0 7 minuti 2 anni

Le Regioni annesse a Mosca entrano in Stato dell’Unione. Alla guida delle forze russe nominato il falco Surovikin. Zaporizhzhia, centrale nucleare senza elettricità dopo raid russo. Lavrov: “Per noi la guerra nucleare è inaccettabile”

Un’esplosione è avvenuta ieri sul ponte di Kerch, che collega la Russia alla Crimea ed è il fiore all’occhiello dell’occupazione. Per il consigliere di Zelensky, Mykhailo Podolyak, “è solo l’inizio”. Alla guida delle forze russe nominato il falco Surovikin.

 


La guerra in Ucraina, le tensioni globali: cosa c’è da sapere


Le notizie in diretta dal conflitto Ucraina-Russia

 

Mosca, “Gli Stati Uniti sono partecipanti nel conflitto, Washington consegna armi e fornisce informazioni a Kiev”

“Gli Stati Uniti aiutano Kiev a reclutare mercenari stranieri e forniscono indicazioni su come condurre le ostilità, il che rende Washington una parte del conflitto in Ucraina”. Lo ha detto in un’intervista alla Tass il direttore del secondo dipartimento dei Paesi della Csi del Ministero degli Esteri russo, Aleksey Polischuk. “Washington continua a consegnare armi pesanti al regime di Kiev, a fornirgli dati di intelligence provenienti da numerosi satelliti militari e commerciali, ad aiutarlo a reclutare mercenari stranieri e fornire indicazioni su come condurre le operazioni militari. Tutto questo lo trasforma in un partecipante nel conflitto Anche molti esperti occidentali ritengono che gli Stati Uniti stiano conducendo una ‘guerra per procura’ con la Russia in Ucraina”, ha aggiunto.

Mosca, “Riaperto il traffico sul ponte”

Il ponte di Crimea ha riaperto al traffico stradale e ferroviario dopo essere stato parzialmente distrutto da una grande esplosione attribuita da Mosca a un camion bomba. “Il traffico ferroviario sul ponte della Crimea è stato completamente ripristinato”, ha detto alla stampa il vice primo ministro russo Marat Khousnulline, secondo l’agenzia Ria Novosti, senza specificare l’ora. “Tutti i treni di linea passeranno per intero”, ha aggiunto. Ha chiarito sul suo account Telegram che questo recupero riguardava sia “treni passeggeri che merci”. “Abbiamo le capacità tecniche per questo”, ha detto. Un operatore di linea ferroviaria aveva annunciato poche ore prima che erano già partiti due treni per Mosca e San Pietroburgo. Le autorità della Crimea avevano annunciato nel pomeriggio la ripresa del traffico di auto e autobus sull’unica corsia stradale rimasta intatta del ponte. Lo ha confermato Khousnoulline, precisando che la seconda corsia sarà nuovamente operativa “in un prossimo futuro” e che le conclusioni delle osservazioni effettuate sabato sulle parti danneggiate sarebbero note domenica. I traghetti subentreranno, in particolare per l’attraversamento di automezzi pesanti. “Non prevediamo una carenza”, ha osservato il vicepremier.

 

 

Zaporizhzhia, Kiev: “Dozzine di vittime e feriti”

E’ di “dozzine” il bilancio dei morti e de feriti nell’attacco missilistico notturno a Zaporizhzhia. Lo comunica l’esercito ucraino. In precedenza un’altra stima provvisoria era stata comunicata  da Anatoly Kurtev, segretario del Consiglio comunale della città. “Secondo i dati preliminari – scrive – cinque case private sono state distrutte e circa 40 sono state danneggiate. In questo momento, si sa che 17 persone sono morte”. Secondo quanto riportato dai media locali ci sono anche 44 feriti. Anche ieri la città aveva subito un attacco che aveva provocato altri 17 morti.

Raid notturno su Zaporizhzhia

“A seguito di un attacco missilistico nemico, un grattacielo nel centro della città è stato distrutto. Ci sono vittime”. Lo scrive su Telegram il governatore dell’Oblast di Zaporizhzhzia, Oleksandr Starukh, aggiungendo: “I soccorritori, i medici e tutti i servizi competenti stanno lavorando sul posto. Le persone sono già fornite di tutta l’assistenza necessaria”.

Regioni annesse a Mosca entrano in Stato dell’Unione

Le Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk, le regioni di Kherson e Zaporizhzhia sono diventate parte dello Stato dell’Unione di Russia e Bielorussia dopo l’adesione alla Russia. Lo ha dichiarato, in un’intervista alla Tass, il Direttore del Secondo Dipartimento dei Paesi della Csi del Ministero degli Esteri russo, Aleksey Polischuk. Fondato nel 1996, lo Stato dell’Unione di Russia e Bielorussia è un’entità sovranazionale ed intergovernativa formata dalla Russia e dalla Bielorussia.

Tensione con Bielorussia,convocato ambasciatore Kiev

Il ministero degli Affari esteri della Bielorussia ha convocato l’ambasciatore dell’Ucraina a causa della presunta preparazione di un attacco al territorio della Bielorussia. E’ quanto si legge – come riporta l’agenzia Unian – in una nota del Ministero ucraino degli Affari Esteri.
In dettaglio l’ambasciatore dell’Ucraina a Minsk, Ihor Kyzym, è stato invitato al ministero degli Affari esteri della Bielorussia nella serata dell’8 ottobre e gli è stata consegnata una nota diplomatica. “La parte bielorussa – sottolinea il Ministero di Kiev – afferma che l’Ucraina starebbe pianificando un attacco al territorio della Bielorussia. Questa informazione non corrisponde alla verità. Respingiamo categoricamente le insinuazioni del regime bielorusso. Non escludiamo che la consegna della nota diplomatica possa rientrare nel piano della Federazione Russa di portare avanti provocazioni”. “L’Ucraina non ha mai invaso territori stranieri. Aderiamo rigorosamente alle norme e ai principi fondamentali del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite. Le autorità in Bielorussia dovrebbero smettere di soddisfare i capricci del Cremlino e smettere immediatamente di fornire supporto alla Russia nella sua aggressione contro l’Ucraina” ha concluso il ministero degli Affari esteri di Kiev.

Sorgente: Ucraina – Russia, le news dalla guerra oggi: – la Repubblica


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.