0 2 minuti 9 mesi

di Marinella Mondaini

 

Una notizia che i media italiani – che si vantano della loro informazione “libera e democratica” e che dicono di “lottare contro le fake news russe”, contro l’informazione “falsa” della Russia – non divulgano.

Ieri 14 giugno, si è tenuta la riunione plenaria del Foro di Cooperazione per la Sicurezza dell’OSCE (l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa).  Ma il “dialogo sulla sicurezza” non è riuscito, qualcosa è andato storto, o meglio, qualcuno è scappato!

Per la prima volta nella storia di questo organismo, il rappresentante della Russia ha presentato i frammenti delle munizioni per i complessi missilistici statunitensi “HIMARS”, che vengono usati dagli ucraini contro la popolazione civile nel Donbass, come prova dei crimini di Kiev sponsorizzati dagli Stati Uniti.

 

“Ma quando la Russia ha mostrato questi frammenti delle munizioni degli HIMARS, le delegazioni degli Stati-membri dell’OSCE hanno abbandonato la sala” – ha dichiarato il capo della delegazione russa ai colloqui di Vienna sulla sicurezza militare e il controllo degli armamenti Konstantin Gavrilov in un’intervista a Ria Novosti.Il diplomatico russo ha detto: “Secondo il nostro parere, questo dimostra che i paesi occidentali semplicemente non possono sopportare di ascoltare e vedere fatti reali che confermano il coinvolgimento dell’Occidente nei crimini di guerra dell’Ucraina”.Durante la dimostrazione delle prove dell’impiego dei missili Himars contro i civili del Donbass, Gavrilov ha posto questa domanda diretta: “Come reagirebbero i colleghi occidentali se qualcosa di simile fosse fatto contro, diciamo, gli inglesi in Irlanda, i francesi in Belgio, gli italiani in Svizzera, gli svedesi in Finlandia? Cosa direbbero se gli Stati Uniti armassero forze terroristiche contro questi cittadini e sostenessero slogan disumani sulla necessità di eliminarli?

Sorgente: Osce. La Russia mostra i frammenti Himars usati contro i civili in Donbass: le altre delegazioni reagiscono così – Dalla Russia – L’Antidiplomatico