0 9 minuti 1 anno

Pubblichiamo la traduzione di un articolo del Washington Post a firma di Adam Taylor. In esso si mostra come gli USA abbiano intralciato il lavoro della CPI per non incorrere nella sua giurisdizione, a dispetto della propaganda che dipinge il Cremlino come l’unico che si opporrebbe ad istanze di una corte internazionale, dipinta come l’incarnazione di una superiore giustizia – che però gli USA rifiutano.

Nel giugno 2020, gli Stati Uniti hanno imposto delle sanzioni a Fatou Bensouda. In poche settimane, Bensouda ha scoperto che le banche stavano chiudendo i suoi conti e cancellando le sue carte di credito. Perfino i suoi parenti avevano i beni congelati nel tentativo da parte delle banche di rispettare le regole stabilite dal Tesoro degli Stati Uniti.

Qual è stata la presunta trasgressione di Bensouda? Era una terrorista? Una responsabile di violazioni dei diritti umani? Un funzionario straniero corrotto?

No, era il procuratore capo della Corte Penale Internazionale (CPI). E le sono state imposte sanzioni per aver svolto il lavoro per il quale era stata nominata.

La CPI si trova in un grande edificio a L’Aia, la capitale amministrativa dei Paesi Bassi. È sostenuto da altre 123 nazioni, compresi gli alleati degli Stati Uniti in tutto il mondo. L’incarico di Bensouda è stato concepito per perseguire le gravi violazioni, compresi i crimini di guerra, quando i tribunali nazionali non sono in grado o non vogliono svolgere tale compito.

L’amministrazione Biden ha tardivamente revocato le sanzioni contro Bensouda, che erano state imposte al pubblico ministero e ad altri alti funzionari della Corte penale internazionale dall’amministrazione Trump per le loro indagini sulle forze armate statunitensi che avrebbero commesso crimini di guerra in Afghanistan. Bensouda si è dimessa poco dopo alla fine del suo mandato, sostituito da Karim Khan, un avvocato britannico.

La guerra in Ucraina sembra un momento cruciale nei venti anni di storia della CPI, con le precedenti tensioni di essa con la superpotenza USA che non possono che complicare le cose. Stranamente, sebbene gli Stati Uniti e la Russia siano in disaccordo sulla guerra in Ucraina, sono stati a lungo uniti in un’ostilità selettiva alla giustizia internazionale.

Questo potrebbe ora cambiare. L’invasione russa dell’Ucraina ha messo in luce le complessità di tali tipi di giurisdizione, con molti che sperano che il presidente russo Vladimir Putin debba alla fine affrontare un processo per crimini di guerra commessi dalle sue forze.

Khan ha aperto un’inchiesta su possibili crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio. Dopo il suo ultimo viaggio in Ucraina, Reuters e il New York Times hanno riferito che stava pianificando di emettere i primi mandati di arresto contro i presunti responsabili russi del rapimento di massa di bambini e dell’attacco alle infrastrutture civili.

Per approfondire la questione, Khan potrebbe beneficiare dell’aiuto del paese che ha sanzionato il suo predecessore.

Si è tentati di liquidare le sanzioni del 2020 alla Corte penale internazionale come una dimostrazione di eccessi tipicamente trumpiani. Il presidente Donald Trump ha avuto un’opposizione istintiva alla cooperazione internazionale, ritirando gli Stati Uniti dall’Organizzazione mondiale della sanità e abbandonando l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici.

Ma i pessimi rapporti tra gli Stati Uniti e la corte risalgono a molto prima. La CPI è stata istituita dallo Statuto di Roma, adottato dalle Nazioni Unite nel 1998. (Solo sette paesi hanno votato contro il trattato: Qatar, Yemen, Iraq, Israele, Libia, Cina e Stati Uniti.) Il presidente Bill Clinton ha successivamente firmato l’accordo ma non lo ha mai inviato per la ratifica al Congresso, mentre le successive amministrazioni statunitensi hanno sostanzialmente respinto la giurisdizione del tribunale.

Sotto il presidente George W. Bush, gli Stati Uniti hanno implementato una legge che consentiva al presidente di “usare tutti i mezzi necessari e appropriati per ottenere il rilascio” di una persona statunitense o alleata detenuta o imprigionata dalla CPI (questa legge è stata chiamata informalmente la “Legge sull’invasione dell’Aia”) e l’amministrazione Obama ha apportato pochi cambiamenti politici formali.

L’amministrazione Trump ha dimostrato una eccezionale ostilità, in particolare alcuni dei più ferventi erano i repubblicani dell’ala più mainstream del partito – come l’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton e il segretario di Stato Mike Pompeo, con quest’ultimo che rivendicava il il tribunale era “diventato corrotto” e il primo diceva che era “già morto per noi”.

Il problema chiave con il tribunale, come chiarito dalle amministrazioni che si sono succedute, è l’idea che un tribunale internazionale possa processare i cittadini statunitensi, compresi i soldati americani. Bensouda, in carica dal 2012, si è mosso per aprire un procedimento per crimini di guerra in Afghanistan, la prima inchiesta aperta dal tribunale che avrebbe coinvolto le truppe statunitensi. Quando la Corte penale internazionale ha approvato l’indagine nel 2020, gli Stati Uniti hanno risposto con sanzioni.

Le relazioni, al punto più basso della loro storia, sono migliorate sotto l’amministrazione Biden, ma ci sono voluti mesi prima che essa rimuovesse le sanzioni ai pubblici ministeri del tribunale.

Dopo la conquista talebana dell’Afghanistan nel 2021, Khan ha annunciato che si sarebbe concentrato sui presunti crimini del gruppo estremista e dello Stato Islamico-Khorasan, un gruppo di opposizione.

La guerra in Ucraina potrebbe rivelarsi un’opportunità per rinnovare il rapporto degli Stati Uniti con la Corte penale internazionale. L’anno scorso, un gruppo di parlamentari guidati dall’aggressivo senatore repubblicano Lindsey O. Graham ha approvato una nuova legge che ha consentito maggiori possibilità di cooperazione con la corte, con Graham che ha elogiato Putin per aver riabilitato “la CPI agli occhi del Partito Repubblicano e del popolo americano” durante un viaggio a L’Aia.

Biden e altri alti funzionari hanno parlato della necessità di giustizia in Ucraina, con lo stesso presidente che ha chiesto a Putin di affrontare un processo per crimini di guerra.

Non sarebbe un grande cambiamento. Washington ha svolto un ruolo chiave in numerose indagini sui crimini di guerra negli anni precedenti, comprese alcune che hanno avuto luogo presso la stessa CPI. Le vaste capacità di intelligence del governo degli Stati Uniti potrebbero rivelarsi importanti in qualsiasi caso legale futuro, mentre il loro sostegno potrebbe anche aiutare a risolvere una divergenza tra la Corte penale internazionale e l’Unione europea su un potenziale tribunale speciale proposto da quest’ultima.

Ma neanche il vecchio rapporto conflittuale è del tutto scomparso. Il New York Times ha riferito la scorsa settimana che il Pentagono stava bloccando la condivisione di elementi di prova con il tribunale, sospettando che si possa creare un precedente che potesse essere usato contro i cittadini statunitensi.

Adam Keith, responsabile sulla trasparenza presso Human Rights First, ha avvertito su Just Security questo mese che la posizione ufficiale “confusa” degli Stati Uniti nei confronti della CPI potrebbe lasciarla “impreparata e impotente” quando la corte inizierà a emettere mandati di arresto .

Stranamente, la posizione degli Stati Uniti sulla CPI è la stessa che la Russia ha assunto nei confronti di tale corte, secondo la quale la CPI non ha giurisdizione sui paesi che non ne fanno parte. La Russia, proprio come gli Stati Uniti, firmò lo Statuto di Roma ma molto più tardi si ritirò da esso. Martedì 14 marzo il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto ai giornalisti: “Non riconosciamo questo tribunale; non ne riconosciamo la giurisdizione”.

La corte, tuttavia, sostiene di poter perseguire casi in Afghanistan e Ucraina poiché sono Stati membri della Corte penale internazionale. Questa idea non è necessariamente insensata. Se un cittadino statunitense commette un crimine in Francia, si prevede che venga processato nell’ambito di tale sistema legale.

L’amministrazione Biden si è opposta ad altre regole internazionali, inclusa l’Organizzazione mondiale del commercio, con gli Stati Uniti che si sono rifiutati di accettare le decisioni di tale organismo quando andavano contro i loro interessi. Ma forse con la CPI, la sua amministrazione potrebbe rinunciare a una politica di “America First” per aiutare il suo alleato ucraino.

da: lafionda.org

Sorgente: USA e Corte penale internazionale: un rapporto imbarazzante – infosannio – notizie online


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.