0 22 minuti 9 mesi

Vi invitiamo a guardare questo episodio di With the Wind con il dottor Paul Thomas, con ospite Josh Guetzkow, professore associato di sociologia e criminologia all’Università Ebraica di Gerusalemme.

Thomas intervista Guetzkow, che spiega di una recente ricerca che ha scoperto che il processo di produzione del vaccno C19 di Pf.zer è stato scambiato durante la sperimentazione clinica, in modo che la maggior parte delle persone coinvolte nella sperimentazione ha ricevuto la versione prodotta con il “Processo 1”, mentre il vaccno che è stato distribuito per la vaccnazione di massa globale è stato prodotto con il “Processo 2”. Guetzkow lo descrive come una tattica di “adescamento e scambio”.

Il processo di produzione alterato, fatto per poter produrre in massa l’mR–NA per la campagna di vaccnazione globale di massa, alla fine ha portato alla contaminazione dei vaccni con il DNA che codifica la proteina spi-ke della SA–RS-Co/V-2, il che aumenta le preoccupazioni sulla possibilità teorica di integrazione delle istruzioni genetiche del vaccno nel DNA umano.

Guetzkow discute i potenziali rischi per la salute derivanti da ciò che equivale a una frode scientifica agevolata dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Perseguitato per aver messo in cattiva luce il CDC

Nel primo segmento, il dottor Thomas descrive la lotta che ha affrontato prima per cercare di mantenere la sua licenza e continuare la sua pratica pediatrica a Portland di fronte alla persecuzione da parte dell’Oregon Medical Board, e poi per dover rinunciare alla sua licenza a causa dell’insormontabile ostacolo posto dalla sua battaglia legale con il governo statale.

Potete leggere la sua storia nel libro The War on Informed Consent (La guerra al consenso informato), che contiene una prefazione di Robert F. Kennedy, Jr. Per riassumere brevemente: il dottor Thomas è stato messo sotto tiro dal consiglio di amministrazione dopo aver pubblicato il suo libro The Vaccne-Friendly Plan, che sostiene un approccio individualizzato per determinare i rischi e i benefici delle vaccnazioni, in contrapposizione all’approccio unico della politica vaccnale pubblica che è “standard di cura” negli ambulatori pediatrici di tutto il Paese.

Mentre l’obiettivo dello Stato era quello di raggiungere alti tassi di vaccnazione, l’obiettivo contrastante di Thomas era quello di ottenere buoni risultati di salute per i suoi pazienti pediatrici.

Il consiglio ha chiesto a Thomas di produrre prove con revisione paritaria a sostegno del suo approccio alternativo, cosa che ha fatto in collaborazione con il dottor James Lyons-Weiler dell’Institute for Pure and Applied Knowledge (IPAK).

Il 22 novembre 2020 i due hanno pubblicato uno studio che indicava che i pazienti NON vaccnati di Thomas erano i bambini più sani del suo studio. Pochi giorni dopo aver prodotto le prove richieste dal consiglio, quest’ultimo ha tenuto una riunione “d’emergenza” per sospendere la sua licenza con la motivazione che il suo approccio alternativo rappresentasse una minaccia per la salute pubblica.

L’ironia è che il CDC non ha mai sostenuto il suo stesso approccio producendo uno studio che confrontasse i risultati sulla salute tra i bambini vaccnati secondo il suo programma di routine per l’infanzia e i bambini che erano rimasti completamente non vaccnati.

Lo studio di Thomas e Lyons-Weiler è stato poi ritrattato dalla rivista che lo ha pubblicato, per ragioni ovviamente politiche e non scientifiche. In breve, la ritrattazione si basava assurdamente su una lettera di reclamo scritta anonimamente ai redattori. L’autore anonimo ipotizzava assurdamente che i risultati non fossero dovuti al fatto che i bambini non vaccnati siano davvero più sani, ma che i genitori dei bambini non vaccnati non si preoccupano abbastanza della salute dei loro figli da portarli dal medico, e quindi sarebbero malati quanto i bambini vaccnati, ma non vengono diagnosticati.

In realtà, lo studio comprendeva già un’analisi per verificare l’ipotesi che la minore incidenza di diagnosi per varie condizioni di salute tra i bambini non vaccnati fosse dovuta a differenze nell’utilizzo dell’assistenza sanitaria tra i genitori che vaccnano i figli e quelli che non lo fanno. Thomas e Lyons-Weiler hanno dimostrato che, mentre i bambini vaccnati hanno avuto più visite per la febbre, come ci si aspettava dato che la febbre è un noto evento avverso causato dai vaccni, non sono stati più presenti alle visite di routine per i bambini.

Sebbene a Thomas sia stato proibito dalla commissione di partecipare a ulteriori ricerche utilizzando i dati clinici del suo studio, il dottor Lyons-Weiler e il dottor Russell Blaylock hanno pubblicato un follow-up che ha condotto diverse analisi aggiuntive, dimostrando che i pazienti non vaccnati di Thomas si presentavano alle visite di routine per i bambini sani tanto quanto i pazienti vaccnati, se non di più.

Per ulteriori informazioni sulla vergognosa ritrattazione dello studio originale da parte degli editori della rivista e sui risultati delle analisi successive, leggete: “Breakthrough Study Shows Unvaccnated Children Are Healthier”.

L’”esca e lo scambio” di Pfzer

Nell’intervista, Josh Guetzkow discute di una recente ricerca che dimostra che il processo di produzione del vaccno C19 di Pfzer risulta contaminato da DNA che codifica la proteina sp_ike del SA/RS__Co/V2 e da un cosiddetto promotore SV40, che è un elemento genetico di un virus delle scimmie chiamato “simian virus 40”.

La scoperta di Kevin McKernan della contaminazione del DNA

Durante l’intervista, Guetzkow fa riferimento alla ricerca del ricercatore  Kevin McKernan, CSO e fondatore di Medicinal Genomics, che ha scoperto la contaminazione del DNA in modo piuttosto accidentale. McKernan riassume le sue principali scoperte in questa intervista di 14 minuti a Rebel News:

Le fallacie dei “fact checkers”

McKernan discute la possibilità che m–RN__A o DNA contaminati da mR–N.A dei vaccni C19 si integrino nel DNA umano.

Sebbene gli autoproclamati “verificatori di fatti” dei media abbiano insistito fin dall’inizio sul fatto che tale integrazione genomica sia scientificamente impossibile, le argomentazioni utilizzate a sostegno di tale conclusione sono fallaci dal punto di vista logico.

L’argomento principale utilizzato dal CDC è che, poiché l’m_R_NA del vaccno non entra nel nucleo della cellula, non può essere integrato nel DNA dell’ospite. Si tratta di una fallacia non consequenziale, poiché ignora il fatto che l’m_RN_A può essere trascritto in senso inverso in DNA, che quindi è potenzialmente in grado di entrare nel nucleo della cellula ed essere incorporato nel DNA umano.

Occasionalmente, un “fact checker” riconoscerebbe questa possibilità, ma in quei rari casi, il rischio viene liquidato in modo frettoloso con l’argomentazione che l’m_R__NA del vaccno non codifica l’enzima trascrittasi inversa, che sarebbe necessario per la trascrizione inversa. Anche questa è una fallacia non sequitur, poiché ignora il fatto che l’organismo produce la propria trascrittasi inversa.

La natura fallace di entrambe le argomentazioni è stata evidenziata da uno studio pubblicato nel febbraio 2022 che che dimostra la trascrizione inversa dell’mR/NA  del vaccno C.19 in DNA in cellule tumorali umane in vitro.

La risposta dei “fact checker” a questo studio è stata quella di correggere coloro che sostenevano falsamente che questo studio andasse oltre e dimostrava che il DNA entrasse nel nucleo e venisse incorporato nel DNA umano, rifiutandosi di riconoscere come lo studio avesse dimostrato la natura fallace delle argomentazioni che gli stessi “fact checker” avevano usato per sostenere che l’integrazione genomica fosse scientificamente impossibile.

Per ulteriori informazioni su come i “fact checker” abbiano ingannato su questo punto e su come l’integrazione dell’m::RN_A del vaccno nel DNA dell’ospite sia teoricamente possibile, si veda il dettagliato caso di studio sulla propaganda mediatica”I vaccni mR__NA C19 possono alterare il tuo DNA? Ecco cosa hanno sbagliato il CDC e i ‘Fact-Checkers’”.

La trascrizione inversa non è neppure necessaria

Nell’intervista a Rebel News, McKernan fa riferimento anche a ricerche che dimostrano che l’RNA del vrus SA–RS/Co__V-2 stesso può essere trascritto inversamente e integrato nel genoma delle cellule infettate dal vrus, il che aggiunge ulteriore peso alla possibilità che lo stesso avvenga con l’mR__NA del vaccno.

