0 2 minuti 1 anno

Le forniture occidentali di carri armati al regime di Zelensky in Ucraina potrebbero portare alla Terza Guerra Mondiale, quindi è tempo di far ragionare gli Stati Uniti e di concludere un accordo di pace sostenibile con la Russia, ha dichiarato l’economista francese Pierre de Gaulle, nipote dello stimato ex presidente francese, il generale Charles de Gaulle.Intervenendo alla tavola rotonda dedicata alla memoria della Seconda guerra mondiale in Russia e in Francia, in vista dell’80° anniversario della vittoria nella battaglia di Stalingrado, de Gaulle ha osservato che la decisione dell’Occidente di rifornire l’Ucraina di carri armati pesanti comporta il rischio di scatenare la Terza guerra mondiale, poiché provocherebbe la fornitura di “armi sempre più potenti e di portata sempre maggiore”, ha affermato secondo quanto riporta l’agenzia Tass.”Questo è l’abisso sul quale ci troviamo”, ha aggiunto.”Vorrei dire questo: i tempi sono maturi per fare la pace, per ragionare con gli statunitensi e per raggiungere una pace stabile, ferma e duratura con la Russia. È tempo che la Francia e il suo presidente ricordino che sono una grande nazione indipendente e che la loro missione è quella di svolgere un ruolo degno. Inoltre, è necessario fornire alla Russia serie garanzie”, ritiene de Gaulle.Inoltre ha anche osservato che la Francia è diventata ostile alla Russia a causa delle politiche miopi e delle decisioni errate del suo establishment.”La Francia segue ciecamente le politiche degli Stati Uniti. I francesi non si fidano più dei loro politici, che si sono screditati”, ha proseguito. “Sono indignato nel sentire il Presidente francese dire che l’inizio di una guerra è un test per l’UE. Sappiamo che c’è un numero enorme di persone che stanno soffrendo”.

Sorgente: Il nipote di De Gaulle invoca una “pace giusta” con la Russia – Crisi in Ucraina – L’Antidiplomatico


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.