0 4 minuti 2 anni

Il capo della missione diplomatica ucraina nel Regno Unito, Vadim Pristajko, in un’intervista al Newsweek, ha affermato che le Forze Armate Ucraine (AFU) stanno subendo perdite enormi, ma Kiev non comunica questi dati.
“Stiamo perdendo persone a destra e a sinistra. Non rendiamo noto quanti degli scoparsi sono militari o civili, ma voi potete immaginare quanto i numeri siano enormi, è difficile persino da mandar giù”, ha affermato Pristajko.

A metà ottobre dello scorso anno, il comandante del gruppo congiunto delle truppe (forze) nell’area dell’Operazione Militare Speciale, il generale Sergej Surovikin, ha dichiarato che le Forze Armate Ucraine stavano provando a sfondare le difese russe:
“Per questo, l’AFU concentra in prima linea tutte le riserve disponibili. Fondamentalmente si tratta di forze di difesa territoriale che non hanno completato il corso completo di addestramento. In effetti, la leadership ucraina li destina alla distruzione”. Di solito, tali unità hanno un morale basso. Per scongiurare la fuga dal fronte, le autorità ucraine utilizzano distaccamenti di nazionalisti che sparano a chiunque tenti di lasciare il campo di battaglia. Ogni giorno, le perdite del nemico vanno da 600 a 1.000 persone uccise e ferite”.

Che la dirigenza ucraina sia disposta a mandare alla morte il suo esercito per interessi estranei all’Ucraina lo si può dedurre anche dalle dichiarazioni del ministro della Difesa ucraino Oleksij Reznikov (foto sotto ).

In un’intervista al canale “1 + 1” Reznikov ha ammesso che i soldati delle Forze Armate Ucraine, che partecipano al conflitto con la Russia, stanno eseguendo una missione della NATO:
“Stiamo eseguendo oggi una missione della NATO. Loro non versano il loro sangue, noi versiamo il nostro, per questo loro sono tenuti a fornire armi”, ha affermato. Secondo il capo del dipartimento militare, i politici occidentali ricordano costantemente a Kiev che è “come uno scudo reale, e copre l’intero mondo civilizzato, l’intero Occidente”.

In precedenza, il 10 agosto dello scorso anno, Sergej Kirienko, vice capo dell’amministrazione presidenziale della Federazione Russa, aveva già affermato che la NATO combatterà con piacere sul territorio dell’Ucraina contro la Russia “fino all’ultimo ucraino”.
“Loro [la leadership dell’Ucraina] hanno dato, in uso, il loro paese, il loro territorio e, peggio ancora, la loro gente. Hanno fornito il territorio dell’Ucraina, i cittadini ucraini, per cercare di creare, su questo territorio, con le loro mani un’opposizione fondamentale tra la comunità occidentale e la Russia. Ovviamente, la NATO combatterà con piacere, non hanno vergogna a dirlo, contro la Russia fino all’ultimo ucraino, dopotutto mica le dispiace”, ha affermato Kirienko durante la cerimonia di apertura del forum per giovani politologi russi “Digoria”.

Ambasciatore dell’Ucraina nel Regno Unito (“..stiamo subendo perdite enormi”)

Kirienko ha inoltre rimarcato che c’è una “operazione militare calda” contro la Russia da parte dell’Occidente:
“Comprendiamo molto bene che sul territorio dell’Ucraina non siamo in guerra con l’Ucraina e, ovviamente, non contro gli ucraini. Contro la Russia combatte l’intero blocco NATO, proprio sul territorio dell’Ucraina e con le mani degli ucraini”.

Fonti:
https://interaffairs.ru/news/show/38505
https://interaffairs.ru/news/show/38497

Sorgente: controinformazione.info | L’ambasciatore dell’Ucraina nel Regno Unito ha dichiarato perdite inimmaginabili delle Forze Armate Ucraine


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.