0 9 minuti 4 mesi

L’alto diplomatico cinese invita a resistere alla mentalità da guerra fredda alle riunioni sulla sicurezza dei BRICS
Global South ha esortato a difendere la sicurezza nazionale, promuovere la costruzione di un mondo multipolare
Pubblicato: 25 luglio 2023 22:56

BRICS File foto: VCG

La sicurezza informatica e altre minacce nei settori della sicurezza tradizionali e non tradizionali sono state sotto i riflettori durante gli incontri in corso dei paesi BRICS a Johannesburg, in Sud Africa, poiché gli analisti hanno affermato che tra le crescenti incertezze globali, più paesi in via di sviluppo stanno cercando di migliorare la solidarietà per affrontare insieme le sfide al loro sviluppo sotto gli auspici del meccanismo BRICS. 

Durante la partecipazione al 13° incontro dei consiglieri per la sicurezza nazionale dei BRICS e degli alti rappresentanti per la sicurezza nazionale a Johannesburg, in Sudafrica, martedì, l’alto diplomatico cinese Wang Yi ha affermato che dopo oltre 10 anni di sviluppo, i BRICS sono diventati un’importante piattaforma per i paesi dei mercati emergenti e in via di sviluppo per unirsi e auto-svilupparsi. 

Nella nuova situazione, dobbiamo cogliere la futura direzione di sviluppo dei paesi BRICS, rafforzare ulteriormente la fiducia politica reciproca e il coordinamento strategico, continuare a fornire beni pubblici internazionali che soddisfino i requisiti dei tempi e sforzarci di tradurre lo spirito BRICS di apertura, inclusività e cooperazione vantaggiosa per tutti in azioni pratiche e perfezionare il “marchio d’oro” della cooperazione BRICS, ha affermato Wang.

Per affrontare le attuali sfide alla sicurezza globale e risolvere il dilemma della sicurezza, Wang ha anche invitato i paesi a resistere all’unilateralismo, all’egemonia e ad opporsi al “disaccoppiamento” e ai “doppi standard” e ad opporsi alla mentalità della Guerra Fredda e al gioco a somma zero. 

Gli analisti hanno affermato che gli incontri in corso per consulenti per la sicurezza e alti diplomatici dei paesi BRICS e “Amici dei BRICS” hanno sottolineato le preoccupazioni per la sicurezza dei paesi in via di sviluppo e delle nuove economie emergenti per le attività distruttive, le “rivoluzioni colorate” e gli attacchi informatici pianificati da alcuni paesi che hanno posto grandi minacce allo sviluppo stabile dei paesi in via di sviluppo e alla pace globale. 

Oltre a esprimere le loro preoccupazioni per i settori della sicurezza tradizionali e non tradizionali, i paesi BRICS e i paesi in via di sviluppo stanno cercando di migliorare la solidarietà per affrontare congiuntamente le sfide dello sviluppo nell’ambito del meccanismo BRICS, che farà anche parte della preparazione del 15° vertice BRICS in Sud Africa che si terrà dal 22 al 24 agosto, hanno osservato. 

Lunedì, all’incontro, che si è tenuto sul tema “La sicurezza informatica sta diventando sempre più una sfida per i paesi in via di sviluppo”, partecipano anche il ministro alla presidenza del Sudafrica Khumbudzo Ntshavheni, il consigliere capo della presidenza del Brasile Celso Luiz Nunes Amorim, il segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione russa Nikolai Patrushev, il consigliere per la sicurezza nazionale Ajit Doval dell’India e rappresentanti di Bielorussia, Iran, Arabia Saudita, Egitto, Burundi, Emirati Arabi Uniti , Kazakistan, Cuba e altri paesi.

Problemi di sicurezza sotto i riflettori

Durante l’incontro di martedì, Wang, membro dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese (PCC) e anche direttore dell’Ufficio della Commissione Centrale per gli Affari Esteri del PCC, ha affermato che il “Global South” è un insieme di paesi emergenti e paesi in via di sviluppo, che riflette la nostra ascesa collettiva sulla scena internazionale. I paesi del “Sud globale” affrontano l’importante missione di resistere all’intervento esterno e mantenere la sicurezza politica e la sicurezza del regime. 

Wang Yi ha affermato che l’unione fa la forza, l’azione è la direzione e l’apertura è la motivazione. La Cina è disposta a lavorare con i partner BRICS per sostenere gli sforzi reciproci per mantenere la sicurezza e la stabilità nazionali e per svolgere una cooperazione più pratica nell’affrontare le sfide alla sicurezza internazionale, in modo che il mondo possa ascoltare più voci BRICS e testimoniare un ruolo più importante dei BRICS. 

