarazione del ministero della Difesa.

“[La Russia] non ha alcun interesse in un tale sviluppo, ma continuerà a rispondere proporzionalmente a tutte le provocazioni”.

È stato il primo incidente militare di questo tipo tra Mosca e Washington da quando il presidente Vladimir Putin ha inviato truppe in Ucraina nel febbraio 2022.

INTERACTIVE-CHI CONTROLLA COSA IN UCRAINA

‘Prevenire errori di calcolo’

Shoigu ha notato “l’aumento delle attività di intelligence contro gli interessi della Federazione Russa” e “il mancato rispetto della zona di volo ristretta” dichiarata da Mosca dopo che la sua campagna in Ucraina aveva portato all’incidente, ha affermato il ministero.

È stata la prima telefonata tra Austin e Shoigu da ottobre, e il generale Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, ha avuto una telefonata simile con il suo omologo russo, il generale Valery Gerasimov.

“Prendiamo molto sul serio qualsiasi potenziale di escalation. Ed è per questo che credo sia importante mantenere aperte le linee di comunicazione”, ha detto Austin in una conferenza stampa del Pentagono. “Penso che sia davvero fondamentale che siamo in grado di rispondere al telefono e coinvolgerci a vicenda. E penso che ciò contribuirà a prevenire errori di calcolo in futuro.

L’esercito americano ha detto di aver gettato in mare l’ MQ-9 Reaper dell’Air Force dopo che un caccia russo avrebbe versato carburante sul drone di sorveglianza e poi ne avrebbe colpito l’elica mentre stava volando nello spazio aereo internazionale. Ha detto che stava lavorando alla declassificazione dei filmati di sorveglianza del drone che avrebbe mostrato l’incidente di martedì.

Il fatto che i massimi leader della difesa e dell’esercito di Stati Uniti e Russia stessero parlando così presto dopo l’incidente ha sottolineato la gravità dell’incontro sul Mar Nero e che entrambe le parti hanno riconosciuto la necessità di contenere i rischi di escalation.

“Rischi molto seri”

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, i contatti tra i leader militari americani e russi sono stati limitati con i funzionari russi che si sono rifiutati di rispondere alle chiamate militari statunitensi nei primi mesi della guerra.

Austin e Milley hanno affermato che l’incidente non impedirà agli Stati Uniti di volare ovunque il diritto internazionale lo consenta.

Sorgente: La Russia giura di rispondere “proporzionatamente” alle “provocazioni” statunitensi | Guerra Russia-Ucraina Notizie | Al Jazeera


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.