Se l’Ucraina può avere una brigata internazionale, perché non possono la Palestina e la Siria? – Middle East Monitor

Se l’Ucraina può avere una brigata internazionale, perché non possono la Palestina e la Siria? – Middle East Monitor

28 Febbraio 2022 0 Di ken sharo

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha affermato che sosterrà chiunque voglia andare in Ucraina per unirsi a una brigata internazionale di combattenti contro la Russia. Ha descritto tale missione come la partecipazione a una battaglia “per la libertà e la democrazia”.

Non posso fare a meno di interrogarmi, però, su coloro che hanno lasciato le coste britanniche per combattere all’estero solo per vedersi revocare la cittadinanza da un governo britannico antipatico. L’unica differenza che vedo tra chi vuole combattere in Ucraina e chi vuole combattere in Palestina, Siria, Libia o Iraq è il colore della pelle e la fede.

Ci sono almeno 100.000 musulmani che vivono a Kiev. Truss sosterrà i loro fratelli e sorelle britannici ed europei che vogliono andare a combattere al loro fianco nella capitale ucraina? Ha detto alla BBC domenica mattina che spettava alle persone prendere le proprie decisioni in tali situazioni; ha anche detto che gli ucraini stanno combattendo per la libertà, “non solo per l’Ucraina ma per l’intera Europa”.

Perché, mi chiedo, la democrazia e la libertà sono più preziose in Europa che, diciamo, in Siria, dove il dittatore Bashar Al-Assad sta cercando di schiacciare le ultime vestigia di una rivoluzione in cui i siriani hanno osato sognare il proprio stato democratico? E perché i palestinesi che resistono alla brutale occupazione di Israele vengono demonizzati come “terroristi” ed evitati dall’Occidente “democratico” e apparentemente amante della libertà? Conosco molte persone che vorrebbero uscire e unirsi ai palestinesi in difesa dei loro legittimi diritti mentre combattono per la sopravvivenza contro l’apartheid Israele .

Mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy esorta i cittadini stranieri “a unirsi alla difesa della sicurezza in Europa”, il suo governo è pronto ad armare una legione “internazionale” di stranieri volontari che desiderano unirsi all’esercito ucraino nella sua lotta contro le forze russe. “Questa non è solo l’invasione russa dell’Ucraina”, ha sottolineato sul suo sito web ufficiale. “Questo è l’inizio di una guerra contro l’Europa. Contro l’unità europea”.

I leader palestinesi hanno rilasciato dichiarazioni simili sulla sicurezza del futuro del terzo sito più sacro dell’Islam, il Nobile Santuario di Al-Aqsa a Gerusalemme, che è sotto attacco da parte delle forze di occupazione israeliane, compresi i coloni illegali. Se fosse stato lanciato un appello internazionale a milioni di musulmani in tutto l’Occidente per proteggere Al-Aqsa dai disegni omicidi degli israeliani, il ministro degli Esteri Liz Truss approverebbe? In qualche modo, ne dubito. Come ho scritto un paio di giorni fa, “La crisi in Ucraina espone l’ipocrisia di Israele e dei suoi alleati sionisti”. Tra questi ultimi spicca Truss e il governo in cui ha un ruolo di primo piano.

“Chiunque voglia unirsi alla difesa della sicurezza in Europa e nel mondo può venire e stare spalla a spalla con gli ucraini contro gli invasori del 21° secolo”, ha detto Zelenskyy. Ora immagina che il leader di Hamas Ismail Haniyeh – la cui elezione democratica a Primo Ministro palestinese nel 2006 è stata respinta da quegli stessi alleati sionisti – abbia rivolto un tale invito ai musulmani di tutto il mondo, e in particolare alla Gran Bretagna, a proteggere il popolo della Palestina occupata da Israele e il suo colonialismo di coloni. L’apartheid, ricordate, è simile a un crimine contro l’umanità e l’annessione di territori attraverso l’azione militare è illegale; Israele è colpevole di entrambi.

Inoltre, alcuni dei coloni e dei soldati che sostengono e impongono l’occupazione israeliana della Palestina possiedono passaporti britannici e altri europei. Ma ehi, a quanto pare va bene, perché sono bianchi ed ebrei, mentre coloro che si oppongono sono “solo” arabi.

Leggi: La Russia vede continuare il coordinamento militare con Israele sulla Siria

Nel 2019 ho visitato una clinica per amputati dove ai bambini siriani traumatizzati veniva insegnato di nuovo a camminare. Ho incontrato medici, insegnanti e operatori umanitari britannici a cui è stata revocata la cittadinanza perché lavoravano a Idlib, controllata dai ribelli. Incapaci di impugnare legalmente la decisione del governo britannico di uscire da una zona di guerra, ora si trovano in un buco nero legale.

Non raccolsero armi né andarono a combattere; volevano semplicemente aiutare il comune popolo siriano nella sua lotta per la democrazia e il modo migliore per farlo era usare le capacità che avevano. Devono tutti chiedersi perché il governo britannico che li ha privati ​​dei loro passaporti sia pronto a sostenere coloro che cercano di fare lo stesso in Ucraina e persino a prendere le armi lì. Può esserci un esempio più palese di ipocrisia, islamofobia e razzismo di quello mostrato da Liz Truss e, presumibilmente, dal suo capo Boris Johnson e dai loro colleghi di gabinetto?

Quando le persone sono nei guai, è nella natura umana che le persone vogliano aiutare in ogni modo possibile. Non mi sognerei di criticare chiunque voglia unirsi a una brigata internazionale per aiutare gli ucraini nella loro lotta. Ma se va bene, allora dovrebbe andare bene anche per gli altri andare ad aiutare il popolo di Palestina, Cecenia, Libia, Siria, Yemen, Kashmir occupato e altri luoghi problematici.

Negli anni ’30, circa 60.000 giovani lasciarono il Nord America e l’Europa per unirsi alle Brigate internazionali, gruppi di volontari stranieri che combatterono a fianco dei repubblicani contro le forze nazionaliste fasciste durante la guerra civile spagnola (1936-1939). Ciò che viene raramente riportato è che mentre molti hanno lasciato la Gran Bretagna per combattere per i repubblicani, c’erano anche alcuni che hanno combattuto a fianco dei fascisti. Nessuno dei due ha affrontato problemi quando sono tornati in Gran Bretagna.

Mentre Truss e il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace insistono sul fatto che i soldati britannici non saranno inviati in Ucraina per combattere, la posizione dei cittadini britannici che decidono di unirsi alla brigata internazionale deve essere chiarita. Il ministro degli Esteri deve spiegare perché la difesa della democrazia in Ucraina è accettabile, ma opporsi a tiranni, dittatori e regimi autoritari altrove non lo è. Abbiamo il diritto di sapere. Più precisamente, anche il popolo della Palestina occupata e della Siria. Se gli ucraini possono essere aiutati da una brigata internazionale, perché no?

Opinione:  La crisi in Ucraina espone l’ipocrisia di Israele e dei suoi alleati sionisti

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la politica editoriale di Middle East Monitor.

Sorgente: If Ukraine can have an international brigade, why can’t Palestine and Syria? – Middle East Monitor