0 2 minuti 2 anni

Martedì scorso, i soldati israeliani hanno invaso l’area archeologica di al-Mas’udiyya nella città palestinese di Burqa a nord-ovest di Nablus, nella parte settentrionale della Cisgiordania occupata, e hanno isolato quattordici famiglie.

Ghassan Daghlas, un funzionario palestinese che controlla le attività coloniali illegali di Israele nel nord della Cisgiordania, ha affermato che i soldati hanno imposto un severo assedio intorno ad Al-Mas’udiyya e l’area del vicino posto di blocco militare permanente sulla strada principale Nablus-Jenin.

Daghlas ha detto che quattordici famiglie palestinesi che vivono nelle loro terre vicino ad Al-Mas’udiyya sono state circondate e isolate, incapaci di entrare o uscire dall’area.

Il funzionario ha anche affermato che colonizzatori israeliani illegali hanno invaso l’area isolata e installato molte tende e capannoni sulle terre palestinesi in preparazione per trascorrere lì le festività ebraiche.

Al-Mas’udiyya è un’area archeologica visitata da migliaia di palestinesi durante tutto l’anno e conserva i resti delle ferrovie dell’era ottomana che collegavano la città di Haifa con la Giordania e l’Arabia Saudita dell’epoca.

I colonizzatori israeliani invadono frequentemente l’area dopo che i soldati la isolano per impedire ai palestinesi di raggiungerla.

Nelle notizie correlate, i soldati israeliani hanno chiuso il posto di blocco militare di Huwwara a sud di Nablus e hanno costretto i palestinesi ad andarsene mentre dozzine di colonizzatori effettuavano marce provocatorie e chiudevano gli incroci.

Sorgente: Army Closes Archeological Area, Isolates 14 Palestinian Families, Near Nablus – – IMEMC News