0 4 minuti 2 settimane

L’opinione pubblica israeliana sostiene il governo e l’esercito nella guerra del paese contro Gaza, ma la fiducia nell’establishment politico e nel Primo Ministro è tra le più basse di sempre mentre le richieste di dimissioni di Benjamin Netanyahu diventano sempre più forti.

Pubblicato:

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è sotto una pressione crescente da parte degli elettori, dei politici del suo governo e dei leader mondiali, il cui disagio per il crescente numero di vittime e distruzioni derivanti dalla guerra in corso tra Israele e Hamas a Gaza cresce di giorno in giorno.

Netanyahu sta affrontando un’enorme pressione interna per ottenere il rilascio degli ostaggi israeliani rapiti durante l’ attacco di Hamas del 7 ottobre che ha innescato la mortale ritorsione militare israeliana sul territorio palestinese.

I manifestanti discutono con gli agenti di polizia durante una protesta contro il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e chiedono il rilascio degli ostaggi rapiti nell'attacco mortale contro Israele del 7 ottobre da parte del gruppo militante palestinese Hamas da Gaza, a Tel Aviv, Israele, 23 marzo 2024 (Reuters)
I manifestanti discutono con gli agenti di polizia durante una protesta contro il governo del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e chiedono il rilascio degli ostaggi rapiti nell’attacco mortale contro Israele del 7 ottobre da parte del gruppo militante palestinese Hamas da Gaza, a Tel Aviv, Israele, 23 marzo 2024 (Reuters)

Per gli ultimi aggiornamenti sul conflitto israelo-palestinese, visita la nostra pagina dedicata.

In concomitanza con la festa ebraica di Purim, migliaia di persone si sono radunate a Tel Aviv e Gerusalemme per protestare contro il governo e chiedere un accordo sugli ostaggi.

La crescente avversione verso l’attuale governo israeliano fa seguito a mesi di proteste dirompenti in Israele, prima della guerra, sostenute da molti funzionari militari, membri della comunità dell’intelligence e figure legali, oltre ai riservisti, che minacciavano di ignorare l’appello al dovere di fermare il governo. dall’approvazione di una legislazione che ridurrebbe i poteri della Corte Suprema.

Il paradosso di Netanyahu

L’opinione pubblica israeliana sostiene il governo e l’esercito nella guerra del paese contro Gaza, ma la fiducia nell’establishment politico e nel suo leader, Netanyahu, è tra le più basse di sempre. “Israele oggi è un paradosso”, ha detto l’editorialista Shmuel Rosner ad Al Arabiya English.

Parlando da Tel Aviv, Rosner ha descritto una situazione “unica” in Israele in cui l’opinione pubblica sul governo è ampiamente polarizzata, divisa tra la guerra nella Striscia di Gaza assediata e la leadership di Netanyahu.

“Quando un paese viene attaccato e va in guerra, si assiste al fenomeno del raduno attorno alla bandiera. Le persone tendono a iniziare a sostenere il governo e il leader del paese. Nel nostro caso, quello che è successo è un massiccio sostegno allo sforzo bellico, ma pochissimo sostegno e fiducia nel primo ministro e nel governo”, ha detto Rosner.

Solo il 15% degli israeliani vuole che Netanyahu rimanga primo ministro dopo la fine della guerra contro il gruppo militante palestinese Hamas, ha rivelato un sondaggio con 746 partecipanti pubblicato nel gennaio 2024 dall’Israel Democracy Institute (IDI).

Molti israeliani, tuttavia, continuano a sostenere Netanyahu perché lo vedono come l’unico capace di condurre la guerra contro Hamas e, soprattutto, di manovrare gli Stati Uniti.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden viene accolto dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, mentre visita Israele nel mezzo del conflitto in corso tra Israele e Hamas, a Tel Aviv, Israele, il 18 ottobre 2023. (Reuters)

Sorgente: Gaza vs. Governance: Israelis feel the burden of the Netanyahu ‘paradox’

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20