L’allusione del presidente Tebboune all’azione militare dell’Algeria in Libia

L’allusione del presidente Tebboune all’azione militare dell’Algeria in Libia

11 Giugno 2021 0 Di marco zinno

Di Abdelkader S. – Nella sua intervista ad Al-Jazeera, Abdelmadjid Tebboune ha lanciato un sasso nello stagno riguardo alla questione libica. Il presidente della Repubblica ha infatti suggerito che le truppe dell’Anp fossero sul punto di intervenire in Libia in un caso particolare. “L’Algeria era pronta ad intervenire in un modo o nell’altro per impedire la caduta di Tripoli”, ha detto al canale qatariota. E per sostenere il suo punto: “Quando l’Algeria ha dichiarato che Tripoli era una linea rossa, ha pesato sulle sue parole”. “Il messaggio è arrivato a chiunque esso sia”, ha detto.

Il Capo dello Stato ha inoltre spiegato che le esercitazioni militari svolte dall’esercito algerino negli ultimi tempi mirano a garantire lo stato di disponibilità delle forze armate ad “affrontare ogni evenienza”. Ciò implica che l’Algeria non esclude la possibilità di un’aggressione straniera. Tebboune si unì così al capo di stato maggiore, il tenente generale Saïd Chengriha, che ordinò ai membri dell’ANP, “dal semplice soldato al più alto grado”, insisteva, di essere pronti all’azione. “.

Il presidente Tebboune, nella sua qualità di capo supremo delle forze armate, moltiplica a sua volta gli avvertimenti proprio nel momento in cui è in atto una manovra militare su vasta scala in Marocco, il più vicino possibile al confine con l’Algeria e dove persiste il Makhzen nella sua menzogna sulle aree interessate da questa esercitazione, compresi i territori sahrawi occupati, tra cui, in particolare, la regione di Mahbes, situata a ottanta chilometri da Tindouf. Nonostante la nuova feroce smentita al comando di Africom, datata 7 giugno, il Marocco e alcuni media, tra cui, stranamente, Al-Jazeera, continuano a raccontare l’ebbrezza marocchina, per ignoranza o per premeditazione. In un comunicato diffuso lunedì, Africom precisa, a scanso di equivoci, che African Lion 2021 si svolgerà in un poligono che si estende dalla base aerea di Kenitra a nord a Tan Tan e Grier Labouihi a sud. Le regioni di Dakhla e Mahbes sono quindi formalmente escluse.

Alla fine del 2019, quando la Turchia ha confermato l’intenzione di inviare le sue truppe in Libia e quando Khalifa Haftar ha chiesto solennemente al presidente egiziano di fornirgli forze di terra in previsione di uno scontro armato con suo fratello-nemico a Tripoli, Fayez Al. – Sarraj, il mondo spiava il minimo movimento dell’esercito algerino che non intendeva lasciar scoppiare una guerra ai suoi confini senza reagire. Al-Arabiya aveva indicato che le forze armate algerine erano allora “in massima allerta ai confini con la Libia” e che il nuovo presidente, Abdelmadjid Tebboune, aveva “lasciato aperta” la riunione dell’Alto Consiglio di Sicurezza (HCS) che aveva convocato appena insediato e il giorno dopo il suo discorso di insediamento durante il quale aveva chiaramente indicato che l’Algeria “non accettera’ di essere esclusa dal soluzione della crisi libica». “Tebboune vuole affrontare ogni evenienza in vista dell’accelerazione degli eventi in Libia e della decisione della Turchia di inviare truppe a sostegno del governo di Al-Sarraj”, aveva precisato il canale ufficiale saudita.

“L’escalation in Libia ha spostato l’Algeria, che condivide con questo Paese la seconda striscia di confine più lunga dopo l’Egitto”, aveva ulteriormente sottolineato Al-Arabiya, indicando che “il nuovo presidente algerino sta lavorando per riattivare il ruolo dell’Algeria nelle questioni regionali dopo un letargia che durò per diversi anni”. “La posizione ufficiale dell’Algeria sul conflitto libico non è cambiata. L’Algeria cerca di mantenersi equidistante da tutti i belligeranti, ma l’entrata in gioco della Turchia in maniera diretta ha spinto l’esercito algerino a mettere in atto un piano di emergenza per far fronte a qualsiasi imprevisto”, aveva, inoltre,

Il presidente Tebboune ha appena confermato al canale qatariota che l’Algeria non sta bluffando sulla Libia e che anche i suoi ultimi avvertimenti contro il regime monarchico di Rabat devono essere presi molto sul serio.

Sorgente: L’allusione del presidente Tebboune all’azione militare dell’Algeria in Libia

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •