0 6 minuti 1 anno

Al Mayadeen TV Channel – 9 marzo 2023 La missione iraniana presso le Nazioni Unite ha dichiarato all’agenzia di stampa russa Sputnik che l’Iran ha concluso un accordo per l’acquisto di jet da combattimento Sukhoi Su-35 dalla Russia, rifiutandosi però di fornire informazioni sul numero di velivoli e sui tempi di consegna, in quanto informazioni riservate.“Dalla fine della guerra Iran-Iraq, nel 1988, l’Iran aveva contattato diversi Paesi per acquistare aerei da caccia e la Russia si è detta disponibile alla vendita“, ha dichiarato.“I caccia SU-35 sono [risultati] tecnicamente accettabili per cui, dopo l’ottobre 2020 e la fine delle restrizioni sull’acquisto di armi convenzionali da parte dell’Iran (risoluzione ONU 2231), è stato finalizzato l’accordo“, ha aggiunto la delegazione di Teheran.Non è stato inoltre specificato quando l’accordo è stato finalizzato esattamente, né quanti jet da combattimento la Russia avrebbe consegnato all’Iran e quando.“Ovviamente, non possiamo fornirvi altri dettagli da pubblicare perché si tratta di informazioni riservate“, ha aggiunto la missione. Comunque, a metà marzo è stato riferito che già da fine mese l’Iran avrebbe ricevuto dalla Russia diversi caccia Sukhoi Su-35.Il deputato Shahriar Heidari ha dichiarato all’agenzia di stampa Tasnim che, oltre ai caccia, l’Iran riceverà anche equipaggiamenti militari come sistemi di difesa aerea, sistemi missilistici ed elicotteri già ordinati in precedenza. I media hanno riferito che 24 caccia Sukhoi di quarta generazione, velivoli bi-reattore ad alta manovrabilità, destinati a missioni di superiorità aerea, fanno parte del pacchetto.A settembre, il comandante delle forze aeree dell’esercito iraniano Hamid Vahedi aveva annunciato che l’IRIAF stava cercando di acquistare i caccia Sukhoi Su-35 russi. Anche la Turchia ha preso in considerazione il Su-35 come alternativa agli F-16 di produzione statunitense, nell’eventualità di divergenze con gli Stati Uniti.L’Iran e la Russia hanno [da tempo] intrapreso misure e accordi per incrementare la propria cooperazione economica, commerciale, energetica e militare. A dicembre, il direttore della CIA William Burns aveva sottolineato la preoccupazione degli Stati in merito alla crescente cooperazione tra Russia e Iran ed il timore che possa evolvere in una collaborazione completa di difesa.È la prima volta da decenni che l’Iran acquista nuovi aerei da combattimento, ad eccezione di alcuni MiG-29 Fulcrum acquistati da Teheran negli anni Novanta.Attualmente l’IRIAF utilizza i MiG-29 russi e gli F-4 Phantom II, gli F-14 Tomcat e gli F-5E/F Tiger II modificati dagli Stati Uniti, che Teheran aveva ottenuto da Washington sotto il regime Pahlavi, sostenuto dagli USA.The National Interest ha riferito all’inizio di gennaio che il potenziale acquisto da parte di Teheran di decine di velivoli russi Su-35 darebbe un impulso senza precedenti al controllo di Teheran sul proprio spazio aereo, soprattutto in caso di confronto militare aereo contro un’aggressione israeliana.A fine dicembre, alcuni rapporti avevano già rivelato che la Russia intendeva fornire all’Iran uno squadrone completo di caccia Su-35, segnando così una nuova era nella cooperazione russo-iraniana mentre l’Occidente continua a cercare di isolare le due nazioni attraverso sanzioni unilaterali.Nonostante alcune valutazioni occidentali tendano a minimizzare il potenziale acquisto del velivolo da parte dell’Iran, ritenendo che non modificherebbe drasticamente l’equilibrio della potenza aerea nel Golfo, l’acquisto “presenta elementi negativi per l’Occidente”, suggerisce il rapporto.L’articolo descriveva il Su-35 come “un ottimo acquisto” per l’Iran, in quanto l’aereo è “un caccia russo di generazione 4.5 con un miglior rapporto spinta-peso rispetto al suo predecessore, il Su-27“, spiegando che è “in grado di eseguire manovre controllate che sarebbero altrimenti impossibili con la normale aerodinamica“.Oltre al Su-35, il rapporto di The National Interest ha affermato che l’Iran potrebbe essere molto vicino all’acquisto di un [sistema anti-missile] S-400, che “modificherebbe decisamente la valutazione del rischio” di un’eventuale aggressione israeliana all’Iran.Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha dichiarato giovedì, durante un incontro con il ministro della Sicurezza israeliano Yoav Gallant, che la cooperazione militare tra Russia e Iran ha ripercussioni negative sull’occupazione israeliana e sull’intera regione del Medio Oriente.“Il Segretario Austin ha fornito aggiornamenti al Ministro Gallant sulla guerra non provocata scelta dalla Russia in Ucraina. Ha sottolineato le implicazioni negative per Israele e per il Medio Oriente in generale derivanti dall’aumento della cooperazione militare tra Iran e Russia“, ha dichiarato il Pentagono in un comunicato dopo l’incoltro nella Palestina occupata.Inoltre, secondo la dichiarazione del Pentagono, Austin ha sottolineato che Teheran potrebbe acquisire esperienza sul campo di battaglia con i d

Sorgente: L’Iran acquisterà caccia Su-35 dalla Russia – Come Don Chisciotte


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.