0 2 minuti 2 anni

 13 OTTOBRE 2022

Mercoledì notte, colonizzatori israeliani illegali hanno invaso le città di Qusra e Huwwara, a sud della città di Nablus, nella Cisgiordania settentrionale, hanno sparato ad alcuni palestinesi e hanno bruciato automobili, negozi, fienili e pali dell’elettricità.

A Qusra, dozzine di colonizzatori hanno bruciato due allevamenti di polli, attaccato diverse case vicine e lanciato pietre contro molti edifici e automobili.

La protezione civile palestinese ha affermato che circa 30.000 polli sono stati bruciati prima che i vigili del fuoco e i volontari riuscissero a spegnere l’incendio e impedire che raggiungesse altre fattorie ed edifici.

Decine di palestinesi hanno intercettato l’attacco e hanno protestato prima che i colonizzatori iniziassero a sparare proiettili veri, ferendo molti palestinesi.

I colonizzatori hanno anche dato alle fiamme diverse strutture ed edifici prima che i vigili del fuoco palestinesi e la gente del posto riuscissero a estinguere l’incendio.

Inoltre, i colonizzatori hanno bruciato un camion palestinese vicino a un altro allevamento di polli prima che i vigili del fuoco palestinesi spegnessero l’incendio e ne impedissero la propagazione.

A Huwwara, i colonizzatori hanno continuato gli attacchi ai palestinesi e alle loro proprietà e hanno sparato molte bombe vere ea gas.

Inoltre, i soldati israeliani hanno aggredito e ferito Mohammad Saleh Shehada e rapito suo figlio, Abdullah, 18 anni, nella loro casa di Huwwara.

Sono state segnalate proteste in diverse parti di Huwwara dopo che dozzine di soldati e colonizzatori paramilitari l’hanno invasa e hanno sparato molti proiettili veri, proiettili d’acciaio rivestiti di gomma, bombe a gas e granate a concussione.

I colonizzatori paramilitari hanno anche attaccato e causato danni a diverse auto palestinesi che guidavano a Huwwara.

Lettore video

Sorgente: Israeli Colonizers Shoot Several Palestinians, Burn Cars, Stores And Barns, Near Nablus – – IMEMC News


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.