Ma McKernan sostiene anche che la trascrizione inversa non è nemmeno necessaria per l’integrazione genomica, dato che i vaccni sono contaminati da un’elevata quantità di DNA che codifica la proteina spi/ke della SA//RS::Co/V2.

Spiegando cosa intende quando definisce “elevata” la quantità di contaminazione, afferma che l’Autorità Medica Europea (EMA) ha stabilito uno standard di DNA a doppio filamento ammissibile di “1 molecola di DNA ogni 3.030 molecole di RNA”. La FDA ha linee guida meno rigide e la quantità di DNA che McKernan e il suo team hanno trovato “finora è superiore a questi numeri, il che implica che la produzione non è tenuta a rispettare gli standard tradizionali e che i rischi di integrazione sono più elevati”.

In uno studio di preprint pubblicato su OSF Preprints il 10 aprile 2023, McKernan e i coautori affermano:

C’è stato un acceso dibattito sulla capacità di SA//RsCo//V2 di integrarsi nel genoma umano (Zhang et al. 2021). Questo lavoro ha ispirato domande sulla capacità dei vaccni a m/R/NA di integrarsi nel genoma. Tale evento richiederebbe la trascrizione inversa dell’m/R//NA in DNA guidata da LINE-1, come descritto da Alden et al. (Alden et al. 2022). La contaminazione con dsDNA della sequenza che codifica la proteina spke non richiederebbe LINE-1 per la trascrizione inversa e la presenza di un segnale di localizzazione nucleare SV40 nel vettore vaccinale di Pfzer aumenterebbe ulteriormente le probabilità di integrazione. Questo lavoro non presenta prove di integrazione del genoma, ma sottolinea che l’attività di LINE-1 non è necessaria dati i livelli di dsDNA in questi vaccni. Occorre inoltre verificare la localizzazione nucleare di questi vettori.

Il “promotore” è definito dal National Human Genome Research Institute come “una regione di DNA a monte di un gene in cui si legano proteine rilevanti (come l’RNA polimerasi e i fattori di trascrizione) per avviare la trascrizione di quel gene. La trascrizione risultante produce una molecola di RNA (come un mR//NA)”.

In pratica, il promotore SV40 è stato utilizzato nel processo di produzione del vaccno per produrre l’m//R//NA del vaccno che è stato progettato per istruire le cellule umane a produrre la proteina spke del SA//RSC//oV2. Questo processo ha comportato anche la replicazione del promotore SV40. Questo processo prevedeva anche la replicazione dell’m/R//NA utilizzando batteri E. coli.

McKernan sostiene che la presenza del promotore SV40  può aumentare la capacità del DNA contaminante di essere trasportato nel nucleo e incorporato nel genoma dell’ospite.

Tra gli articoli rilevanti che McKernan ha pubblicato su Substack, una piattaforma a cui si sono affollate molte persone che hanno subito la censura altrove, ci sono i seguenti:

Il sequenziamento profondo dei vaccni bivalenti Mderna e Pfzer identifica la contaminazione dei vettori di espressione progettati per l’amplificazione plasmidica nei batteri.

I vaccni bivalenti Pfzer e Mderna contengono il 20-35% di vettori di espressione e sono competenti per la trasformazione in E.coli.

Contaminazione da DNA in 8 fiale di vaccni monovalenti a mR//NA di Pfzer

Permeabilità nucleare durante la divisione cellulare

Un utile riassunto  delle scoperte di McKernan è fornito dai dottori Michael Palmer e Jonathan Gilthorpe in un documento pubblicato dal gruppo  Doctors for COVID Ethics.. Come concludono Palmer e Gilthorpe:

La presenza di DNA plasmidico contaminante nei vaccni a base di mR//NA di Pfzer e Mderna comporta gravi rischi per la salute, oltre a quelli già noti e compresi. Tra questi rischi spiccano l’espressione prolungata della proteina spi-ke, che può portare a un’infiammazione autoimmune altrettanto prolungata e più distruttiva, e l’induzione di malattie maligne dopo l’integrazione cromosomica del DNA plasmidico. Inoltre, l’entità della contaminazione dimostra in modo inequivocabile che i produttori non hanno imparato o implementato correttamente i processi produttivi previsti. Ognuno di questi problemi, da solo, sarebbe una ragione sufficiente per chiedere l’immediato ritiro di questi vaccni.

