0 4 minuti 4 settimane

Nella città di Rafah, la parte più meridionale di Gaza, vivono circa 1,5 milioni di persone, tra cui decine di migliaia di donne incinte, neo mamme e neonati. Non hanno acqua, cibo, assistenza sanitaria, alloggi e servizi igienico-sanitari sufficienti.

Circa 180 donne partoriscono ogni giorno a Gaza in mezzo alla devastazione, affrontando sfide inimmaginabili per accedere a cure mediche adeguate. Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione il numero delle nascite difficili è aumentato rispetto al periodo prebellico. Madri e bambini soffrono di malattie, malnutrizione, paura ed esaurimento, e non sono disponibili le forniture e le attrezzature mediche necessarie.

I medici affermano che non vedono più bambini nati con un peso sano e vedono addirittura la morte di neonati perché il loro peso è troppo basso.

Se le donne e i loro neonati sopravvivono alla gravidanza e al parto, dovranno ritornare in condizioni miserabili nei luoghi di sfollamento, accompagnate da fame e malattie, con carenze potenzialmente letali di cibo, acqua e assistenza medica. Le madri, stanche e malnutrite, faticano a fornire il latte ai loro neonati. 

Anche se il latte artificiale è disponibile nei campi per sfollati interni a prezzi ragionevoli, trovare acqua pulita per bollirlo e mescolarlo con il latte artificiale in polvere è di per sé una lotta.

Anche garantire i pannolini – una necessità per molte madri, soprattutto alla luce della scarsità d’acqua – è diventato una sfida, poiché i prezzi sono aumentati drasticamente e vari beni scarseggiano dopo quasi sei mesi di guerra. Nelle fragili tende nei campi per sfollati di Rafah non c’è nemmeno posto dove lavare o fare il bagno ai neonati. Madri e padri sono costretti a cercare alternative. 

A Rafah, una telecamera dell’UNFPA ha visitato una piccola fabbrica di pannolini. Khaleda Jamal Yassin, una sfollata che lavora nella fabbrica, ha detto che cercano di fornire pannolini a prezzi accessibili. Ha notato che la domanda è molto alta. Ha affermato che la fabbrica produce 1.000 pannolini al giorno al prezzo di uno shekel ciascuno e che la quantità finisce lo stesso giorno a causa della forte domanda.

Ha parlato delle sfide che il funzionamento della fabbrica deve affrontare, come la scarsità di forniture necessarie per produrre pannolini e il problema della scarsità di carburante per far funzionare i generatori.

Nonostante gli attacchi in corso e i molteplici ostacoli alla consegna sicura degli aiuti, l’UNFPA e i suoi partner hanno consegnato circa 15.400 kit per l’igiene e la dignità a donne e ragazze a Rafah, Khan Yunis, nella zona centrale di Gaza – e nei luoghi di sfollamento in Cisgiordania. 

Questi kit contengono prodotti igienici di base: sapone, assorbenti, disinfettante per le mani, salviette per neonati, shampoo, biancheria intima e carta igienica. Ma questo non basta. Il Fondo delle Nazioni Unite, e l’intero sistema delle Nazioni Unite, affermano che l’unico modo perché il popolo di Gaza possa tornare dall’orlo della morte è fermare i combattimenti, rispettare in ogni momento le regole della guerra da parte di tutte le parti e consentire azioni umanitarie. ai lavoratori un accesso sicuro, sostenibile e incondizionato. Per chi ha bisogno.

Il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione ha accolto con favore l’adozione della risoluzione n. 2728 del Consiglio di sicurezza, che chiede un cessate il fuoco immediato durante il mese di Ramadan e il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi, e ne ha sollecitato l’attuazione.

Sorgente: Alla luce della grave scarsità di acqua e servizi igienico-sanitari, una fabbrica a Rafah produce pannolini per bambini utilizzando materiali locali Notizie delle Nazioni Unite

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20