0 2 minuti 1 anno

Palestina occupata (QNN) – Le forze di occupazione israeliane hanno ucciso cinquantacinque giornalisti palestinesi dal 2000, secondo il Sindacato dei giornalisti palestinesi (PJS).

Naser Abu Baker, capo del Sindacato dei giornalisti palestinesi, ha dichiarato domenica in una conferenza stampa nella città di Ramallah, in Cisgiordania, che dal 2000 cinquantacinque giornalisti sono stati uccisi dal fuoco o dai bombardamenti israeliani.

Solo nel 2022, due giornalisti sono stati uccisi dalle forze israeliane, tra cui la giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh.

Nonostante indossasse un elmetto protettivo e un giubbotto antiproiettile blu chiaramente contrassegnato come “PRESS”, la giornalista veterana di 51 anni Shireen Abu Akleh è stata colpita e uccisa alla testa dalle forze israeliane mentre copriva un raid militare israeliano nel campo profughi di Jenin il 11 maggio, suscitando indignazione internazionale e richieste di responsabilità per gli attacchi ai giornalisti.

Il PJS ha anche affermato che il maggior numero di attacchi israeliani contro giornalisti palestinesi è stato riportato a Gerusalemme.

“Questi assalti mirano a impedire ai giornalisti di trasmettere la verità su ciò a cui sono esposti i luoghi sacri islamici e cristiani”, ha aggiunto.

Abu Baker ha affermato che il PJS sta adottando misure per portare gli attacchi israeliani contro i giornalisti alla Corte penale internazionale.

Mohammad Al-Lahham, capo del Comitato per le libertà del PJS, ha detto che 40 giornalisti palestinesi sono stati arrestati dalle forze israeliane lo scorso anno, 20 dei quali sono ancora in prigione.

Sorgente: 55 giornalisti palestinesi uccisi da “Israele” dal 2000, afferma PJS – Quds News Network


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Rispondi