L’Occidente sta usando la COP27 per addossare la colpa alle nazioni più povere: l’avidità privata prevale sulla sopravvivenza dell’umanità

L’Occidente sta usando la COP27 per addossare la colpa alle nazioni più povere: l’avidità privata prevale sulla sopravvivenza dell’umanità

17 Novembre 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Di Prabir Purkayastha

La COP27 è iniziata a Sharm el-Sheikh. Sebbene la guerra in Ucraina e le elezioni di metà mandato negli Stati Uniti abbiano spostato la nostra attenzione immediata dalla battaglia contro il riscaldamento globale, essa rimane ancora una preoccupazione centrale della nostra epoca. I rapporti indicano che non solo non stiamo riuscendo a raggiungere i nostri obiettivi in ​​materia di cambiamento climatico, ma stiamo anche non raggiungendoli con un ampio margine. Peggio ancora, le potenti emissioni di gas serra di metano sono cresciute molto più rapidamente, rappresentando una minaccia per il cambiamento climatico tanto quanto l’anidride carbonica. Anche se il metano dura per un tempo più breve nell’atmosfera, visto su un periodo di 100 anni , è un gas serra più potente dell’anidride carbonica.

Il risultato netto è che siamo quasi certi di fallire nel nostro obiettivo di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. E se non agiamo presto, anche un obiettivo di 2 gradi Celsius è difficile da raggiungere. A questo ritmo, stiamo assistendo a un aumento della temperatura di 2,5-3 gradi Celsius e alla devastazione della nostra civiltà. Peggio ancora, l’impatto sarà molto maggiore nelle regioni equatoriali e tropicali, dove vive la maggior parte dei poveri del mondo.

In questa rubrica affronterò due questioni. Uno è il passaggio dal carbone al gas naturale come combustibile di transizione e l’altro è la sfida dello stoccaggio dell’elettricità, senza la quale non possiamo passare con successo all’energia rinnovabile.

I paesi avanzati – Stati Uniti e membri dell’Unione Europea – puntano molto sul gas naturale, che è principalmente metano, come combustibile di transizione dal carbone. A Glasgow, durante la COP26, i Paesi avanzati hanno addirittura fatto del carbone la questione chiave, spostando l’attenzionedalle loro emissioni di gas serra a quelle di Cina e India come grandi utilizzatori di carbone. Il presupposto nell’utilizzo del gas naturale come combustibile di transizione è che il suo impatto serra sia solo la metà di quello del carbone. Le emissioni di metano durano anche per un tempo più breve, circa 12 anni, nell’atmosfera prima di convertirsi in anidride carbonica e acqua. Il rovescio della medaglia è che è un gas serra molto più potente. I suoi effetti sono 30 volte maggiori su un periodo di 100 anni rispetto a una quantità equivalente di anidride carbonica. Quindi anche una quantità molto minore di metano ha un impatto sul riscaldamento globale molto più significativo dell’anidride carbonica.

La cattiva notizia sul fronte del metano è che le perdite di metano dalle infrastrutture del gas naturale sono molto più elevate, forse fino a sei volte di più – secondo uno studio della Stanford University del marzo 2022 – rispetto a quanto ci hanno detto i paesi avanzati. L’elevata perdita di metano dall’estrazione di gas naturale non solo annulla tutti i vantaggi del passaggio al gas naturale come combustibile intermedio, ma peggiora anche il riscaldamento globale.

Sono ora disponibili due serie di dati sul metano. Uno misura l’effettiva fuoriuscita di metano dall’infrastruttura del gas naturale con satelliti e aerei utilizzando telecamere a infrarossi. La tecnologia di misurazione delle perdite di metano dalle infrastrutture del gas naturale è semplice ed economica. Dopotutto, siamo in grado di rilevare il metano in esopianeti lontani dal sistema solare. Sicuramente, salvare questo pianeta dalla morte per calore è una priorità molto più alta! L’altro dato è la misurazione del metano atmosferico condotta dall’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO).

L’Environment Protection Agency (EPA) negli Stati Uniti stima che l’ 1,4% di tutto il gas naturale prodotto negli Stati Uniti si disperda nell’atmosfera. Ma lo studio della Stanford University del marzo 2022 che ha utilizzato telecamere e piccoli aerei che sorvolano le infrastrutture del gas naturale ha rilevato che la cifra è probabilmente del 9,4%, più di sei volte superiore alla stima dell’EPA. Anche se le perdite di metano rappresentano solo il 2,5% della produzione di gas naturale, compenseranno tutti i vantaggi del passaggio dal carbone al gas naturale. Il gas naturale “pulito” può essere da tre a quattro volte peggiore persino del carbone sporco. Almeno nelle mani del capitale!

L’EPA non effettua misurazioni fisiche. Tutto ciò che utilizza per stimare le emissioni di metano è una formula che coinvolge una serie di fattori soggettivi, insieme al numero di pozzi, alla lunghezza delle condotte, ecc. Non dimentichiamo che ci sono molte persone negli Stati Uniti che o non credono o scegliere di ignorare il fatto del riscaldamento globale. Vorrebbero portare un piede di porco anche a un EPA indebolito, smantellando tutte le misure per ridurre il riscaldamento globale.

L’impatto delle perdite di metano può essere visto in un’altra serie di cifre. L’Organizzazione meteorologica mondiale ha riportato il più grande aumento delle “concentrazioni di metano nel 2021 da quando le misurazioni sistematiche sono iniziate quasi 40 anni fa”. Mentre l’OMM rimane discretamente in silenzio sul motivo per cui si è verificato questo balzo, è difficile non notare la relazione tra il passaggio al gas naturale e il conseguente aumento delle emissioni di metano.

La tragedia delle perdite di metano è che sono facili da individuare con la tecnologia odierna e non molto costose da riparare. Ma le aziende non hanno alcun incentivo a fare anche questi piccoli passi poiché incidono sui loro profitti attuali . Il bene più grande – profitti ancora maggiori , ma su un periodo di tempo più lungo – non li interessa. Non è probabile che cambino a meno che non siano costretti a farlo da un’azione normativa o diretta dello stato.

Il cinismo dei paesi ricchi – Stati Uniti e membri dell’UE – sul riscaldamento globale può essere visto nella loro condotta durante la guerra in Ucraina. L’ Unione Europea ha riavviato alcune delle sue centrali a carbone , aumentando la quota del carbone nel mix energetico. Inoltre, l’UE ha sostenuto cinicamente che lo sviluppo di infrastrutture per il petrolio e il gas in Africa va bene fintanto che è esclusivamente per la fornitura all’Europa, non per l’uso in Africa . Le nazioni africane, secondo l’UE, devono invece utilizzare solo energia pulita e rinnovabile! E, naturalmente, tale infrastruttura energetica deve essere nelle mani delle aziende europee!

Sorgente: L’Occidente sta usando la COP27 per addossare la colpa alle nazioni più povere: l’avidità privata prevale sulla sopravvivenza dell’umanità

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot