Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
23 May 2024
0 6 minuti 1 mese

Quattro uomini palestinesi disarmati stanno camminando nella città di Khan Younis , nel sud della Striscia di Gaza, circondati solo dai rottami dei bombardamenti israeliani. Apparentemente alla ricerca delle loro case o dei parenti perduti, un’esplosione manda in frantumi la breve tregua degli uomini dalla guerra.

Due degli uomini vengono sterminati. Il terzo uomo, che ora si allontana zoppicando dal sito preso di mira, viene rapidamente eliminato da un’altra esplosione. Il quarto uomo cade in ginocchio e, in un istante, viene fatto a pezzi da un altro attacco aereo.

Questa scena, presumibilmente avvenuta a febbraio, di atroce brutalità rappresentata nelle riprese di droni israeliani, è stata pubblicata da Al Jazeera  a marzo in una tempesta di critiche contro le azioni di Israele nella sua guerra a Gaza.

Alcune settimane dopo, il quotidiano israeliano Haaretz ha scoperto che l’esercito israeliano aveva istituito delle “ kill zone ” in cui chiunque attraversi questi confini invisibili diventa un bersaglio – confermando che l’esercito israeliano non fa distinzioni tra combattenti e civili in grave violazione delle leggi del paese. guerra.

“La creazione di ‘kill zone’ a Gaza non è un’idea nuova che emerge nella guerra attuale, ma piuttosto una tattica militare di lunga data che risale a più di dieci anni fa”

Il giorno dopo la pubblicazione del rapporto, un attacco aereo israeliano ha ucciso sette operatori umanitari internazionali nella Striscia di Gaza, scatenando ancora una volta uno tsunami di condanna contro Israele.

“Il diritto internazionale umanitario richiede che i combattenti distinguano tra obiettivi civili e militari”, ha detto a The New Arab Annie Shiel, direttrice americana del Centro per i civili in conflitto . Pertanto, ha spiegato Shiel, quando lo status di un individuo è in dubbio, il diritto internazionale impone ai combattenti di presumere che quella persona sia un civile.

“I rapporti che abbiamo visto sulle zone di uccisione suggeriscono che sta accadendo il contrario: che Israele presuppone che tutti siano un obiettivo che non rende sicuro nessun posto per i civili. E questo approccio va assolutamente contro il diritto umanitario internazionale”, ha detto Shiel.

Negli ultimi sei mesi di guerra, sono emersi diversi incidenti in cui le forze israeliane hanno sparato contro civili disarmati nell’enclave assediata.

A febbraio, l’esercito israeliano ha ammesso di aver sparato contro i civili che cercavano di raccogliere pacchi di aiuti nel nord di Gaza, in cui 112 palestinesi sono stati uccisi e altre centinaia feriti durante un terribile incidente noto come il ” massacro della farina “.

L’esercito ha detto che i civili sono stati colpiti perché “rappresentavano una minaccia per [le forze]”. L’incidente di febbraio è solo uno dei tanti “massacri di farina”. Secondo Euro-Med Human Rights Monitor , i soldati israeliani hanno ucciso più di 500 palestinesi mentre ottenevano aiuti umanitari vitali.

A dicembre, le truppe israeliane avrebbero giustiziato 19 civili palestinesi appena fuori dal loro condominio in quello che le Nazioni Unite hanno descritto come “un possibile crimine di guerra”. Un altro rapporto dell’Euro-Med Human Rights Monitor ha rilevato che l’esercito israeliano ha  giustiziato dozzine di anziani palestinesi a Gaza in operazioni di sparatoria diretta.

A febbraio, l’esercito israeliano ha ammesso di aver sparato contro i civili che cercavano di raccogliere pacchi di aiuti nel nord di Gaza, un incidente noto come il “massacro della farina”. Oltre 100 persone furono uccise. [Getty]

Più recentemente, un attacco aereo israeliano nel nord di Gaza ha ucciso tre figli e quattro nipoti del capo di Hamas Ismail Haniyeh. L’ esercito israeliano – senza menzionare i nipoti – ha descritto i tre figli come agenti militari di Hamas e ha detto che erano stati presi di mira perché stavano per “svolgere attività terroristiche nella zona centrale della Striscia di Gaza”.

Secondo quanto riferito, stavano andando a una festa di famiglia che segnava il primo giorno della festa musulmana dell’Eid.

“A meno che non vengano alla luce nuove informazioni su qualche funzione di combattimento che svolgevano e su un vantaggio militare diretto previsto che era sufficientemente importante da rendere in qualche modo ‘proporzionata’ la prevedibile morte di bambini”, Eitan Diamond, un avvocato del Diakonia International Human Law Center, ha scritto sui social media , allora l’uccisione dei figli e dei nipoti di Haniyeh “sembra rientrare nella categoria degli attacchi diretti intenzionalmente contro civili che non prendono parte diretta alle ostilità, un crimine di guerra”.

“L’esercito israeliano tradizionalmente non ha osservato una distinzione tra combattenti e non combattenti. Spesso è altrettanto comodo uccidere i non combattenti quanto i combattenti”

Possibili crimini di guerra a Gaza

Diversi esperti militari e legali israeliani, parlando con la TNA , hanno descritto la violenza dei soldati israeliani contro i civili durante la guerra a Gaza come una violazione delle leggi di guerra, in particolare quando si tratta di “kill zone”.

Sorgente: “Zone di sterminio”: per Israele non ci sono innocenti a Gaza

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot