0 9 minuti 10 mesi

 

Le soluzioni della Cina alla sicurezza globale in primo piano al World Peace Forum
Cambiamenti e sfide senza precedenti richiedono dialogo, consenso

Pubblicato: 02 luglio 2023 22:17

Il vicepresidente cinese Han Zheng si rivolge alla cerimonia di apertura dell’11° World Peace Forum presso l’Università Tsinghua di Pechino, capitale della Cina, il 2 luglio 2023. Foto: Xinhua

Mentre il mondo sta affrontando sfide di sicurezza e sviluppo senza precedenti, le soluzioni della Cina per salvaguardare un autentico multilateralismo e promuovere il dialogo e i negoziati per risolvere controversie e conflitti sono state al centro dell’attenzione del World Peace Forum (WPF) di quest’anno tenutosi a Pechino da domenica a lunedì, disegnando un netto contrasto con la politica di potere guidata dagli Stati Uniti e le mosse unilaterali di soppressione dei rivali. 

Di fronte ai profondi mutamenti della situazione internazionale, la Cina ha portato avanti una serie di importanti iniziative, come la Global Development Initiative, la Global Security Initiative e la Global Civilization Initiative, arricchendo costantemente la connotazione e il percorso pratico del concetto di costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità e iniettare una forte energia positiva nella pace e nello sviluppo mondiale, ha affermato domenica il vicepresidente cinese Han Zheng in un discorso di apertura del WPF.

La Cina è pronta a lavorare con altri paesi per salvaguardare la pace e la sicurezza nel mondo, cercare lo sviluppo e la prosperità globali, sostenere gli scambi e l’apprendimento reciproco tra le civiltà e condividere i frutti dello sviluppo umano, della sicurezza e della civiltà, ha affermato Han. 

Han ha sottolineato la risoluzione dei conflitti attraverso il dialogo e la consultazione. La comunità internazionale, in particolare i principali paesi influenti, dovrebbe assumere una posizione chiara per promuovere colloqui di pace e mediazione alla luce dei bisogni e delle aspirazioni dei paesi interessati, in modo da costruire la fiducia reciproca, risolvere le controversie e promuovere la sicurezza attraverso il dialogo, ha affermato Han.

Han ha invitato tutte le parti a promuovere l’inclusione, il vantaggio reciproco e risultati vantaggiosi per tutti. “Dovremmo lavorare insieme per inaugurare una nuova fase di sviluppo globale equilibrato, coordinato e inclusivo, promuovere la cooperazione internazionale allo sviluppo, migliorare il benessere delle persone dei paesi partecipanti e consolidare le basi sociali per la pace nel mondo”, ha affermato. .

Han ha sottolineato che la modernizzazione cinese segue la via dello sviluppo pacifico e che la Cina sosterrà, costruirà e sosterrà fermamente la pace nel mondo.

Non solo il conflitto Russia-Ucraina ha indebolito la sicurezza globale, ma una serie di cambiamenti senza precedenti hanno rimodellato il modello globale, come la rinascita della mentalità della Guerra Fredda, il rallentamento e la crescita economica sbilanciata e l’intensificarsi della concorrenza e del confronto tra le maggiori potenze, portando a un aumentare l’instabilità e le situazioni imprevedibili, hanno affermato alcuni partecipanti al forum. 

Il nuovo capo della Banca di sviluppo ed ex presidente brasiliano Dilma Rousseff parla domenica all'11° Forum mondiale per la pace a Pechino.  Foto: Chen Qingqing/GT

Il nuovo capo della Banca di sviluppo ed ex presidente brasiliano Dilma Rousseff parla domenica all’11° Forum mondiale per la pace a Pechino. Foto: Chen Qingqing/GT

“Una delle minacce più gravi nel mondo di oggi è legata al nuovo protezionismo, come il freno allo sviluppo dei paesi emergenti”, ha detto domenica il capo della New Development Bank ed ex presidente brasiliano Dilma Rousseff in un discorso programmatico al WPF . 

Ad esempio, “decoupling” e “de-risking” sono state recentemente parole d’ordine sulla scena internazionale. Rousseff ritiene che questi concetti non solo indeboliranno la globalizzazione economica e le relazioni finanziarie, ma saranno anche usati come armi politiche per impedire l’ascesa di nuovi partecipanti sulla scena internazionale.

Le soluzioni della Cina

“Vediamo gli sforzi del governo cinese e del presidente Xi Jinping per sostenere i principi della Carta delle Nazioni Unite e la coesistenza pacifica, che sono molto importanti per tutti noi. La visione della Cina verso lo sviluppo globale, specialmente quando si tratta di sostenere la Carta delle Nazioni Unite , è molto importante”, ha dichiarato al Global Times Alexander Druzhinin, terzo segretario dell’ambasciata della Federazione Russa in Cina, a margine del forum. 

