0 4 minuti 2 anni

Il senatore degli Stati Uniti Lindsey Graham (R-South Carolina) è imperterrito dal contraccolpo sulla sua proposta all’inizio di questo mese che qualcuno dovrebbe assassinare il presidente russo Vladimir Putin. In effetti, sta intensificando la sua violenta retorica politica nel mezzo della crisi ucraina.”Spero che venga eliminato, in un modo o nell’altro”, ha detto Graham ai giornalisti mercoledì a Washington. “Non mi interessa come lo eliminano. Non mi interessa se lo mandiamo all’Aia e lo proviamo. Voglio solo che se ne vada”.Graham ha confermato di vedere l’omicidio di Putin come un’opzione desiderabile per rimuovere il presidente russo, proprio come ha insinuato in un post su Twitter del 3 marzo in cui chiedeva: “C’è un Bruto in Russia? C’è un colonnello Stauffenberg di maggior successo nell’esercito russo?” All’epoca, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov denunciò la “folle isterica” ​​del sentimento anti-russo negli Stati Uniti, definendola una sorta di “crollo russofobo” .LEGGI ANCHE: Il Cremlino reagisce all’appello del senatore americano di assassinare PutinIl senatore notoriamente falco ha confermato mercoledì che stava effettivamente chiedendo l’assassinio di Putin. “È ora che se ne vada”, ha detto Graham di Putin. «È un criminale di guerra. Vorrei che qualcuno avesse fatto fuori Hitler negli anni ’30. Quindi sì, Vladimir Putin non è un leader legittimo. È un criminale di guerra”.Il popolo russo “avrà un futuro zero” se continuerà a seguire Putin, ha affermato Graham, aggiungendo che se gli Stati Uniti continueranno gli sforzi per aiutare l’Ucraina a difendersi imponendo sanzioni per “strangolare l’economia russa”, le forze all’interno della Russia si alzeranno fino a porre fine alla crisi. “Penso che il mondo stia meglio senza Putin: prima è meglio è, e non mi interessa come lo facciamo”.LEGGI DI PIÙ: Il Cremlino risponde a Biden definendo Putin “criminale di guerra”I commenti di Graham sono arrivati ​​​​tra l’escalation della retorica anti-Putin a Washington. Il presidente Joe Biden ha definito Putin un “criminale di guerra” per la prima volta mercoledì, il giorno dopo che il Senato ha appoggiato una risoluzione che etichetta il presidente russo in quel modo.Mosca ha inviato truppe in Ucraina il 24 febbraio, sostenendo che la Russia deve smilitarizzare e “denazificare” il governo di Kiev dopo che si è rifiutato di risolvere pacificamente il conflitto nel Donbass e ha cercato armi nucleari e l’adesione alla NATO. L’Ucraina ha definito la mossa un attacco “non provocato” e ha insistito sul fatto che non aveva intenzione di rivendicare la regione del Donbass con la forza. Mosca ha ripetutamente negato le accuse di attacchi indiscriminati alle città ucraine, affermando che le forze russe stanno solo colpendo obiettivi militari. Il Cremlino ha rimproverato Biden per aver definito Putin un criminale di guerra, dicendo che tali commenti del capo di stato americano sono “inaccettabili e imperdonabili”.

Sorgente: Il senatore degli Stati Uniti ripete l’appello ad assassinare Putin — RT World News


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.