0 7 minuti 7 mesi

Pubblicato:

Si stima che circa 1,9 milioni di persone siano sfollate interne nella Striscia di Gaza , mentre centinaia di migliaia stanno lottando per trovare rifugio nel sud sovraffollato sotto gli spietati bombardamenti di Israele.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (UNOCHA), oltre l’80% dei 2,3 milioni di abitanti di Gaza sono sfollati interni, la maggior parte dei quali si è spostata verso il sud della Striscia dopo aver ricevuto l’ordine di evacuare il nord.

Spostamento di massa

Le persone che si rifugiano a Khan Younis, nel sud densamente popolato di Gaza, si trovano ad affrontare la decisione impossibile se evacuare ancora una volta o  rischiare la morte   rimanendo nella città   sotto intensi bombardamenti.

Israele aveva detto che il sud sarebbe stato sicuro. Ma molto prima che le forze israeliane lanciassero le loro operazioni nell’area, nelle ultime settimane diversi quartieri erano stati ripetutamente colpiti da bombardamenti regolari, secondo Al Arabiya.

Palestinesi sfollati, fuggiti dalle loro case a causa degli attacchi israeliani, si rifugiano in un campo a Rafah, nel mezzo del conflitto in corso tra Israele e Hamas, 6 dicembre 2023. (Reuters)
Palestinesi sfollati, fuggiti dalle loro case a causa degli attacchi israeliani, si rifugiano in un campo a Rafah, nel mezzo del conflitto in corso tra Israele e Hamas, 6 dicembre 2023. (Reuters)

L’ordine di evacuazione è stato ora emesso dall’esercito israeliano per un’area che copre il 20% della città di Khan Younis, ha detto la ONG internazionale ActionAid in una dichiarazione ad Al Arabiya English.

Prima della crisi la città ospitava 117.000 persone e ora ospita altri 50.000 sfollati interni in 21 rifugi.

Anche alle persone che vivono in un’area più a est della città, che comprende il 19% di Gaza, è stato detto di andarsene e di andare a sud, verso Rafah o in altre località designate, ha detto l’organizzazione ad Al Arabiya English.

“Oggi corro da un posto all’altro. Sono stata sfollata sei volte, cercando di proteggere i miei figli dalla morte che ci segue ovunque”, ha detto nella sua dichiarazione ActionAid citando Yara, madre e operatrice umanitaria, residente a Gaza.

“Sono stato sfollato a sud su richiesta delle forze di occupazione israeliane perché dicevano che era più sicuro nel sud. Purtroppo i bombardamenti hanno colpito anche noi, anche durante il viaggio in macchina… Ci siamo spostati dal [nord] di Gaza al sud. È stato un viaggio di morte. I bombardamenti erano intorno a noi, non potevamo crederci”.

L’esercito ha lanciato migliaia di volantini con codici QR che indicano quali luoghi sono presumibilmente sicuri. Tuttavia, con una connessione Internet limitata o assente, la maggior parte degli abitanti di Gaza non è in grado di scansionare i codici.

Lunedì il commissario generale dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA) ha avvertito che Israele sta “ripetendo gli orrori delle ultime settimane” lanciando una nuova campagna di bombardamenti nel sud.

“Lo abbiamo detto più volte. Lo stiamo ripetendo. Nessun posto è sicuro a Gaza, né nel sud, né nel sud-ovest, né a Rafah, né in alcuna delle cosiddette “zone sicure” unilateralmente”, ha affermato Philippe Lazzarini in una nota.

Condizioni impossibili

Secondo ActionAid , le persone che si rifugiano nel sud vivono già in condizioni quasi impossibili, senza acqua, cibo o vestiti caldi sufficienti, e con infrastrutture vitali sull’orlo del collasso.

Ammassare più persone in un’area ancora più piccola non farà altro che aumentare la loro miseria, così come il rischio di malattie, causando un disastro umanitario ancora più grande.

Una donna siede con i bambini fuori in un campo a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 6 dicembre 2023. (Reuters)
Una donna siede con i bambini fuori in un campo a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 6 dicembre 2023. (Reuters)

“Decine di migliaia di persone hanno già lasciato le loro case nel nord e sono state sfollate più volte, affrontando il pericolo estremo di recarsi nel sud di Gaza dove pensavano di essere al sicuro. Ma nessun posto a Gaza è sicuro”, ha detto Riham Jafari, coordinatore dell’advocacy e delle comunicazioni di ActionAid Palestine.

“Le persone rifugiate a Khan Younis e in altre zone del sud stanno ancora una volta cercando di sopravvivere ai bombardamenti incessanti mentre vivono in condizioni disperate. Ora si prevede che si sposteranno di nuovo. Dove dovrebbero andare? Come possono credere che ovunque a Gaza sia sicuro?” – ha aggiunto Jafari.

Solo una quantità molto limitata di aiuti è arrivata nella Striscia da quando la pausa temporanea nelle ostilità si è conclusa venerdì e, a causa degli intensi combattimenti, gran parte di essi non è riuscita a raggiungere i bisognosi.

I bambini palestinesi raccolgono cibo in un punto di donazione fornito da un gruppo di beneficenza nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 6 dicembre 2023. (AFP)
I bambini palestinesi raccolgono cibo in un punto di donazione fornito da un gruppo di beneficenza nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 6 dicembre 2023. (AFP)

A Khan Younis, la distribuzione degli aiuti è stata per lo più interrotta domenica a causa dei pesanti bombardamenti, hanno detto gli operatori umanitari.

Wala, un giovane volontario di ActionAid Palestine, ha dichiarato: “In realtà, non esiste un posto sicuro. Né a Gaza né nel sud, bombardano ovunque. Se hai avuto la fortuna di arrivare nei campi, vivrai in una tenda che non ti riparerà dal caldo del giorno, né dal freddo della notte”.

“È una tragedia. Un disastro in ogni senso della parola. Migliaia di sfollati senza nulla. Niente cibo, niente acqua. Niente che copra i loro corpi. Niente di niente… Quindi, se i bombardamenti non li uccidono, molte altre cose lo faranno; il freddo, la fame, la sete o semplicemente l’orribile realtà che stiamo vivendo”.

Chiede un cessate il fuoco

ActionAid ha chiesto un cessate il fuoco permanente per garantire la sicurezza di milioni di abitanti di Gaza che lottano per sopravvivere in condizioni terribili.

Lazzarini dell’UNRWA ha anche chiesto a Israele di riaprire i valichi di frontiera per consentire la consegna di scorte sufficienti di aiuti, cibo, acqua e carburante.

Il fumo si alza a seguito di un bombardamento israeliano nella Striscia di Gaza, visto dal sud di Israele, mercoledì 6 dicembre 2023. (AP)
Il fumo si alza a seguito di un bombardamento israeliano nella Striscia di Gaza, visto dal sud di Israele, mercoledì 6 dicembre 2023. (AP)

“Chiediamo allo Stato di Israele di riaprire Kerem Shalom e altri valichi e di facilitare la fornitura incondizionata, ininterrotta e significativa di assistenza umanitaria salvavita. L’incapacità di farlo viola il diritto umanitario internazionale”, ha affermato nella sua dichiarazione del 4 dicembre.

“La fine della pausa umanitaria ha già portato ulteriori sofferenze, perdite e dolore ai civili, ovunque si trovino. Chiediamo un cessate il fuoco umanitario”.

Sorgente: “Non esiste un posto sicuro”: oltre l’80% degli abitanti di Gaza sono sfollati mentre Israele bombarda il sud | Al Arabiya inglese


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.