Riteniamo che queste iniziative proposte dal presidente cinese Xi abbiano molti valori aggiunti per l’ideologia globale della convivenza pacifica e dello sviluppo reciproco, perché la Cina è contraria al pensiero della guerra fredda ed è contraria al gioco a somma zero. La Russia crede più o meno la stessa cosa, quindi non vediamo l’ora di sviluppare una cooperazione più fruttuosa con la Cina sulle questioni bilaterali, nonché sugli affari internazionali globali, ha osservato Druzhinin. 

Nell’elaborare la pratica cinese di GDI, GSI e GCI, Liu Jianchao, capo del Dipartimento internazionale del Comitato centrale del Partito comunista cinese, ha affermato durante un pranzo di lavoro che le esperienze hanno dimostrato che “il percorso della Cina verso la pace fornisce soluzioni efficaci per il le sfide della comunità internazionale alla pace”.

Ad esempio, le proposizioni fondamentali della Cina di promuovere il dialogo e una soluzione politica alla questione ucraina hanno gradualmente raggiunto un ampio consenso nella comunità internazionale. E di recente, anche la riconciliazione tra Arabia Saudita e Iran mediata da Pechino ha provocato una reazione a catena, innescando un’ondata di riconciliazione in Medio Oriente, creando un buon effetto dimostrativo per la comunità internazionale, ha affermato Liu. 

Il GDI, il GSI e il GCI sono tutte iniziative molto importanti che sono fondamentali per la futura sicurezza e stabilità del mondo, ha detto domenica a margine del WPF Igor Ivanov, presidente del Consiglio russo per gli affari internazionali. 

Riguardano come dovrebbe essere costruito l’ordine internazionale e incarnano alcuni principi molto importanti. Nel nuovo ordine, ogni paese deve sentirsi sicuro e avere l’opportunità di sviluppare la propria economia nel modo giusto, e tutti dovrebbero avere voce in capitolo nel sistema internazionale, ha affermato Ivanov. 

Le relazioni Cina-USA in primo piano

Per stabilizzare un mondo incerto attraverso il consenso e la cooperazione, i relatori hanno anche discusso i temi, ad esempio, della sicurezza nell’Asia-Pacifico verso cui molti credevano che la recente visita del Segretario di Stato americano Antony Blinken in Cina mostrasse un segnale positivo per le intense relazioni bilaterali, sottolineando come mantenere aperti i canali di comunicazione sia fondamentale. 

“Ci sono alcune cose tra Cina e Stati Uniti che sono rimaste invariate, compresi gli interessi comuni e le responsabilità condivise”, ha detto Liu. 

Le interazioni attive tra i due paesi negli ultimi 50 anni hanno portato molti benefici sia ai loro popoli che alla comunità internazionale. L’equilibrio di potere, la cooperazione reciproca, il sostegno e il contributo all’economia globale, e così via, hanno spinto il continuo progresso della civiltà umana, ha affermato il funzionario cinese. “Va ancora sottolineato ora che non possiamo perseguire vantaggi unilaterali o cercare ciecamente l’interesse personale, lasciando da parte l’altra parte”.

Prendere la strada sbagliata e prendere decisioni sbagliate può essere distruttivo per tutta l’umanità, ha detto Liu, osservando che spera che questi decisori negli Stati Uniti possano vederlo chiaramente, cioè ciò che è veramente vantaggioso sia per la Cina che per gli Stati Uniti, e per il mondo in generale.

Né il leader degli Stati Uniti né il leader cinese vogliono il conflitto o la guerra, ma il conflitto e la guerra non avvengono necessariamente di proposito, possono verificarsi per caso, il che è preoccupante, il che significa che dobbiamo trovare urgentemente modi per invertire la sfiducia tra i nostri paesi, Daniel Russel , vicepresidente per la sicurezza internazionale e la diplomazia presso l’Asia Society Policy Institute, ha dichiarato al Global Times a margine del forum. 

“Penso che ci sia un rischio reale che ci possa essere un incidente tra Cina e Stati Uniti che, poiché non abbiamo buoni canali di dialogo e poiché la fiducia reciproca è a un livello così basso, un incidente potrebbe rapidamente degenerare in una crisi, e una crisi potrebbe potenzialmente degenerare in un conflitto, anche se nessuno dei nostri presidenti, nessuno dei nostri governi lo vuole”, ha detto Russel.

Sorgente: Le soluzioni della Cina alla sicurezza globale in primo piano al World Peace Forum – Global Times

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20