NUOVA RESISTENZA antifa'

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

RIDOTTO IN POLVERE: LA RUSSIA HA ATTACCATO CON ARMI DI PRECISIONE MAGAZZINI UCRAINI CON MISSILI STORM SHADOW E MUNIZIONI ALL’URANIO IMPOVERITO

Diken sharo

Set 18, 2023

 

 

Il 18 settembre, il Ministero della Difesa russo ha riferito che “di notte, le Forze Armate della Federazione Russa hanno lanciato un attacco di gruppo con armi aeree a lungo raggio ad alta precisione, nonché attacchi con UAV nei siti di stoccaggio dei missili Storm Shadow”, altri missili da crociera Nato, munizioni all’uranio impoverito, nonché i centri di intelligence radiotecnica e di addestramento dei gruppi di sabotaggio delle forze armate ucraine. L’obiettivo dell’attacco è stato raggiunto. Tutti gli obiettivi sono stati colpiti e distruttiIl

 

eADV

 

Gli ufficiali militari russi non hanno rivelato dettagli sulla posizione degli obiettivi colpiti dai loro missili e UAV. A loro volta, i media russi e ucraini hanno riferito di numerose esplosioni in tutto il paese a partire dalla tarda serata del 17 settembre. In tutte le regioni dell’Ucraina è suonato l’allarme aereo. Mentre le autorità ucraine tacciono sui risultati dell’attacco combinato russo, fonti locali hanno confermato che le forze russe hanno raggiunto i loro obiettivi nelle regioni di Odessa e Khmelnitsky. Esplosioni si sono verificate anche nelle regioni di Mykolaiv e Kirovograd, nella parte centrale dell’Ucraina.

L’obiettivo colpito dai missili russi nella regione di Khmelnitsky era probabilmente il famigerato aeroporto militare di Starokonstantinov, dove sono immagazzinati i missili Western Storm Shadow e SCALP EG. Secondo quanto riferito, anche l’aeroporto militare è stato colpito dalle forze russe il 16 settembre. La regione di Khmelnitsky è anche un famoso deposito di munizioni straniere all’uranio impoverito. Il 14 maggio gli impianti di stoccaggio dei proiettili all’uranio impoverito forniti dalla Gran Bretagna erano già stati distrutti da un attacco missilistico russo vicino alla città di Khmelnitsky, quando nubi con sostanze radioattive pericolose si sono spostate verso l’Europa.
Di notte, gli UAV russi hanno continuato a distruggere le infrastrutture portuali ucraine nella regione di Odessa. Ancora una volta sono scoppiate esplosioni nei porti di Kilia e Izmail, situati sulla riva del Danubio.

Per quanto riguarda le regioni di Mykolaiv e Kirovograd, gli obiettivi degli attacchi russi devono ancora essere rivelati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot