D’Alema e gli aerei alla Colombia: il caso arriva in Parlamento. Terremoto per Leonardo e Fincantieri – la Repubblica

D’Alema e gli aerei alla Colombia: il caso arriva in Parlamento. Terremoto per Leonardo e Fincantieri – la Repubblica

17 Marzo 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Interrogazione al ministro Guerini e inchiesta interna di Leonardo: “Chi ha autorizzato la trattativa parallela?”. Trema la poltrona di Profumo

L’incredibile storia della vendita (vera o millantata che fosse) delle navi e aerei militari italiani alla Colombia, rischia di non essere soltanto un problema per la reputazione dell’ex premier Massimo D’Alema. Che di quella trattativa è stato in qualche modo protagonista. Ma in queste ore si sta rivelando, al contrario, un terremoto soprattutto per i vertici delle due più importanti aziende di Stato italiane, Leonardo e Fincantieri: l’amministratore delegato, Alessandro Profumo, in particolare, e il manager della società di navi, Giuseppe Giordo. Il caso, come era inevitabile che fosse (e come probabilmente voleva chi ha diffuso gli audio dell’incontro) è diventato politico. E ha come centro Leonardo e Fincantieri, e i rispettivi management. Nel Governo e in Parlamento – ieri è stata depositata un’interrogazione al ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, dal segretario di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni che con D’Alema aveva dato vita a Leu – c’è chi chiede risposte su come la trattativa sia stata condotta e vuole risposte sulle eventuali responsabilità dei manager. In un momento, questo, che non è affatto neutro. A maggio, infatti, l’esecutivo dovrà ridisegnare i vertici di Fincantieri mentre il prossimo anno tocca a Leonardo. Con l’idea, che potrebbe riprendere quota, di creare un’unica grande azienda della Difesa italiana.

 

 

La questione ruota attorno a un punto, al centro anche dell’inchiesta interna che Leonardo ha aperto in queste ore. La società italiana aveva in piedi una trattativa ufficiale per la vendita di sei velivoli M346 con un intermediario colombiano. Una trattativa di cui erano a conoscenza tutti i manager della società, a partire dell’ad Profumo. E della quale era stato interessato anche il Governo italiano, che aveva preso contatti ufficiali con l’esecutivo di Bogotà. Nello specifico, da un anno esisteva un contratto con un promoter locale, la Aviatek group, scelto dopo mesi di ricerca.  “Da chi, allora, e per quale motivo viene autorizzata una trattativa parallela? Chi sapeva e cosa?” chiedono, in sintesi, nell’audit interna i vertici della società. E lo stesso fa Fratoianni al ministro della Difesa. In un’intervista a Repubblica, l’ex premier D’Alema ha raccontato di essere stato contattato da due presunti emissari del governo colombiano e di averli messi in contatto con Leonardo e Fincantieri. E di averlo fatto gratuitamente, senza aver avuto alcun incarico dalle due aziende italiani. E di essersi mosso anche perché le società sono clienti importanti di Ernst&Young, la società di consulenza di cui l’ex premier è presidente dell’advisor board. Da parte loro, le aziende non hanno mai negato i contatti con gli intermediari che avrebbero dovuto favorire gli eventuali contratti. Anche se c’è una differenza nelle posizioni dei due colossi di stato. Fincantieri era arrivata a firmare quello che nel gergo degli affari si chiama Mou (memorandum of understanding), un documento in cui si fissano i contorni dell’operazione ma senza entrare nei dettagli economici. Leonardo non era nemmeno arrivata a questo punto: secondo fonti vicine all’azienda, si stava solo valutando eventuali “opportunità di business”, e per questo era stato chiesto al responsabile commerciale di verificare se fosse stato possibile ampliare la commessa e che al momento era solo stato firmato un accordo di confidenzialità con lo studio americano Robert Allen Law e fornito materiale che si può ricavare anche dal sito aziendale.

Non è chiaro, però, perché viene scelto un nuovo studio quando esisteva già un riferimento. Perché ci si fida di questi due intermediari e soprattutto per quale motivo viene consentito un sovrapporsi di trattative che può aver contribuito, questo per lo meno sostengono al ministero della Difesa, a far saltare l’affare da quattro miliardi. Dall’esito dell’audit di Leonardo dipenderà il futuro immediato di Profumo. Fermo restando che al Governo ritengono molto difficile che il prossimo anno possa restare in azienda, magari come presidente, come si era ipotizzato nei mesi scorsi. Il prossimo mese dovrebbe concludersi invece l’esperienza in Fincantieri di Giuseppe Bono, che guida il gruppo dal 2002. Non saranno le uniche nomine da fare: cambio di vertici anche in Invitalia, Snam, Italgas e Autostrade.

Sorgente: D’Alema e gli aerei alla Colombia: il caso arriva in Parlamento. Terremoto per Leonardo e Fincantieri – la Repubblica

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot