0 12 minuti 2 anni

I dati pubblicati da vari Stati australiani, come l’Australia Meridionale e il Nuovo Galles del Sud, hanno già reso evidente il disastro vaccinale. I dati relativi a infezioni, malattie e decessi hanno dimostrato più volte che la campagna di vaccinazione è stata un totale fallimento. Ora uno studio riassume i risultati utilizzando l’eccesso di mortalità.
Lo studio di Denis G Rancourt et al. pubblicato su ResearchGate, intitolato “Probable causal association between Australia’s new regime of high all-cause mortality and its COVID-19 vaccine rollout” (Probabile associazione causale tra il nuovo regime australiano di elevata mortalità per tutte le cause e l’introduzione del vaccino COVID-19), mostra esattamente ciò che dice il titolo.

Innanzitutto, la traduzione dell’abstract:

La mortalità per tutte le cause per settimana in Australia mostra che non c’è stato alcun eccesso di mortalità rilevabile 13 mesi dopo la dichiarazione della pandemia, seguito da un graduale aumento della mortalità a metà aprile 2021, in coincidenza con l’introduzione del vaccino COVID-19, che colpisce principalmente anziani, disabili e aborigeni.

L’eccesso di mortalità nel periodo di vaccinazione (da metà aprile 2021 ad agosto 2022; 14% in più di mortalità per tutte le cause rispetto ai recenti periodi pre-vaccinazione; 62 milioni di dosi di vaccino somministrate) è stato di 31±1 mila decessi, più del doppio dei decessi registrati come dovuti a o con COVID-19.

Inoltre, un’impennata della mortalità per tutte le cause (da metà gennaio a metà febbraio 2022; 2 600 decessi) coincide con la rapida introduzione della vaccinazione di richiamo (9,4 milioni di vaccinazioni di richiamo nello stesso periodo) e non è dovuta a un’ondata di calore climatico.

Il corrispondente rapporto di mortalità da iniezione di vaccino (vIFR) è di circa lo 0,05%, che viene confrontato con i valori vIFR stimati dal Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti e dai dati di mortalità per tutte le cause per l’India, gli Stati meridionali degli USA, il Michigan (USA) e l’Ontario (Canada).

Figura 2: mortalità per tutte le cause in Australia, a tutte le età, dalla settimana 1 2015 (settimana che termina il 4 gennaio 2015) alla settimana 34 2022 (settimana che termina il 28 agosto 2022), rispetto all’introduzione del vaccino COVID-19.
Azzurro: mortalità per tutte le cause per settimana, scala y sinistra. Blu scuro: cumulativo della 1a dose di vaccino. Arancione: Cumulativo di 2a dose di vaccino. (Fonti dei dati: Australian Bureau of Statistics (2022a); e https://www.covid19data.com.au/vaccines, recuperato il 14 dicembre 2022).

E queste sono le ragioni del legame causale dell’eccesso di mortalità con la campagna di vaccinazione:

  1. Esiste una chiara relazione temporale tra il nuovo regime di aumento della mortalità per tutte le cause e l’introduzione del vaccino, mentre in Australia non è stato rilevato alcun eccesso di mortalità fino all’inizio dell’introduzione, ovvero durante i 13 mesi di pandemia dichiarati dall’OMS l’11 marzo 2020.
  2. L’eccesso di mortalità nel periodo di vaccinazione (da metà aprile 2021 ad agosto 2022) per l’Australia (tutte le età) è di 31.000 (±1.000) decessi (Figura 1A), che è più del doppio del numero totale di decessi registrati come dovuti a o con COVID-19 (14. 014 decessi, dal 1° gennaio 2020 alla settimana conclusasi il 29 agosto 2022.[Si noti che la percentuale di decessi totali attribuiti a COVID-19 che sono “con COVID-19” (piuttosto che “da COVID-19”) varia tra il 10% e il 30% circa. Infatti, il 95,4% dei decessi “dovuti a COVID-19” nei certificati di morte australiani presentava “sequele di eventi causali” e/o “condizioni croniche preesistenti” non correlate a COVID-19].
  3. Il vIFR mediano nel periodo di vaccinazione (da metà aprile 2021 ad agosto 2022) per l’Australia sarebbe quindi 31 K decessi / 62 M dosi di vaccino = 0,05%.
  4. Dalla metà di gennaio alla metà di febbraio del 2022, si verifica un notevole picco di mortalità per tutte le cause, che dura per sette settimane ed è associato a un forte aumento delle dosi di vaccino COVID-19. Questo forte picco nelle dosi di vaccino è stato l’introduzione della vaccinazione di richiamo (3a dose) in Australia, con il picco di vaccinazione di richiamo che generalmente precede il picco di mortalità di circa una settimana, il che è una forte prova di una relazione causale.
  5. Il già citato picco di mortalità per tutte le cause da metà gennaio a metà febbraio 2022 ha un eccesso di mortalità integrato nelle sette settimane rispetto al valore di riferimento di circa 2.600 decessi, a fronte di circa 9,4 milioni di dosi di richiamo erogate durante la durata del picco di mortalità. Ciò corrisponde a un vIFR calcolato per lo specifico picco di mortalità specifico: 2,6 K decessi / 9,4 milioni di dosi di vaccino = 0,03%.
  6. L’impatto dell’introduzione sarebbe improvviso, poiché l’Australia dà la priorità agli anziani, ai disabili e agli aborigeni.
  7. L’aumento graduale della mortalità per tutte le cause fino all’eccesso di mortalità per tutte le cause (da metà aprile 2021 ad agosto 2022) si verifica contemporaneamente in tutti gli otto Stati australiani a metà aprile 2021 e non ha tempi di insorgenza diversi, il che sarebbe coerente con una malattia infettiva che si diffonde in regioni diverse in tempi diversi e si diffonde a tassi diversi a seconda delle differenze regionali nelle condizioni sociali e sanitarie.
  8. I dati VAERS degli Stati Uniti mostrano chiaramente che c’è un eccesso di mortalità subito dopo l’iniezione di ciascuno dei tre vaccini COVID-19 utilizzati negli Stati Uniti, con un picco significativo entro cinque giorni dall’iniezione e un calo esponenziale due mesi dopo l’iniezione.
  9. La mortalità integrata per numero di iniezioni successive (tossicità da iniezione o vIFR) aumenta esponenzialmente con l’età, così come la variabilità da lotto a lotto dell’effetto tossico. Queste ultime osservazioni di un aumento esponenziale con l’età implicano che le iniezioni rappresentano una sfida letale rispetto alla fragilità del soggetto.
  10. Studi istopatologici e immunoistochimici dettagliati sulle autopsie hanno dimostrato che i vaccini COVID-19 sono causa di morte, sia in individui altrimenti sani sia in individui anziani con malattie concomitanti.
  11. Il governo australiano interpreta i risultati dei test (casi) e la mortalità come se si verificassero in quattro “ondate”. La categorizzazione del governo australiano delle onde COVID-19 per l’Australia è semplicemente una convenzione di denominazione basata sui risultati dei test riportati (statistiche sui casi) combinati con misurazioni genomiche scarse e inaffidabili. Non abbiamo trovato alcuno studio che fornisca una base scientifica per l’assegnazione di queste onde da parte del governo australiano. Inoltre, l’attribuzione è incoerente con (a) la mancanza di un eccesso di mortalità accertato nel periodo marzo-maggio 2020; (b) l’assenza di eccessi di mortalità accertati in Australia e nel Victoria nel periodo giugno-novembre 2020; (c) una variante delta (luglio-dicembre 2021), che avrebbe mancato sia l’aumento graduale della mortalità per tutte le cause a metà aprile 2021 sia il picco di 7 settimane della mortalità per tutte le cause da metà gennaio a metà febbraio 2022; (d) una variante Omicron (2022) che avrebbe causato due caratteristiche distinte ed evidenti dell’eccesso di mortalità per tutte le cause, ovvero il picco di 7 settimane da metà gennaio a metà febbraio 2022 e il grande aumento che è seguito da maggio 2022.
  12. Una simile sincronia tra la somministrazione di dosi di vaccino e l’eccesso di mortalità per tutte le cause si osserva nel contesto delle cosiddette campagne di “equità vaccinale” negli Stati Uniti. Un picco anomalo nell’autunno 2021 è stato interpretato come causato dai vaccini e colpisce la fascia d’età 25-64 anni in 21 stati americani, portando alla conclusione che la mortalità significativa indotta dai vaccini (rilevabile dalla mortalità per tutte le cause) si è verificata principalmente in gruppi vulnerabili caratterizzati da alti livelli di povertà, disabilità, obesità, diabete e alti tassi di farmaci. L’iniezione del vaccino è stata vista come un’ulteriore sfida che spesso accelerava e causava il decesso nei residenti con comorbidità, con un conseguente vIFR di circa l’1%.
  13. Un altro esempio di probabile sincronia causale tra la rapida introduzione del vaccino COVID-19, che ha dato priorità ai residenti anziani, fragili e disabili, e l’elevato eccesso di mortalità in tutti i casi è l’esempio dell’India. In questo caso, l’introduzione anticipata del vaccino dall’aprile al luglio 2021 è stata devastante, causando la morte di circa 3,7 milioni di abitanti quando sono state somministrate circa 350 milioni di dosi di vaccino (su una popolazione di 1,39 miliardi). Ciò corrisponde a un vIFR effettivo (tossicità per dose) di circa l’1%.
  14. Sia in India che in Australia, dopo la dichiarazione di pandemia da parte dell’OMS, non si è registrato praticamente alcun eccesso di mortalità per tutte le cause fino all’introduzione del vaccino COVID-19, quindi la sincronia è relativamente facile da attribuire.
  15. Altri due esempi di sincronia tra la rapida introduzione del vaccino COVID-19, rivolto principalmente a residenti anziani e vulnerabili, e l’elevato eccesso di mortalità in tutti i casi si trovano in Michigan, USA, e in Ontario, Canada. Il valore del COVID-19 vIFR al momento dell’introduzione del vaccino in Michigan è paragonabile al valore per il periodo di vaccinazione in Australia (0,05%).