Alti funzionari sulla sicurezza dei paesi BRICS hanno anche scambiato opinioni approfondite su questioni come le attuali sfide alla sicurezza, l’antiterrorismo e la sicurezza informatica, la sicurezza alimentare e idrica e la sicurezza energetica, e hanno raggiunto un ampio consenso, secondo un comunicato del ministero degli Esteri cinese.

La questione della sicurezza informatica è stata discussa a lungo durante la riunione dei BRICS in corso, poiché alcuni paesi occidentali hanno intensificato l’uso di Internet per condurre attività distruttive in altri paesi, tra cui l’incitamento a rivolte interne, l’inganno al pubblico o l’organizzazione di attacchi informatici ai dipartimenti governativi, che hanno rappresentato una minaccia per la stabilità e lo sviluppo dei paesi in via di sviluppo, ha dichiarato martedì al Global Times Song Zhongping, un esperto militare cinese e commentatore televisivo. 

L’incontro sulla sicurezza, insieme ad altri incontri in vari campi, getterà le basi per il vertice dei leader di agosto, poiché il meccanismo BRICS è un meccanismo cooperativo al di là dei campi economici e di sicurezza, e sia che riguardi campi tradizionali o non tradizionali, salvaguarderebbe lo sviluppo e la cooperazione in altri settori, ha affermato Song. 

Il vertice BRICS di quest’anno si concentrerà sul miglioramento della cooperazione tra i membri BRICS e i paesi africani nella tecnologia, nell’economia e in altri campi, e la sicurezza sarebbe anche la base per la cooperazione, ha affermato Song. 

Il Sudafrica ha invitato i capi di stato di tutti i paesi africani al vertice, che ha come tema “BRICS e Africa: partenariato per una crescita reciprocamente accelerata, uno sviluppo sostenibile e un multilateralismo inclusivo”. Il vertice dovrebbe discutere su come i paesi BRICS possono lavorare meglio con i paesi africani, secondo quanto riferito dai media.

La sicurezza è la preoccupazione principale per la cooperazione finanziaria dei paesi BRICS e di altri paesi in via di sviluppo. Questo è anche il motivo per cui i paesi BRICS stanno studiando il potenziale utilizzo di valute alternative al dollaro USA, hanno detto gli analisti. 

Negli ultimi mesi, molti media, in particolare quelli occidentali e statunitensi, hanno riferito che i paesi BRICS stanno cercando di passare dal dollaro al commercio reciproco per evitare di diventare “vittime” delle sanzioni. Ad esempio, ad aprile, Bloomberg ha riferito che il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha invitato i paesi BRICS a trovare un’alternativa al dollaro nel commercio estero.

Il Sudafrica, presidente dei BRICS, ha posto la stabilità del sistema finanziario globale come una priorità per gli incontri dei BRICS, poiché i paesi BRICS e i paesi in via di sviluppo sono stati messi in una posizione sfavorevole che sarebbe influenzata dall’egemonia finanziaria globale, ha dichiarato al Global Times Wang Lei, direttore del Center for BRICS Cooperation Studies presso la Beijing Normal University.

Tuttavia, la de-dollarizzazione non è la missione principale dei paesi BRICS e ciò che vogliono è rendere il sistema finanziario globale più equo e inclusivo e riflettere meglio i principali cambiamenti avvenuti nel sistema di governo globale, ha affermato Wang Lei. 

Sullo sfondo del continuo conflitto Russia-Ucraina e dei drastici cambiamenti globali mai visti in un secolo, i paesi in via di sviluppo stanno cercando di dare uno slancio più stabile e sicuro al mondo e di promuovere il sistema di governo internazionale affinché sia ​​più inclusivo e rispecchi meglio i loro interessi. Tuttavia, secondo gli analisti, gli Stati Uniti e alcuni media occidentali hanno diffamato i loro sforzi. 

Ciò per cui i paesi BRICS stanno lavorando non è competere con gli Stati Uniti per la loro egemonia, ma costruire un mondo multipolare in cui le preoccupazioni di ogni paese in materia di sicurezza, economia e sviluppo possano essere rispettate dagli altri – questo potrebbe anche essere il motivo delle crescenti preoccupazioni degli Stati Uniti e dell’Occidente per la crescente influenza e attrattiva dei BRICS, ha affermato Song. 

Sorgente: Alto diplomatico cinese invita a resistere alla mentalità da guerra fredda alle riunioni sulla sicurezza dei BRICS – Global Times

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *