0 6 minuti 3 mesi

Domenica gli esperti cinesi hanno confutato le accuse provenienti dall’Australia secondo cui un cacciatorpediniere dell’Esercito popolare di liberazione cinese (PLA) ha usato il sonar per costringere i sommozzatori di una fregata australiana a uscire dall’acqua, affermando che la dichiarazione australiana è vaga e unilaterale e mira a pubblicizzare il Teoria della “minaccia cinese”.

La HMAS Toowoomba , una fregata di classe Anzac della Royal Australian Navy, ha navigato martedì in “acque internazionali all’interno della zona economica esclusiva del Giappone” in rotta per iniziare una visita programmata in porto durante “operazioni a sostegno dell’applicazione delle sanzioni delle Nazioni Unite nella regione ” quando ha smesso di condurre operazioni di immersione per liberare le reti da pesca che erano rimaste impigliate attorno alle sue eliche, ha detto sabato il dipartimento della difesa australiano in un comunicato stampa.

Mentre erano in corso le operazioni di immersione, un cacciatorpediniere della Marina dell’PLA, il cacciatorpediniere lanciamissili classe Sovremenny Ningbo (Hull 139), operante nelle vicinanze, si è avvicinato all’HMAS Toowoomba , si legge nel comunicato stampa australiano.

Secondo il comunicato stampa australiano, le navi dei due paesi sono riuscite a stabilire una comunicazione, prima che la nave australiana rilevasse la nave cinese che utilizzava il suo sonar montato sullo scafo “in un modo che rappresentava un rischio per la sicurezza dei subacquei australiani che erano costretti per uscire dall’acqua.”

Il comunicato stampa australiano è stato ampiamente messo in discussione dagli esperti militari cinesi, soprattutto per quanto riguarda il luogo vago in cui si suppone sia avvenuto l’incidente.

Zhang Junshe, un esperto navale cinese, ha dichiarato domenica al Global Times che, sebbene l’Australia abbia affermato che l’incidente è avvenuto nella zona economica esclusiva del Giappone, non ha fornito la posizione esatta.

Se l’incidente fosse avvenuto nelle acque a ovest del Giappone, la Cina e il Giappone non avrebbero effettuato la delimitazione marittima nelle acque rilevanti, quindi l’autoproclamata zona economica esclusiva del Giappone potrebbe trovarsi ben all’interno delle acque amministrate dalla Cina, ha affermato Zhang.

Un altro esperto militare cinese che ha richiesto l’anonimato ha detto domenica al Global Times che l’Australia probabilmente ha scelto intenzionalmente di non rivelare la posizione esatta perché ha la coscienza sporca.

“L’incidente è avvenuto vicino alle isole cinesi Diaoyu o all’isola di Taiwan? O era vicino a un’esercitazione di addestramento dell’EPL? Se è così, era ovvio che la nave da guerra australiana aveva provocato in primo luogo la Cina”, ha detto l’esperto. .

Gli analisti hanno sottolineato che il comunicato stampa australiano è unilaterale in quanto non ha menzionato l’input cinese durante le comunicazioni tra le navi dei due paesi.

Dato che la parte australiana ha ammesso di aver stabilito una comunicazione con la parte cinese, è molto probabile che la nave cinese abbia emesso avvertimenti verbali che la nave australiana aveva ignorato, e la nave cinese è stata costretta a compiere il passo successivo che è stato quello di inviare un avvertimento tramite sonar, ha detto il suddetto esperto anonimo.

Uno degli scopi principali di un sistema sonar è quello di rilevare sottomarini e terreni sottomarini, in modo simile a come un sistema radar viene utilizzato per rilevare gli aerei, ha detto l’esperto, spiegando che il sonar attivo genera onde sonore che vibrano sott’acqua.

Anche il ping con il sonar è un mezzo per comunicare e, in questo caso, è stato probabilmente utilizzato per avvisare l’operazione australiana, ha detto l’esperto.

L’Australia ha affermato che gli impulsi del sonar probabilmente hanno causato lievi ferite ai subacquei australiani, ma anche la formulazione è molto vaga e non ha prove, hanno detto gli analisti.

“L’Australia ha affermato di avere reti da pesca impigliate attorno alle eliche della sua fregata. Ciò dimostra che un tentativo di ricognizione così ravvicinato non solo ha rappresentato una minaccia per la sicurezza nazionale della Cina, ma anche per il normale lavoro marittimo dei pescherecci”, ha detto Zhang.

Nel periodo recente, paesi come Australia e Canada hanno ripetutamente accusato le navi e gli aerei da guerra cinesi di interazioni “non sicure e poco professionali”, poiché queste forze esterne alla regione hanno condotto operazioni di ricognizione ravvicinate alle porte della Cina in nome dell’applicazione delle sanzioni delle Nazioni Unite. , hanno detto gli osservatori.

Le pattuglie di allerta di aerei e navi da guerra cinesi alle porte della Cina sono normali e non avrebbero dovuto essere pubblicizzate come “minaccia cinese”, ha detto Zhang.

Questi paesi dovrebbero smettere di inviare navi da guerra e aerei da guerra da migliaia di chilometri di distanza per creare problemi e mostrare i muscoli alle porte della Cina, hanno detto gli esperti.

Sorgente: Gli esperti respingono l’accusa australiana secondo cui l’uso del sonar da parte del cacciatorpediniere PLA è “non professionale” e mettono in dubbio la posizione della fregata australiana e lo scopo dell’incidente – Global Times