controinformazione.info | Gli Stati Uniti abbandoneranno Taiwan?

controinformazione.info | Gli Stati Uniti abbandoneranno Taiwan?

19 Ottobre 2021 0 Di ken sharo

 GLI STATI UNITI ABBANDONERANNO TAIWAN?

 

Scritto da Brandon Weichert tramite RealClearWorld.com,

Addio, grande competizione di potere e ciao, competizione strategica”, questo è ciò che il portavoce del Pentagono dell’amministrazione Biden ha recentemente dichiarato a Daniel Lipmann alla rivistaa Politico .
Secondo gli analisti, questi commenti segnalano uno spostamento verso un atteggiamento americano più cooperativo, persino conciliante, nei confronti del Partito comunista cinese. Inoltre, il 6 ottobre il presidente Joe Biden ha dichiarato ai media di aver “parlato con [il presidente cinese Xi Jinping] di Taiwan. Siamo d’accordo che ci atterremo all’accordo di Taiwan”.

L’accordo a cui si riferiva Biden era il Taiwan Relations Act del 1979, un accordo ambiguo stipulato tra Cina e Stati Uniti in cui Taiwan sarebbe stata trattata dagli Stati Uniti come un paese straniero senza essere formalmente riconosciuta come tale . Mentre l’accordo del 1979 consente la fornitura di aiuti militari americani a Taiwan in modo tale che Taiwan possa “mantenere una capacità di autodifesa sufficiente”, i termini di questo accordo consentono agli americani di sottrarsi a Taiwan ogni volta che è conveniente per Washington. così.

La chiamata Biden-Xi è arrivata sulla scia della sfacciata violazione da parte della Cina della zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan (ADIZ) durante la settimana del 1 ottobre. A quel tempo, la Cina ha schierato più di 50 aerei da guerra per violare l’ADIZ di Taiwan, testando la rete di difesa aerea oberata di lavoro di Taiwan e spingendo i militari dell’isola al punto di esasperazione.
Ad un certo punto, si verificherà un grave errore di calcolo tra Cina e Taiwan, un errore che potrebbe scatenare un’altra guerra mondiale che Washington non è preparata o disposta a combattere.

In risposta alla recente aggressione cinese contro Taiwan, gli Stati Uniti hanno schierato due gruppi d’attacco di portaerei vicino a Okinawa. Queste potenti navi da guerra americane si sono unite al gruppo d’attacco delle portaerei della Royal Navy britannica. Anche un gruppo di navi da guerra provenienti da Giappone, Nuova Zelanda, Canada e Paesi Bassi si è unito alla flottiglia guidata dagli americani.

La flottiglia aveva lo scopo di dissuadere Pechino da qualsiasi ulteriore atto di aggressione durante un punto debole nelle relazioni tra Pechino e Washington.

Pechino probabilmente non è rimasta impressionata.

La deterrenza funziona solo su un avversario che è disposto ad abbandonare l’obiettivo che stai cercando di impedire a quell’avversario di raggiungere. Francamente, Pechino vuole Taiwan più di quanto Washington voglia tenere l’isola lontana dalla Cina.

L’attuale situazione in Cina è particolarmente pericolosa per il governo continuo di Xi Jinping. Mentre l’economia cinese sta attraversando una massiccia riorganizzazione che potrebbe abbattere il regime di Xi, il sovrano cinese sta cercando di distrarre il suo popolo attraverso potenti manifestazioni di nazionalismo, come il recupero della provincia cinese “perduta” di Taiwan.

Il presidente Biden, nel frattempo, è assediato da crisi ovunque.

L’economia americana vacilla sull’orlo del debito mentre l’inflazione continua senza sosta, un arresto del governo incombe, le fragili catene di approvvigionamento non possono tenere il passo con l’aumento della domanda, gli americani evitano di tornare al lavoro a favore di maggiori pagamenti del welfare e il COVID-19 continua a imperversare negli Stati Uniti . Per compensare queste minacce economiche alla presidenza di Biden, la Casa Bianca cercherà probabilmente di ottenere un nuovo accordo commerciale con la Cina che limiterà l’inflazione e genererà scambi.

Inoltre, il presidente Biden teme una catastrofe climatica globale provocata dall’uomo. Sia lui che il suo zar del clima, John Kerry, hanno insistito per anni sul fatto che la Cina fosse la chiave per frenare il cambiamento climatico antropogenico. Lungi dal corteggiare la guerra con la Cina, l’amministrazione Biden sta probabilmente cercando di riportare le relazioni a quelle che erano prima dell’ascesa di Donald Trump nel 2016.

Non importa cosa dica il presidente Biden, è improbabile che impiegherà le forze statunitensi per difendere Taiwan. Secondo un sondaggio del 2021 condotto dal Chicago Council on Global Affairs, solo il 41% degli americani sostiene che il potere militare degli Stati Uniti venga utilizzato per difendere Taiwan. Pertanto, non è politicamente opportuno per Biden rischiare un’altra guerra mondiale, almeno secondo i sondaggi, non più di quanto lo fosse per Biden mantenere le forze statunitensi in Afghanistan.

Schieramento navale cinese vicino Taiwan

Pechino si sta rapidamente avvicinando al momento in cui è pronta a scoprire il bluff di Washington su Taiwan.

Se Biden si rifiutasse di agire militarmente per prevenire un’invasione cinese di Taiwan, Pechino probabilmente offrirebbe a Biden l’inutile premio di consolazione di un vuoto accordo sul clima e un nuovo accordo commerciale che dia potere alla Cina a lungo termine.
La diminuzione del potere americano continuerà sotto Biden finché non rimarrà più nulla dell’ordine mondiale guidato dagli americani.
Con le uniche opzioni per l’America che sono la guerra mondiale o la capitolazione, senza un vero leader che raduni il popolo americano per sostenere ciò che è giusto (per loro) e per tracciare un nuovo corso, cos’altro ci si può aspettare oltre al crollo del potere americano nell’Indo-Pacifico?

Fonte: Zero Hedge

Traduzione: Luciano Lago

Sorgente: controinformazione.info | Gli Stati Uniti abbandoneranno Taiwan?