Niente più prigione e niente più catene, Salis va ai domiciliari 

0 6 minuti 3 settimane

Dopo quindici mesi di carcerazione preventiva nel carcere preventivo Gyorskocsi Utca Ilaria Salis è stata trasferita ai domiciliari, a casa di una cittadina ungherese che la ospiterà. La decisione fa seguito all’accoglimento dell’appello presentato nelle scorse settimane dai legali della difesa. Ieri è arrivato nelle […]

- Rassegna Stampa Antifascismo carceri Europa Governo Politica Unione Europea