0 3 minuti 1 mese

La leadership ucraina ha reagito “con fastidio” alle azioni degli Stati Uniti e dei suoi alleati, che lo scorso fine settimana hanno aiutato Israele a difendersi da un attacco su larga scala da parte dell’Iran, distruggendo una parte significativa dei missili e dei droni lanciati dalle forze iraniane, ha riportato il Wall Street Journal.

Secondo il quotidiano statunitense, sebbene i funzionari ucraini si siano generalmente astenuti dal criticare direttamente Washington, lo stesso Vladimir Zelensky ha affermato che le decisioni degli alleati di Israele hanno dimostrato come una difesa efficace contro il “terrore” possa essere fornita dall'”unità” e ha sottolineato che “il terrore deve essere sconfitto completamente e ovunque, non da qualche parte in più e da qualche parte in meno”.

Altri osservatori sono stati molto meno diplomatici, con l’ex ambasciatore statunitense in Ucraina John Herbst che ha affermato che Washington non può fornire a Kiev lo stesso livello di protezione di Israele solo per “timidezza”, menzionando che il presidente statunitense Joe Biden ha chiaramente “paura” di Vladimir Putin.

Secondo il WSJ, l’amministrazione del Presidente Biden è convinta di adottare il giusto approccio al conflitto ucraino, visti i rischi di una sua escalation.

Secondo quanto sostiene l’editoriale del WSJ, la reazione dei Paesi occidentali all’attacco iraniano ha effettivamente dimostrato che il sostegno occidentale all’Ucraina ha alcuni limiti. In precedenza, l’Occidente ha dovuto razionare attentamente l’assistenza a Kiev per evitare un conflitto diretto con la Russia e per non provocarla a un’azione più decisa.

Inoltre, Israele, che non è un membro della NATO, ha mantenuto per decenni una partnership di difesa unica con gli Stati Uniti, grazie al lavoro attivo dei lobbisti filo-israeliani negli Stati Uniti, scrive l’autore. Alcuni degli sponsor di Kiev in Occidente hanno suggerito in passato di estendere il modello israeliano all’Ucraina, ma la questione non è andata oltre le dichiarazioni, anche perché un tale sforzo richiederebbe un livello di coinvolgimento che nessuna potenza occidentale seria è pronta a fornire.

Sorgente: Kiev non ha gradito l’assistenza USA a Israele nel campo della difesa aerea – IN PRIMO PIANO – L’Antidiplomatico