0 3 minuti 2 anni

«Secondo i dati affidabili disponibili, i militanti del battaglione nazionalista Azov hanno commesso una nuova sanguinosa provocazione facendo saltare in aria l’edificio del teatro da loro minato», ha affermato il dicastero moscovita.

La Difesa russa ha inoltre confutato le accuse delle autorità di Kiev contro Mosca.

«Dato il potenziale pericolo per la vita dei civili e la provocazione già compiuta dai nazionalisti il ??9 marzo scorso con l’ospedale n. 3 di Mariupol, l’edificio del teatro nel centro della città non è mai stato considerato un obiettivo da distruggere», hanno affermato i militari aggiungendo inoltre che «l’aviazione russa non ha effettuato alcuna missione che comportasse attacchi su obiettivi di terra entro i limiti di Mariupol». 7

 

 

«In precedenza, i rifugiati fuggiti da Mariupol, hanno informato che i nazisti del battaglione Azov potrebbero aver tenuto in ostaggio i civili nell’edificio del teatro, utilizzando i piani superiori come postazioni», ha poi spiegato il ministero.

In realtà la false flag sarebbe stata preparata quattro giorni fa. I residenti di Mariupol hanno avvertito l’inviato speciale del quotidiano russo Komsomol’skaja Pravda, Dmitry Steshin, di una provocazione architettata dai nazisti di Azov ormai braccati, lo scorso fine settimana.

L’inviato russo scrive: «A giudicare dal messaggio che mi è giunto dalla città, per la provocazione sono stati scelti due luoghi, la Moschea in cui si rifugiavano i cittadini turchi e il teatro. Dopo l’infruttuosa provocazione con l’ospedale, i combattenti ucraini, insieme all’amministrazione del Teatro, hanno radunato donne, bambini e anziani nell’edificio del teatro di Mariupol, in modo da creare uno scandalo mondiale contro l’aviazione della Federazione Russa e per affermare l’urgente bisogno di chiudere il cielo ucraino».

 

Quindi in conclusione vediamo se così è più semplice e concludete voi…

I nazisti del Battaglione Azov stanno cercando di scatenare la terza guerra mondiale ad un passo dalla sconfitta.

I media filo Nato italiani rilanciano come “informazione” la propaganda e le false flag dei nazisti di Azov.

I media filo Nato italiani stanno cercando di scatenare…

Sorgente: Teatro Mariupol. La stampa italiana filo Nato corre dietro alle false flag dei nazisti Azov – Crisi in Ucraina – L’Antidiplomatico