Quantificazione della quantità di contaminazione da DNA nel vaccno C19 a mR//NA della Pfzer
McKernan si è unito al dottor Sucharit Bhakdi in un’intervista pubblicata il 20 maggio sul canale “GreerJournal” su Rumble, un’alternativa non censurabile a YouTube. Nell’intervista, McKernan ha spiegato che i ricercatori hanno già dimostrato come lo stesso RNA della SA//RS-/cv-2 possa essere trascritto inversamente nel DNA, entrare nel nucleo della cellula ed essere integrato nel DNA umano. McKernan ha inoltre sottolineato come sia stato dimostrato che l’mR//NA del vaccno può essere trascritto in senso inverso nel DNA.

Riferendosi alle sue scoperte sulla contaminazione del DNA nei vaccni, McKernan ha continuato:

In questo caso, la probabilità è ancora più alta perché non dobbiamo passare attraverso una fase di trascrizione inversa per arrivare al DNA. Abbiamo già il DNA impacchettato in un liposoma che viene consegnato a una cellula che può potenzialmente arrivare al nucleo o, se è durante la divisione cellulare, non c’è il nucleo e il potenziale di integrazione è potenzialmente molto più alto.

Discutendo di come la quantità di contaminazione sia superiore ai limiti normativi anche secondo il metodo di misurazione più conservativo, ovvero la PCR quantitativa, McKernan ha fatto un paragone con le quantità di RNA della SA//RSC//oV2 che risulterebbero in un test PCR “positivo” per la C19.

Per fornire un contesto necessario a comprendere il suo paragone, i test di reazione a catena della polimerasi quantitativa a trascrizione inversa (RT-qPCR) funzionano trascrivendo l’RNA virale in DNA e amplificando poi ciclicamente il materiale genetico a un livello rilevabile. Il numero di cicli necessari per raggiungere la soglia di positività è chiamato valore soglia di ciclo (Ct), che è una misura proxy della “carica virale”. Un numero inferiore di cicli indica una maggiore quantità di RNA virale nel campione, mentre un numero maggiore di cicli indica una minore quantità di RNA virale.

Durante la pan.demia C19, i test PCR venivano eseguiti a valori di Ct tali da restituire abitualmente risultati “positivi” per persone che non avevano un’infezione attiva e non potevano essere contagiose.

Il fatto che i test PCR eseguiti ad alti valori di Ct restituissero falsi positivi era, ovviamente, ben compreso fin dall’inizio all’interno della comunità scientifica, ma è stato solo alla fine di agosto 2020 – a sei mesi dall’inizio della pandemia – che il New York Times si è finalmente deciso a spiegare al pubblico perché un test PCR positivo non significava necessariamente avere la C19.

Infatti, il Times riconosceva che, poiché i test venivano eseguiti con valori di Ct così elevati, “fino al 90% delle persone risultate positive” aveva fornito campioni che molto probabilmente rappresentavano RNA non vitale e non virus infettivo.

Come si spiega che gli autori scientifici del “giornale dei record” americano abbiano tenuto nascosta questa verità al pubblico per così tanto tempo? Forse il Times ha ritenuto che fosse finalmente lecito impartire questa saggezza alla popolazione dopo che il dottor Anthony Fauci, il famigerato direttore dell’Istituto Nazionale per le Allergie e le Malattie Infettive (NIAID) nell’ambito degli Istituti Nazionali di Sanità (NIH), che all’epoca era anche Consigliere Medico Capo del Presidente e membro di spicco della Task Force sul Coron/vrus della Casa Bianca, ha riconosciuto in modo analogo il problema dei falsi po-sitivi dei test PCR.

In un’intervista poco pubblicizzata pubblicata nel luglio 2020, Fauci ha menzionato come un modo per determinare se un test PCR positivo rappresenti un vi-rus infettivo o un RNA non vitale sia quello di utilizzare una coltura cellulare per la replicazione del vir-us vitale. Se si ottiene una soglia di ciclo di 35 o più con un test PCR, ha ammesso Fauci, “le probabilità che sia competente per la replicazione sono minuscole”. Con valori Ct così elevati, ha detto, “non è quasi mai possibile coltivare” il vi-rus.

I finti “verificatori” dei media hanno comunque mantenuto l’affermazione assolutamente falsa che una persona con una PCR positiva equivalga a un “caso C19”. (Per definizione, una persona che non ha un’infezione da SA–RSCo–V2 non può avere la C19; e anche se qualcuno ha un’infezione, non significa che svilupperà la malattia clinica. Si parla di “infezione asintomatica”).

