Dalla Brexit alla III guerra mondiale (Prima puntata…)

6 Gennaio 2020 0 Di marco zinno

 

20/10/2027 Prefettura di Filadelfia nei pressi di Siena (ITA)

Si avvicinava la più grande crisi economica nella storia, era il 2020
l’anno prima l’Inghilterra stretta nelle maglie dell’europa decise di sciogliere
le sue catene e divorziare da quel matrimonio sempre in bilico, matrimonio che la faceva sentire così poco protagonista sulla scena internazionale.

Crescita zero in Europa ormai da decenni, nemmeno l’ultimo colpo di coda della BCE dato da Draghi nel 2019 bastò a risollevarla.
Tutto iniziò proprio qualche mese prima della garnde crisi quando l’Inghilterra libera dai vincoli dell’Europa potè sentirsi nuovamente protagonista del corso degli eventi, accadde infatti che a seguito di attentati iraniani contro un Boiler dell’acqua affittato temporaneamente alle truppe degli Stati Uniti a Bagdad, l’Inghilterra portò gran parte delle sue truppe al fianco degli americani sul confine con l’Iran
i Russi non rimasero a guardare posizionando le loro armate al confine con la Siria e i Cinesi ruppero il loro riserbo inviando un notevole contingente di navi da guerra nel sud della Siria.
Inizialmente sembrava l’ennesimo braccio di ferro che avrebbe portato ad un ennesimo tavolo di trattative per spartirsi l’ennesima riserva di petrolio e di Gas, fino a quando la Russia bombardò insediamenti Turchi a nord della Siria spingendo i Turchi alle posizioni del 2018, occupò il Golan togliendolo agli israeliani e diede scacco al Generale Sarraj in Libia, questo sempre come risposta ad una bomba lanciata per sbaglio dagli israeliani che uccise, sempre per sbaglio 250 Russi compresi donne e bambini, ferendone circa 500.
La Francia uscì dall’Euro nel 2021 con i tedeschi che furono i primi ad uscire anche dalla Nato insieme ai paesi dell’aerea Visengrad.
Inizialmente fu solo tensione fatta di droni e i combattimenti erano circostanziati ad alcune regioni del medio oriente, ma poi gli attacchi missilistici e di rappresaglia sostituirono i droni, questo soprattutto dopo la presa della Libia da parte dei Russi.
le basi militari statunitensi in Europa furono tutte bombardate comprese quelle in Italia di Aviano e e in Sicilia, gli stati uniti ritenendoci inefficaci occuparono parte del Nord Italia e presero la Sicilia come loro provincia.
La guerra scoppiò in europa quando i Russi chiusero i rubinetti del gas dall’Ucraina, e dalla Libia per ritorsione del bombardamento effettuato su Damasco che aveva a sua volta usato il gas Sarin avanzatogli dalle milizie dell’Isis per combattere contro le truppe Egiziane trasformandole in mummie.

L’Italia si dichiarò neutrale appellandosi alla sua costituzione fino a quando lo stadio Franchi di Firenze venne distrutto da un attentato portando alla morte 4 persone addette alla manutenzione.
L’opinione pubblica aizzata dalle vecchie guardie della destra fu unanime: Guerra!!
Peccato che l’italia possedeva solo 20 aerei F35 con il firmware del sistema di puntamento baggato e una decina di droni che furono tutti abbattuti dai sistemi di sicurezza Iraniani poco dopo la loro partenza dalle basi.

L’embargo della Cina ai danni di quello che restava dell’Europa cominciava a dare i suoi frutti, nel 2022 non esisteva più un cellulare decente in tutta Italia, quasi tutti avevano ripreso i vecchi Motorola che si inceppavano di continuo, i sistemi Huawei furono messi al bando, un cellulare Samsung costava dai 1000 ai 10.000 euro.
L’america al contrario aumentò la produzione rifornendo tutti i membri della nato, di sistemi HP di vecchia generazione a prezzi di ultima generazione, uscirono anche i telefoni HP.
I risrtoranti vendevano sotto banco gli olii usati come carburante per i motori diesel a quasi € 3,50 al litro. Chi non aveva la macchina diesel andava in giro con la bicicletta elettrica sempre se aveva i pannelli solari per ricaricarla.

L’occupazione statunitense divenne insopportabile e l’Italia si divise in due tra partigiani antiamericani e filo Yankee, fino a quando successe quello che tutti si aspettavano che succedesse.

Continua…

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •