0 4 minuti 4 settimane

La situazione a Gaza è “catastrofica sotto ogni aspetto”, evidenziando il fallimento del meccanismo di sicurezza internazionale, ha detto domenica il ministro degli Esteri saudita, il principe Faisal bin Farhan.

Il principe Faisal è intervenuto durante una tavola rotonda in una riunione speciale del World Economic Forum a Riyadh.

Per gli ultimi aggiornamenti sul conflitto israelo-palestinese, visita la nostra pagina dedicata.

Ha detto che il Regno spera in un cessate il fuoco prima della possibile espansione del conflitto a Rafah – una mossa israeliana attesa che il presidente palestinese, domenica scorsa, ha detto potrebbe svolgersi nei “prossimi giorni”.

Un intervento militare a Rafah potrebbe spostare ancora una volta centinaia di migliaia di abitanti di Gaza, evacuati nella zona mentre le truppe israeliane hanno distrutto la maggior parte delle altre aree della Striscia come parte di una guerra contro il gruppo militante di Hamas.

Attualmente, gran parte di Gaza è ridotta in macerie e più di 34.000 persone, per lo più donne e bambini, sono state uccise nella guerra istigata dal gruppo militante Hamas, sostenuto dall’Iran, lo scorso ottobre. L’attacco militante ha portato alla morte di circa 1.200 israeliani e più di 100 sono ancora tenuti in ostaggio a Gaza.

“Una delle frustrazioni che proviamo… è che i meccanismi internazionali di sicurezza non hanno funzionato nemmeno su qualcosa di così basilare come l’accesso umanitario”, ha detto il principe Faisal, riferendosi alla “discussione infinita sulla possibilità o meno di ricevere abbastanza camion [di aiuti]”. a Gaza”.

“La situazione è terribile e c’è il rischio che diventi ancora peggiore”, ha aggiunto il massimo diplomatico saudita.

Il principe Faisal ha ribadito la necessità di una soluzione a due Stati, definendola “l’unica soluzione ragionevole e credibile” che garantisca il non ripetersi della crisi.

Secondo quanto riferito, il Regno è in trattative con “partner”, compresa l’Europa, per “passare dalle parole all’azione fino a passi concreti”.

“Non si può lasciare la decisione alle parti in conflitto”, ha aggiunto il ministro degli Esteri saudita.

“È nell’interesse di tutti nella regione – il nostro interesse, l’interesse dei palestinesi, l’interesse degli israeliani, l’interesse della comunità globale delle nazioni – che troviamo un percorso per risolvere questo problema una volta per tutte”, ha affermato il ministro degli Esteri. , aggiungendo: “Il Regno dell’Arabia Saudita farà tutto il possibile per spingere in quella direzione”, ha concluso.

Ridistribuzione del potere globale

Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell , che faceva parte dello stesso gruppo del principe Faisal, ha indicato nella ridistribuzione del potere globale la ragione di tutti i recenti conflitti.

“Più attori [indipendenti], meno regole, più disordine”, ha detto Borrell.

Il funzionario dell’UE ha anche messo in guardia dalla crescente “guerra delle narrazioni” rispetto a una guerra combattuta con le armi nel senso tradizionale.

Per tutti gli ultimi titoli segui il nostro canale Google News online o tramite l’app.

Tuttavia, in questi ultimi casi, “l’unica soluzione è condividere la terra”, ha detto Borrell, riguardo alla guerra a Gaza. Ha inoltre chiarito che l’Europa non ha bloccato le iniziative legate alla guerra israeliana nella Striscia.

L’UE ha regolarmente chiesto maggiori aiuti umanitari, ha spinto per uno Stato palestinese e ha sostenuto alcune indagini sulle presunte malefatte israeliane.

La guerra di Gaza è un argomento molto discusso al vertice del WEF, anche se altrove sono in corso negoziati ufficiali tra Israele, Qatar ed Egitto.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken dovrebbe arrivare a Riad mentre l’amministrazione del presidente americano Joe Biden continua i suoi sforzi per risolvere la crisi.

Sorgente: La situazione a Gaza è “catastrofica sotto ogni aspetto”, afferma un importante diplomatico saudita