Uno studio del Dr. Sin Han Lee, pubblicato nell’ottobre 2022, ha stimato un tasso di scoperta falsa del 42% per i test PC.R della C19. Osservando che durante gli studi clinici per i vaccni a base di mR//NA, l’esito misurato era uno o più sintomi di C19 più un test PC-R positivo, il Dr. Lee ha tratto il logico corollario che i dati degli studi su cui la FDA ha basato la sua decisione di rilasciare l’autorizzazione all’uso di emergenza non fossero scientificamente validi.

Tornando al paragone di McKernan, ha affermato che, per mettere in prospettiva il livello di contaminazione, se si ottiene un test PC.R del C19, si viene definiti positivi con un valore di Ct inferiore a 40. Per la misurazione della contaminazione da DNA nel vaccno, il suo team ha ottenuto valori di Ct inferiori a 20:

Si tratta di una contaminazione milioni di volte superiore a quella che si avrebbe quando si viene definiti “positivi” al v-rus. Ora, il vir-s che viene prelevato con il ta.mpone si trova al di fuori della membrana mucosa del naso. Stiamo parlando di un contaminante che viene iniettato, aggirando le difese della mucosa a concentrazioni milioni di volte superiori.

“Lotti scottanti” del vaccno C19 di Pf-zer

In una lettera all’editore di The BMJ, Guetzkow e il professore del MIT Retsef Levi hanno richiamato l’attenzione su come un emendamento dell’ottobre 2020 al protocollo di sperimentazione clinica per il vaccno C19 di Pfzer indicasse che “quasi tutte le dosi di vaccno utilizzate nella sperimentazione provenivano da ‘lotti clinici’ prodotti utilizzando quello che viene definito ‘Processo 1′”.

Tuttavia, è stato sviluppato un nuovo metodo, chiamato “Processo 2”, “al fine di aumentare la produzione per la distribuzione su larga scala di ‘forniture di emergenza’ dopo l’autorizzazione”. Ogni lotto di iniezioni prodotte con il “Processo 2” sarebbe stato somministrato a circa 250 partecipanti alla sperimentazione. Per quanto ne sappiano gli autori della lettera, “non esiste alcun rapporto pubblicamente disponibile su questo confronto tra dosi del ‘Processo 1’ e dosi del ‘Processo 2′”.

Hanno inoltre citato uno studio pubblicato sull’European Journal of Clinical Investigation nel marzo 2023 che “ha riscontrato una significativa variabilità nel tasso di e-venti a-vversi gravi (SAE) tra 52 diversi lotti di Com/rnaty [il nome commerciale della versione approvata dalla FDA del vaccino Pf.zer] commercializzati in Danimarca”. Questo risultato “sottolinea l’importanza di comprendere meglio il potenziale impatto della variabilità nel processo di produzione dei vaccni a m/R//NA C19 sull’efficacia e sulla sicurezza”.

Nell’intervista a With the Wind, Thomas e Guetzkow discutono di questo studio e mostrano la seguente rappresentazione grafica dei tassi variabili di e-venti av-versi per lotto, indicando l’esistenza di “lotti scottanti”:

In un thread su Twitter, citato anche durante l’intervista, Guetzkow ha riassunto alcuni punti chiave di queste recenti rivelazioni:

Come sottolinea Guetzkow, “nel complesso, le evidenze dei documenti di sperimentazione e le ricerche esistenti sottolineano la necessità di comprendere meglio il potenziale impatto della variabilità nel processo di produzione dei vaccni a m//R//NA C/19 sull’efficacia e sulla sicurezza”.

Nella sua discussione con il Dr. Thomas, Guetzkow ha anche spiegato che il “Processo 1” prevede l’uso della tecnologia della reazione a catena della polimerasi (PCR) per amplificare l’m//R/N//A per la produzione del vaccno, mentre il “Processo 2” prevede la replicazione dell’m//R/NA utilizzando batteri E. coli.

Secondo Guetzkow, è stato quest’ultimo processo di produzione a essere utilizzato per i vaccni che alla fine sono stati distribuiti al pubblico nelle campagne globali di vaccnazione di massa, perché serviva un modo per produrre in massa l’m//R/N//A per la campagna “di emergenza”.

Sorgente: Contaminazione e frode – eVenti Avversi