0 8 minuti 9 mesi
La Cina presenta la strada verso una sicurezza vera e sostenibile per l’Asia-Pacifico in contrasto con l’approccio del confronto di blocco degli Stati Uniti al dialogo Shangri-La
Pubblicato: 04 giugno 2023 23:05
Il consigliere di Stato cinese e ministro della Difesa nazionale Li Shangfu tiene un discorso programmatico al dialogo Shangri-La a Singapore il 4 giugno 2023. Foto: VCG

Il consigliere di Stato cinese e ministro della Difesa nazionale Li Shangfu tiene un discorso programmatico al dialogo Shangri-La a Singapore il 4 giugno 2023. Foto: VCG

Il feroce “fuoco incrociato” tra Cina e Stati Uniti sulle questioni di sicurezza continua al 20° Dialogo Shangri-La dell’IISS a Singapore, come il consigliere di Stato cinese e ministro della Difesa nazionale Li Shangfu ha elaborato domenica sulla visione di sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile della Cina e la sua perseguimento di un nuovo percorso verso la sicurezza caratterizzato dal dialogo piuttosto che dal confronto, dalla partnership piuttosto che dall’alleanza e dal vantaggio reciproco rispetto a somma zero.  

I delegati presenti all’evento, attraverso le osservazioni di Li, possono avere una comprensione più profonda della Global Security Initiative (GSI) proposta dalla Cina, hanno detto gli analisti, poiché è conforme alla tendenza generale della pace mondiale e dello sviluppo e dimostra la saggezza, la forza e gli sforzi della Cina per sicurezza e prosperità regionali, in netto contrasto con l’approccio divisivo e di scontro di blocco degli Stati Uniti riflesso nel discorso del Segretario alla Difesa Lloyd Austin “La leadership degli Stati Uniti nell’Indo-Pacifico”. 

Per una vera sicurezza

In un discorso intitolato “Le nuove iniziative di sicurezza della Cina”, il ministro della Difesa cinese ha affermato che per attuare il GSI, il rispetto reciproco dovrebbe prevalere sul bullismo e l’egemonia, l’equità e la giustizia dovrebbero trascendere la legge della giungla, eliminando i conflitti e il confronto attraverso la fiducia e la consultazione reciproche e prevenire il confronto di blocco con l’apertura e l’inclusività. 

 “La Cina è pronta a lavorare con tutte le parti per rafforzare il nostro impegno nei confronti di una comunità dell’Asia-Pacifico con un futuro condiviso, promuovere un solido sviluppo della cooperazione per la sicurezza regionale e sforzarsi di costruire un’architettura aperta, inclusiva, trasparente ed equa e perseguire prospettive più brillanti per la sicurezza nell’Asia-Pacifico”, ha affermato Li, specificando la necessità di costruire sistemi di sicurezza e di fiducia più forti; promuovere regole di sicurezza più eque; migliorare i meccanismi di sicurezza multilaterali; e svolgere una più efficace cooperazione in materia di difesa e sicurezza. 

Li ha anche sottolineato che la modernizzazione cinese è una forza potente che guida lo sviluppo per tutti, contribuisce a salvaguardare la pace nel mondo ea migliorare la governance globale. 

Sulla questione di Taiwan, Li ha affermato che la Cina si adopererà per le prospettive di una riunificazione pacifica con la massima sincerità e il massimo impegno, ma non promette di rinunciare all’uso della forza. “Se qualcuno osa separare Taiwan dalla Cina, l’esercito cinese non esiterà un secondo “. 

Il discorso di Li ha ricevuto un lungo e caloroso applauso e le sue risposte a 10 domande, tra cui sul Mar Cinese Meridionale, la questione di Taiwan, le relazioni Cina-USA e la crisi ucraina, hanno espresso chiaramente la posizione cinese. “Le nuove iniziative di sicurezza della Cina” sono diventate una parola d’ordine durante l’evento, ha appreso sul posto il Global Times. 

Durante il dialogo del 2023, il primo Li presente come ministro della difesa cinese, Li ha incontrato i capi della difesa e le delegazioni di paesi tra cui Mongolia, Nuova Zelanda, Filippine, Cambogia, Malesia, Germania, Regno Unito, Australia, Giappone, Corea del Sud, Indonesia e organizzazioni internazionali, compresa l’UE. 

Dino Patti Djalal, ex vice ministro indonesiano per gli affari esteri, ha affermato che il discorso è stato molto utile per sapere come la Cina vede la pianificazione militare, le relazioni geopolitiche con la regione e il resto del mondo, le relazioni Cina-USA, le sue opinioni sull’ordine internazionale, sulla questione di Taiwan e sul Mar Cinese Meridionale. “Sono sicuro che l’Indonesia sarà pronta a lavorare con la Cina in termini di sicurezza della regione”, ha detto Djalal durante l’evento. 

Una pioggia di tuoni domenica a mezzogiorno non ha smorzato la passione dei media per saperne di più sulla visione generale della sicurezza cinese e sulle opinioni sui temi scottanti mentre il Global Times ha visto i giornalisti, alcuni con le magliette bagnate, circondare tutti e sette i rappresentanti dell’Esercito popolare di liberazione (PLA) durante una conferenza stampa pomeridiana conferenza allo Shangri-La Hotel. 

Il riferimento di Li a “certi paesi” e “forze esterne” accenna agli Stati Uniti senza dirlo, che è un’espressione gentile più facile da ricevere per il pubblico, Ei Sun Oh, principale consigliere del Pacific Research Center in Malesia, ha notato il dettaglio. 

Alcuni ricercatori dell’International Institute for Strategic Studies (IISS) con sede a Londra hanno ritenuto che il discorso di Li abbia mostrato professionalità, ferma posizione e aderenza ai principi, nonché sincerità, genuina volontà di comunicare con gli altri, in particolare con gli Stati Uniti, secondo il colonnello senior Zhu Qichao, vicedirettore del Centro per la tecnologia della difesa nazionale e gli studi strategici dell’Università nazionale della tecnologia della difesa. 

Il tenente generale He Lei, ex vicepresidente dell’Accademia delle scienze militari del PLA, ha dichiarato al Global Times che il GSI sostiene la visione di una sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile e si conforma alla tendenza della pace e dello sviluppo mondiale. 

Fornisce una soluzione cinese alla costruzione di un’architettura di sicurezza aperta, inclusiva, trasparente ed equa nell’Asia-Pacifico e contribuisce alla saggezza e alla forza cinesi alla causa, ha affermato He, che è anche l’ex vicepresidente dell’Accademia delle forze armate Scienze del PLA.

Il piantagrane globale

Cina e Stati Uniti si sono già scambiati battute al vertice del Dialogo Shangri-La sulla questione di Taiwan e sulle relazioni militari bilaterali negli ultimi giorni. Gli Stati Uniti non hanno tenuto a freno il loro schema “dice una cosa e ne fa un’altra”, poiché hanno chiesto la gestione delle crisi all’interno della sede del vertice mentre intensificavano le provocazioni all’esterno.  

Il cacciatorpediniere missilistico guidato della classe Arleigh Burke della US Navy USS Chung-Hoone la fregata di classe Halifax della Marina canadese HMCS Montréal  ha effettuato sabato un transito attraverso lo Stretto di Taiwan. Il comando del teatro orientale del PLA ha gestito la situazione in conformità con la legge e i regolamenti, ma i due paesi hanno attaccato la risposta della Cina, definendola “aggressiva”. 

Sorgente: La Cina presenta il percorso verso una sicurezza vera e sostenibile per l’Asia-Pacifico in contrasto con l’approccio del confronto di blocco degli Stati Uniti al dialogo Shangri-La – Global Times