Conclusioni

La pandemia dichiarata avrebbe dovuto risparmiare all’Australia più di un anno di morti rilevabili mentre imperversava in molti altri luoghi del mondo, prima di diventare improvvisamente virulenta a metà aprile 2021, quando i vaccini sono stati introdotti casualmente per gli anziani e i più vulnerabili.

Inoltre, un forte aumento della mortalità per tutte le cause (da metà gennaio a metà febbraio 2022) coinciderebbe per puro caso con la rapida introduzione del vaccino di richiamo (3a dose), senza alcuna spiegazione (plausibile o meno).

L’analisi conclude che l’eccesso di mortalità nel periodo di vaccinazione (31±1 mila decessi, da metà aprile 2021 ad agosto 2022; 14% in più di mortalità per tutte le cause rispetto a recenti periodi pre-vaccinazione della stessa durata; 62 milioni di dosi di vaccino somministrate), più del doppio del numero di decessi registrati da o con COVID-19, e il forte aumento della mortalità per tutte le cause (da metà gennaio a metà febbraio 2022; 2. 600 decessi) associati alla rapida introduzione del richiamo (9,4 milioni di dosi di richiamo, nello stesso periodo) sono causalmente collegati al vaccino COVID-19.

Il corrispondente rapporto di mortalità da iniezione di vaccino (vIFR) è di circa lo 0,05%.

Questo è, ovviamente, diametralmente opposto all’affermazione che il vaccino COVID-19 ha salvato delle vite; un’affermazione che non è supportata da un esame completo dei dati sulla mortalità complessiva.

Sorgente: Studio rivela la causa dell’eccesso di mortalità in Australia – eVenti Avversi


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.