0 5 minuti 2 settimane

Israele ha rilasciato il direttore dell’ospedale principale di Gaza lunedì, sette mesi dopo che l’esercito ha fatto irruzione nella struttura per le accuse che fosse usata come centro di comando di Hamas.

Il rilascio di Mohammed Abu Selmia senza accusa né processo ha sollevato ulteriori interrogativi sulle accuse di Israele riguardanti l’ospedale Al-Shifa, che le sue forze hanno fatto irruzione in due occasioni dall’inizio della sua guerra di quasi nove mesi con Hamas.

Per gli ultimi aggiornamenti sul conflitto Israele-Palestina, visita la nostra pagina dedicata.

Abu Selmia ha affermato che lui e altri prigionieri erano stati torturati e tenuti in condizioni difficili, accuse che non potevano essere confermate in modo indipendente ma che corrispondevano ad altri resoconti di detenuti palestinesi che sono stati rilasciati a Gaza.

“I nostri detenuti sono stati sottoposti a tutti i tipi di tortura dietro le sbarre”, ha affermato. “C’erano torture quasi quotidiane. Le celle vengono forzate e i prigionieri vengono picchiati”. Ha affermato che le guardie gli hanno rotto un dito e gli hanno fatto sanguinare la testa durante le percosse, in cui hanno usato manganelli e cani.

Ha affermato che anche il personale medico delle diverse strutture in cui era detenuto aveva preso parte agli abusi “in violazione di tutte le leggi”. Ha affermato che ad alcuni detenuti erano stati amputati gli arti a causa delle scarse cure mediche.

I funzionari israeliani non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento sul motivo per cui era stato rilasciato o sulle sue accuse di maltrattamenti. Le autorità carcerarie hanno precedentemente negato tali maltrattamenti ai detenuti.

Nel frattempo, due ministri di estrema destra del governo israeliano hanno condannato il rilascio di Abu Selmia, affermando che era stato eseguito senza il loro consenso.

Le forze israeliane hanno fatto irruzione nell’ospedale Al-Shifa a novembre, sostenendo che Hamas aveva creato un elaborato centro di comando e controllo all’interno della struttura. Abu Selmia e altri membri dello staff hanno negato le accuse e hanno accusato Israele di aver messo in modo sconsiderato migliaia di pazienti e sfollati che si erano rifugiati lì.

L’esercito ha scoperto un tunnel sotto l’ospedale Al-Shifa che conduceva ad alcune stanze, così come altre prove che i militanti erano stati presenti all’interno del centro medico, ma le prove non erano all’altezza di quanto affermato prima dell’irruzione.

Abu Selmia è stato arrestato il 22 novembre mentre scortava un’evacuazione di pazienti dall’ospedale guidata dalle Nazioni Unite. Ha affermato che la sua detenzione era “politicamente motivata”, aggiungendo che era stato portato in tribunale almeno tre volte ma non era mai stato accusato o autorizzato a incontrare gli avvocati.

Nahedh Abu Taema, direttore dell’ospedale Al-Nasser nel sud di Gaza, che è stato anche oggetto di un raid da parte delle forze israeliane, afferma che Abu Selmia era tra i 55 detenuti palestinesi di Gaza rilasciati lunedì.

Afferma che tutti tranne cinque sono stati portati all’ospedale Al-Nasser per controlli medici mentre gli altri sono stati portati all’ospedale dei martiri di Al-Aqsa a Deir al-Balah.

Da allora Israele ha fatto irruzione in diversi altri ospedali di Gaza con accuse simili, costringendoli a chiudere o ridurre drasticamente i servizi anche se decine di migliaia sono rimasti feriti negli attacchi israeliani o ammalati nelle dure condizioni della guerra. L’esercito ha fatto irruzione ad Al-Shifa una seconda volta all’inizio di quest’anno, provocando pesanti distruzioni dopo aver affermato che i militanti si erano raggruppati lì.

Gli ospedali possono perdere la loro protezione ai sensi del diritto internazionale se i combattenti li utilizzano per scopi militari.

Israele ha lanciato la sua offensiva dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre, in cui i militanti palestinesi hanno ucciso circa 1.200 civili e preso in ostaggio altri 250. La guerra ha ucciso oltre 37.800 palestinesi, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, che non dice quanti fossero civili o combattenti.

La maggior parte della popolazione di Gaza, pari a 2,3 milioni, è fuggita dalle proprie case, molti dei quali sono sfollati più volte. Le restrizioni israeliane, i combattimenti in corso e il crollo dell’ordine pubblico hanno ostacolato la consegna degli aiuti umanitari, alimentando la fame diffusa e suscitando timori di carestia.

Sorgente: Il direttore dell’ospedale Al-Shifa rilasciato da Israele afferma di essere stato torturato mentre era in custodia


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.