0 9 minuti 2 anni

Trasmettendo dalla COP27, la conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Sharm el-Sheikh, parliamo con il principale sostenitore dei diritti umani e giornalista egiziano Hossam Bahgat su come le autorità hanno lanciato una diffusa repressione del dissenso politico. Centinaia di persone sono state arrestate, inclusi avvocati e giornalisti, e la polizia ha fermato casualmente persone per le strade del Cairo e di altre città per perquisire i contenuti dei loro telefoni. Nel frattempo, l’attivista egiziano britannico imprigionato Alaa Abd El-Fattah ha inviato una lettera per notificare alla sua famiglia che ha interrotto lo sciopero della fame e ha chiesto loro di visitarlo giovedì. Bahgat non è d’accordo con gli appelli al boicottaggio della COP27 e ha ottenuto l’ingresso chiedendo a un gruppo ambientalista straniero di includerlo.

Hossam Bahgat, è meraviglioso riaverti su Democracy Now! Ma oggi siamo nel tuo paese. Siamo in Egitto, anche se Sharm el-Sheikh non è esattamente come il resto dell’Egitto. È giusto? Puoi parlarci del significato di questo vertice sul clima in questo clima di paura per gli egiziani fuori da questa località turistica?

HOSSAM BAHGAT : Ora, ovviamente, non rappresenta davvero il resto del paese in tempi normali, ma soprattutto durante queste due settimane c’è un certo grado di libertà, almeno all’interno della zona delle Nazioni Unite, la cosiddetta Zona Blu , dove gli egiziani possono per la prima volta da molti anni esprimere le proprie opinioni, tenere dibattiti pubblici, parlare liberamente ai media, ma anche interagire con la società civile e gli attivisti per la giustizia climatica di tutto il mondo senza timore di rappresaglie immediate e immediate, ma, ovviamente, con la paura di rappresaglie dopo la COP nella mente di tutti.

AMY GOODMAN : E come ti senti qui a Sharm el-Sheikh? Voglio dire, ti è proibito lasciare l’Egitto. Deve essere un’esperienza così insolita incontrare persone di tutto il mondo.

HOSSAM BAHGAT : Sicuramente. Voglio dire, è come viaggiare davvero in un altro paese, tranne per il fatto che il mondo è venuto in Egitto per queste due settimane, che non è solo il tipo di accesso che abbiamo alle delegazioni ufficiali, ma il tipo di connessione e ricostruzione di relazioni e costruzione di futuri partenariati sui temi dei diritti umani e della giustizia climatica e ambientale. Ma, cosa più importante, è riuscire a respirare, davvero, perché la COP ha portato con sé questo livello di ossigeno che all’Egitto è mancato negli ultimi otto anni.

AMY GOODMAN : Allora, parliamo di quello che è successo durante questo periodo. Voglio dire, a Sharm el-Sheikh c’è il vertice sul clima, ma al Cairo le persone vengono prese per strada. Avete la storia del giornalista che ha riferito dell’arresto delle condizioni mediche di Alaa Abd El-Fattah, tra… beh, abbiamo resoconti di centinaia di persone arrestate, tra le decine di migliaia che sono incarcerate in questo momento.

HOSSAM BAHGAT : Sì. Voglio dire, questo è solo un assaggio, davvero, di ciò che accade quotidianamente in Egitto. E dimostra, in termini molto chiari, come quanto sta accadendo all’interno della Zona Blu a Sharm el-Sheikh non abbia realmente fermato o cambiato il comportamento del governo egiziano in altre città, e in particolare al Cairo. C’è stato un appello alla protesta che è venuto da esponenti dell’opposizione della diaspora che vivono in esilio, contrassegnato alle 11 – l’11 novembre, per coincidere –

AMY GOODMAN : Venerdì scorso, 11/11.

HOSSAM BAHGAT : Esatto. A prima – voglio dire, a coincidere con COP . E, naturalmente, prima, il governo egiziano ha reagito nel tipico modo paranoico ed eccessivo. Quindi, per molte settimane, la sicurezza è stata ovunque nelle strade. Abbiamo visto il ritorno di fermate e arresti casuali, la perquisizione illegale di telefoni cellulari, alla ricerca non solo di post critici, ma anche se la persona avesse messo mi piace o condiviso un post critico o avesse qualche interesse per la politica. Il conteggio tenuto dalle organizzazioni indipendenti per i diritti umani da ottobre a metà novembre, fino a ieri, è di oltre 600 persone arrestate. Circa 40 di loro non sono ancora riapparsi, quindi sono ancora scomparsi con la forza, e tra queste circa 24 donne.

AMY GOODMAN : Eppure non hai sostenuto il boicottaggio del vertice. Come mai?

HOSSAM BAHGAT : Quando l’Egitto è stato dichiarato per la prima volta ospite della COP27 alla fine dell’anno scorso, ci sono stati alcuni appelli, soprattutto dall’esterno dell’Egitto, per una campagna per il trasferimento o per riconsiderare tale decisione. Non eravamo d’accordo con queste chiamate. E poi ci sono stati appelli agli attivisti per boicottare questo vertice, e ancora una volta non siamo stati d’accordo e abbiamo effettivamente esortato gli attivisti di tutto il mondo a sfruttare questa opportunità per venire in Egitto.

L’Egitto non ha permesso alle organizzazioni internazionali per i diritti umani o agli attivisti indipendenti per la giustizia sociale di entrare nel paese almeno dal 2014. Organizzazioni come Amnesty International e Human Rights Watch sono arrivate in Egitto questa settimana per la prima volta in nove anni. Quindi, non è solo questo supporto vitale di cui avevamo bisogno, ma anche un riflettore globale che è stato puntato sull’Egitto per alcune settimane prima e le due settimane di COP che non abbiamo avuto da diversi anni, perché, come lei sai, l’Egitto fa notizia solo quando c’è una crisi.

E dall’esterno, l’Egitto sembra essere un paese stabile in una regione molto instabile, e c’è un certo grado di normalizzazione con il livello di abusi in Egitto. Una storia che dice che il regime egiziano ha arrestato i dissidenti è purtroppo una notizia vecchia. Non cattura più l’attenzione del mondo. Ed è diventato ancora più difficile dopo la guerra in Ucraina. Il mondo si era dimenticato dell’Egitto. Quindi, questa è davvero un’opportunità importante per noi di essere di nuovo sotto i riflettori, per sfruttare questa opportunità per evidenziare l’entità della crisi dei diritti umani nel paese e mobilitare la solidarietà attorno ad essa.

AMY GOODMAN : E giusto per essere chiari, parli di Human Rights Watch che viene autorizzato a rientrare nel paese, eppure hai tutte queste centinaia di siti web a cui gli egiziani non possono accedere. Puoi spiegarlo? Ad esempio, anche come WhatsApp.

HOSSAM BAHGAT : Sì. Voglio dire, dal 2017 circa, il governo ha deciso di bloccare davvero qualsiasi sito web indipendente che contenesse opinioni o informazioni critiche sull’Egitto. Il problema non sono solo i siti web stranieri come Human Rights Watch e Alhurra e Reporters sans frontières; il problema è che questo blackout ha preso di mira il 100% dei media egiziani indipendenti, quindi il numero di testate giornalistiche egiziane che riportano notizie dall’Egitto disponibili per il popolo egiziano è ora pari a zero.

Le persone devono, sai, scaricare VPN per accedere a questi siti web. Quindi il governo è semplicemente andato in giro e ha bloccato circa 400 siti Web VPN in modo che i lettori egiziani non avessero nemmeno l’app da scaricare per accedere a queste testate giornalistiche. Il numero di siti Web bloccati finora è di oltre 600 e tutti sono bloccati illegalmente, quindi non secondo le leggi abusive dell’Egitto o qualsiasi regolamentazione legale. Sono solo le autorità di sicurezza che decidono di staccare la spina a qualsiasi organizzazione dei media o organizzazione per i diritti umani che abbia opinioni critiche.

AMY GOODMAN : Sai, Hossam Bahgat, ti ho presentato come uno dei principali sostenitori dei diritti umani, ma forse sei il principale giornalista investigativo in Egitto. E volevo che la telecamera andasse alle due inquadrature in questo momento e guardasse dall’altra parte della stanza rispetto a noi. Siamo appena fuori dalla plenaria. Proprio di fronte a noi c’è scritto “ UMS ” e tu hai il logo del vertice sul clima delle Nazioni Unite. E hai uomini che sono stati seduti lì tutto il giorno. Lei ha svolto un’indagine su come l’esercito egiziano, attraverso un gruppo di private equity, ha acquistato la maggior parte dei media in Egitto. Puoi spiegare cosa stiamo guardando qui?

Sorgente: Hossam Bahgat sulla “crisi dei diritti umani su vasta scala” in Egitto come paese ospitante COP27 | Democrazia subito!


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.