0 4 minuti 1 settimana

pulsante di condivisione di Facebook
pulsante di condivisione su Twitter
Assegnando il Premio mondiale per la libertà di stampa 2024 ai giornalisti palestinesi che si occupano della guerra israeliana a Gaza, l’UNESCO ha riconosciuto una verità storica.

Anche se la decisione di nominare i giornalisti di Gaza come vincitori del prestigioso premio è stata in parte motivata dal coraggio di questi giornalisti, la verità è che nessuno al mondo meritava un riconoscimento simile come quelli che si occupavano della guerra genocida a Gaza.

“Come umanità, abbiamo un enorme debito verso il loro coraggio e il loro impegno per la libertà di espressione”, Mauricio Weibel, presidente della giuria internazionale dei professionisti dei media, che ha raccomandato il premio, ha descritto in modo veritiero il coraggio dei giornalisti di Gaza.

Il coraggio è una qualità ammirevole, soprattutto quando molti giornalisti a Gaza sapevano che Israele stava cercando di ucciderli, spesso insieme alle loro famiglie, per garantire che l’orrore della guerra rimanesse nascosto alla vista, nel peggiore dei casi, o contestato come se fosse una questione di opinione, nella migliore delle ipotesi.

OPINIONE: Gli Stati Uniti continuano a fornire copertura al genocidio israeliano a Gaza

Tra il 7 ottobre 2023 e l’11 maggio 2024, 143 giornalisti palestinesi a Gaza sono stati uccisi da Israele. È superiore al numero totale di giornalisti uccisi nella Seconda Guerra Mondiale e nelle guerre del Vietnam messe insieme.

Questo numero non comprende molti blogger, intellettuali e scrittori che non avevano credenziali mediatiche professionali, ed esclude anche i numerosi familiari che spesso venivano uccisi insieme ai giornalisti presi di mira.

Ma nei giornalisti di Gaza c’è altro oltre al coraggio.

Ogni volta che Israele lancia una guerra a Gaza, quasi sempre nega l’accesso nella Striscia ai professionisti dei media internazionali. Questa strategia mira a garantire che la storia dei crimini che l’esercito israeliano sta per commettere non venga denunciata.

La strategia ha dato i suoi frutti nella cosiddetta operazione Piombo Fuso nel 2008-2009. La reale portata delle atrocità commesse a Gaza durante quella guerra, che provocò l’uccisione di oltre 1.400 palestinesi, era ampiamente nota alla fine della guerra. A quel punto, Israele aveva concluso la sua importante operazione militare, e i principali media occidentali avevano fatto uno splendido lavoro assicurando il predominio del discorso politico israeliano riguardo alla guerra.

Il comportamento di Israele da quella guerra è rimasto immutato: escludere i giornalisti internazionali, imporre un ordine di silenzio ai giornalisti israeliani e uccidere i giornalisti palestinesi che hanno osato coprire la storia.

La guerra contro Gaza dell’agosto 2014 è stata una delle più sanguinose per i giornalisti. Durò 18 giorni e costò la vita a 17 giornalisti. I giornalisti palestinesi, tuttavia, sono rimasti fedeli alla loro storia. Quando ne cadeva uno, dieci sembravano prenderne il posto.

La Palestina occupata è sempre stata uno dei luoghi più pericolosi in cui lavorare come giornalista. L’Unione dei giornalisti palestinesi ha riferito che tra il 2000 – l’inizio della seconda rivolta palestinese – e l’11 maggio 2022 – il giorno dell’omicidio israeliano dell’iconica giornalista palestinese, Shireen Abu Akleh, 55 giornalisti sono stati uccisi per mano dell’esercito israeliano esercito.

Il numero potrebbe non sembrare troppo alto se paragonato all’ultimo assalto a Gaza, ma, per gli standard internazionali, è stata una cifra terrificante, basata su una logica altrettanto inquietante: uccidere il narratore come il modo più rapido per uccidere la storia stessa.

Per decenni Israele, una potenza occupante, è riuscita a presentarsi come una vittima in stato di autodifesa. Senza alcuna voce critica nei media mainstream, molti in tutto il mondo hanno creduto al discorso ingannevole di Israele sul terrorismo, sulla sicurezza e sull’autodifesa.

Sorgente: Oltre premi e riconoscimenti: perché i giornalisti di Gaza sono i migliori al mondo – Middle East Monitor