Israele spera che i booster possano evitare un nuovo blocco mentre l’efficacia del vaccino contro il Covid svanisce | Financial Times

Israele spera che i booster possano evitare un nuovo blocco mentre l’efficacia del vaccino contro il Covid svanisce | Financial Times

3 Settembre 2021 0 Di marco zinno

Please use the sharing tools found via the share button at the top or side of articles. Copying articles to share with others is a breach of FT.com T&Cs and Copyright Policy. Email [email protected] to buy additional rights. Subscribers may share up to 10 or 20 articles per month using the gift article service. More information can be found here.
https://www.ft.com/content/23cdbf8c-b5ef-4596-bb46-f510606ab556

Dopo che Israele è andato avanti per vaccinare gran parte della sua popolazione e ha riaperto la sua economia a marzo, la nazione mediterranea è diventata una stella polare per il mondo. Per cinque mesi gli israeliani hanno goduto di un assaggio di libertà post-pandemia, con feste di strada esultanti e senza maschere e ristoranti affollati. Ma ora, con le infezioni da coronavirus in Israele che sono salite ai massimi visti l’ultima volta a febbraio e il pubblico che si prepara a un altro potenziale blocco, gli scienziati si chiedono cosa sia andato storto in un paese in cui l’80% degli adulti è stato vaccinati  due volte. La risposta, che sta lentamente prendendo forma in dati molto contestati , è che la protezione conferita dal vaccino a due dosi  BioNTech/Pfizer, che Israele ha utilizzato quasi esclusivamente, sembra svanire  più velocemente del previsto, aumentando il rischio di infezioni . . Questo alla fine lascia coloro che sono stati inoculati per primi, generalmente i più anziani e i più vulnerabili, a un rischio crescente di infezione e malattia grave. Allo Sheba Medical Center, il più grande in Israele, i ricercatori hanno identificato la tendenza in anticipo. Gli esami del sangue mensili del personale medico, molti dei quali erano stati vaccinati a dicembre, hanno iniziato a mostrare livelli di anticorpi in calo e cadute significative entro giugno, ha affermato Arnon Afek, un alto funzionario della catena ospedaliera. I livelli di anticorpi a volte possono diminuire senza avere un impatto sull’efficacia ma, più o meno allo stesso tempo, gli ospedali di Sheba hanno iniziato a notare un aumento degli anziani, delle persone vaccinate risultate positive e in cerca di cure. “Era abbastanza allarmante”, ha detto Afek. “Dopo circa sei mesi, ci siamo resi conto che il livello di anticorpi nel nostro personale stava diminuendo e, in tutto Israele, c’è stato un aumento del numero di pazienti. E questo stava accadendo in parallelo con la variante Delta [coronavirus]”. Ad agosto, secondo il ministero della salute, gli studi hanno mostrato che l’efficacia del vaccino Pfizer contro l’infezione è scesa al 39% e fino al 16% per le persone che hanno ricevuto la seconda vaccinazione a gennaio. La cosa più preoccupante è che l’efficacia del vaccino per la prevenzione di malattie gravi nella coorte più vulnerabile – israeliani di età superiore ai 65 anni, la maggior parte dei quali è stata sottoposta a doppia iniezione entro gennaio – è scesa al 55%, ha affermato il ministero. Immunologi ed esperti, sia in Israele che fuori, hanno messo in dubbio la precisione di quei dati, che il governo israeliano ha diffuso silenziosamente e senza alcuna chiarezza sulla sua metodologia. Altri studi internazionali hanno anche mostrato una minore efficacia del vaccino Pfizer contro la variante Delta e una diminuzione dell’immunità nel tempo, ma i cali stimati sono stati generalmente inferiori. Uno studio dell’università di Oxford pubblicato giovedì ha rilevato che l’efficacia del vaccino Pfizer contro l’infezione sintomatica si è quasi dimezzata dopo quattro mesi. Pfizer, che ha lavorato a stretto contatto con Israele durante la pandemia e sta spingendo per l’uso di booster a livello globale, ha sostenuto la valutazione del governo. “Questi ultimi dati da Israele sono coerenti con le tendenze epidemiologiche che abbiamo osservato e rafforzano la necessità di una dose di richiamo per ristabilire la massima efficacia protettiva”, ha affermato Pfizer in risposta alle domande. Eran Segal, consigliere del governo israeliano e biologo computazionale, ha affermato che l’efficacia del vaccino sta chiaramente diminuendo nel tempo. “Se non fosse per quello che sembra essere un effetto calante, non vedremmo numeri così alti”, ha detto. Più preoccupante dei numeri positivi è stato il numero che ha richiesto il ricovero in ospedale. Quando Delta è subentrata nel Regno Unito, la campagna di vaccinazione ha fatto sì che la percentuale di casi di coronavirus che richiedevano il ricovero in ospedale fosse diminuita del 70%, il cosiddetto disaccoppiamento tra infezione e necessità di ricovero. In Israele, dove più anziani erano stati vaccinati prima e Delta è arrivata più tardi, quel numero è diminuito solo del 40%, una tendenza che secondo gli esperti, incluso Segal, ha mostrato che la protezione del vaccino contro le malattie gravi ha iniziato a diminuire nel tempo.  Israele ha la capacità di gestire circa 1.200 pazienti Covid con malattie gravi e, a metà agosto, metà di quei letti d’ospedale erano pieni. Parlando a una riunione di gabinetto domenica, il primo ministro Naftali Bennett ha dichiarato: “Paradossalmente, il gruppo più vulnerabile in questo momento sono quelli a cui sono state inoculate due dosi e [non hanno ancora ricevuto] la terza. “Vanno in giro con la sensazione di essere protetti: non capiscono che la seconda dose si erode nel tempo contro il ceppo Delta”. Nel tentativo di evitare un altro blocco nazionale, Bennett ha annunciato un piano di quasi 800 milioni di dollari per raddoppiare la capacità ospedaliera per far fronte ai malati gravi. Il 30 luglio Israele è diventato anche il primo paese a somministrare una terza dose del vaccino Pfizer come richiamo. “La decisione avrebbe dovuto essere presa prima, ma è stata comunque una decisione molto, molto coraggiosa”, ha affermato Afek, che in precedenza era il massimo funzionario del ministero della salute. “All’epoca, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti diceva che un terzo colpo non era necessario, quindi ci è voluto molto coraggio per andare avanti senza il sostegno della FDA”.

Sorgente: Israele spera che i booster possano evitare un nuovo blocco mentre l’efficacia del vaccino contro il Covid svanisce | Financial Times

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •