Quarant’anni fa la strage di Sabra e Chatila. “A Beirut non morirono i panda” – GUERRE E IMPERIALISMO – L’Antidiplomatico

Quarant’anni fa la strage di Sabra e Chatila. “A Beirut non morirono i panda” – GUERRE E IMPERIALISMO – L’Antidiplomatico

16 Settembre 2022 0 Di ken sharo

a cura di Paola Di Lullo

A Beirut non morirono i panda…*

La guerra più pianificata di Israele. Questo è stata la strage di Sabra e Chatila. Questo ripetono i palestinesi superstiti di quelle 43 ore di massacro, due giorni ed una notte, con i campi illuminati a giorno da luci posizionate sulla sede dell’ambasciata del Kuwait. Questo oggi Israele è costretto in parte a riconoscere.

 

A quarant’anni dalla strage di Sabra e Chatila, esattamente una settimana fa, il Mossad ha accettato di desecretare un documento di quattro pagine, senza firma e senza data, che attesta i collegamenti tra il Mossad e le milizie cristiane in Libano nel settembre del 1982.

Ma andiamo con ordine. All’inizio del 2020, l’avvocato e attivista israeliano per i diritti umani Eitay Mack ha presentato una petizione perché questo documento venisse declassificato, ma il Mossad si è opposto fermamente, sostenendo inizialmente di avere difficoltà nel reperire i documenti storici riguardanti la sua attività in Libano. Successivamente i documenti sono stati mostrati al presidente della Corte Suprema Esther Hayut, che ha stabilito che alcuni documenti avrebbero potuto danneggiare la sicurezza di Israele, se resi pubblici, ma ha chiesto al Mossad di riesaminare se fosse possibile desecretare parte del materiale.

La petizione di Mack è stata respinta lo scorso aprile dall’Alta Corte di Giustizia israeliana e la scorsa settimana, a sorpresa, il Mossad ha desecretato il documento.

Secondo Eitay Mack, il firmatario: “È una decisione affascinante del Mossad rivelare questo documento, anche se non è chiaro il motivo”. Il documento suggerisce, afferma, che “il massacro di Sabra e Chatila è stato un evento di una catena di massacri, esecuzioni, rapimenti, sparizioni, amputazioni e abusi di cadaveri perpetrati dalle milizie cristiane. L’affare clandestino deve venire alla luce e consentire la discussione e il trarre conclusioni pubbliche che potrebbero impedire il continuo sostegno del Mossad e dello Stato di Israele alle forze di sicurezza e alle milizie in tutto il mondo che commettono atrocità. Tuttavia, il Mossad crede ancora di avere il diritto di continuare a nascondere al pubblico le informazioni in merito”.

Il documento in questione, tradotto da Ronnie Barkan, è un riassunto dell’intelligence scritto dal Mossad per i politici ed i militari israeliani. Espone il ruolo del Mossad e la facilitazione dei trasferimenti di armi utilizzate nel massacro di civili palestinesi e libanesi durato due giorni, dal 16 al 18 settembre, 24 ore su 24, nei campi profughi di Sabra e Chatila.

Il sanguinoso massacro ebbe luogo in un campo assediato dall’esercito israeliano, lasciando 3500 civili palestinesi e libanesi morti, violentati e feriti dalle milizie a cui le forze di occupazione israeliane fornirono passaggio, armi e protezione.

Il rapporto stabilisce che il 1958 è l’anno in cui fu stabilito il primo contatto tra i leader cristiani libanesi e l’establishment militare israeliano.

L’allora presidente libanese Camille Chamoun, infatti, chiese assistenza armata all’esercito israeliano per contrastare la lotta di potere del 1958 contro i gruppi influenzati dal presidente egiziano Gamal Abdel Nasser.

“Negli anni ’50 nell’ambito di ‘Khalil’ ci fu una discussione tra noi sulla necessità di sostenere i cristiani in Libano. Chamoun rischiava di perdere il suo governo”, si legge nel documento israeliano declassificato.

In risposta, l’esercito israeliano e il Mossad decisero di caricare un aereo iraniano inviato dallo Scià Mohammad Reza Pahlavi per trasportare armi dalle scorte israeliane alle milizie cristiane libanesi.

Il legame iniziato con Chamoun si allargò ad altre figure maronite, tra cui il capo della milizia Al-Tanzim (letteralmente “L’Organizzazione”), Georges Adwan, e il capo della milizia Guardians of the Cedars Étienne Sagr.” Hanno istituito un comitato di coordinamento congiunto per tutte le organizzazioni e tutte le armi sono state divise equamente tra di loro.”

“I rapporti con i libanesi in quei mesi erano dunque rapporti di fornitura di armi, principalmente armi depredate. Dopo la guerra dello Yom Kippur, tra l’altro, caddero nelle nostre mani parecchi fucili russi, kalashnikov e altri. Non c’erano colloqui politici di vasta portata con i cristiani allora, non c’erano discussioni approfondite con i cristiani allora, si ripeteva che la formula usata era la formula corretta, la formula era: aiuteremo i cristiani ad aiutarsi. E così abbiamo agito, così abbiamo fatto fino all’estate del 1976.”

Dopo la richiesta di aiuto del presidente Chamoun furono aiutati “all’inizio non le falangi ma i camouniti. Più tardi abbiamo migliorato le prestazioni arrivando a due spedizioni, una per i camouniti e una per le falangi, e nella terza fase l’abbiamo perfezionata ulteriormente e abbiamo portato il numero delle spedizioni a tre: ai camouniti, a Bachir Gemayel e ad Amine Gemayel. Eravamo fornitori, navigavamo avanti e indietro.”

Si specifica anche in dettaglio, il tipo di armi richieste ed il modo in cui venivano pagate.

Decenni dopo, nel 1975-1976, questi stessi funzionari cristiani ristabilirono i contatti con Israele per acquistare armi in preparazione della guerra civile libanese.

“Il primo carico partì a metà novembre 1975, dopo che le armi furono preparate e caricate in una base navale [in Israele]. L’incontro [con i libanesi] è andato benissimo: ci siamo stretti la mano, abbiamo ricevuto una busta con i soldi, abbiamo contato i soldi e poi li abbiamo aiutati a caricarli sulla loro nave”.

“Nel giugno 1976 si decise di inviare una delegazione composta da un rappresentante del Mossad e da rappresentanti della Military Intelligence Research e General Staff Operations per studiare in prima persona cosa sta succedendo nella guerra tra queste sette. Fuad [Ben-Eliezer] fu inviato come rappresentante dell’IDF, come consigliere militare, e il tenente colonnello dell’epoca, Amos Gilboa, come rappresentante della Military Intelligence Research. Durante i tre giorni in cui siamo stati in Libano, abbiamo visitato i quartier generali dei falangisti e dei camouniti. Tenne un ricevimento e invitò personalità libanesi, tra cui il figlio di Frangieh, Tony Frangieh, che poco dopo fu assassinato dalle falangi. Abbiamo incontrato Bashir Gemayel a casa dei suoi genitori nel villaggio, dove abbiamo pranzato e mentre gustavamo del cibo si è presentato Amine Gemayel in uniforme dal fronte e ha detto che veniva dalla guerra dal campo profughi di Tel al-Zaatar, dopotutto, è stato allora che hanno finito di occupare questo campo. A proposito, Amine è stato molto riservato con noi, ha a malapena accettato di stringerci la mano quando eravamo seduti lì, poi in seguito ha acconsentito e ha raccontato un po’ le esperienze della battaglia.”

“Il Mossad si è assunto la responsabilità [per gli incontri] sin dai primi incontri del 1976 in poi, sulla base della politica di Israele di aiutare i cristiani discussa qui in grande dettaglio, e ovviamente dobbiamo aiutare l’IDF nei suoi preparativi.”

“Già nel 1975 l’esercito ha stabilito un contatto diretto con i cristiani. La prima missione era in collaborazione con Fuad [Ben-Eliezer], non era un collegamento di intelligence, era un collegamento militare e da quel momento in poi l’esercito ha avuto collegamenti con i cristiani. E quando furono fatti i preparativi per la guerra, l’esercito era dappertutto [/attaccato?] i cristiani, non avevamo la capacità di criticarlo. Tutti hanno parlato con tutti.”

“Capisco che questa sia stata la guerra più pianificata di Israele, perché i comandanti di divisione sono arrivati ??sul campo, hanno visto dove avrebbero combattuto e altro ancora. Perché l’intelligence militare non ha detto che si trattava di una guerra basata sulla comprensione degli sciiti in Libano, del rapporto tra gli sciiti [là] e gli sciiti in Iraq e nell’Iran dello Scià? Nel periodo dello Scià, mi sembra che uno dei più importanti leader sciiti sia stato inviato in Libano sullo sfondo delle nostre guerre in Libano, non di questa guerra ma di tutte le operazioni. Mi sembra che tra le altre cose sia venuto [in Libano] per trovare il leader sciita scomparso. Cioè: non abbiamo dato importanza a tali sviluppi e siamo andati con i cristiani.

I preparativi per la guerra iniziarono a metà del 1981. Verso la fine dell’anno entrarono a un ritmo più rapido. Nel gennaio del 1982, Ariel Sharon incontrò la leadership cristiana, Chamoun, Pierre Gemayel e tutta la sua banda. E poi hanno contestato ad Arik di aver condotto la guerra con l’inganno, “e poi Arik Sharon, nella stessa discussione, ha detto a Pierre Gemayel che era allora il presidente, il principale leader dei cristiani in Libano: “Stiamo intraprendendo una piena una guerra su vasta scala, ed è giusto che come risultato ci sia anche un cambiamento nelle relazioni tra Libano e Israele”. Allora Pierre Gemayel gli disse: “Onorevole Ministro, lei deve capire, noi cristiani in Libano dobbiamo mantenere un ponte con il mondo arabo”.”

“Un tema importante è stato il coordinamento dei vari corsi. Ad un certo punto, i libanesi hanno cominciato a mandare persone a molti corsi in Israele. Un elenco parziale: c’era un corso di un mese, sette degli alti membri del personale delle forze libanesi si sono seduti un mese e hanno imparato come organizzare un esercito. C’è stato un corso di armature, c’è stato un corso di paracadutismo, c’è stato un corso per addetti alla manutenzione, c’è stato un corso di informatica per scopi di intelligence, c’è stato un corso di ricerca, si sono tenuti diversi seminari di ricerca sul tema dell’antiterrorismo in Siria”

Come risultato della diffusa condanna e dell’entità dell’evento, Israele ha avviato la propria indagine sull’incidente istituendo la commissione Kahan, che ha convenientemente concluso che solo Ariel Sharon, all’epoca ministro della Difesa israeliano, aveva “una responsabilità personale indiretta.” Indiretta? Sharon incontrò i leader della milizia falangista il giorno dopo l’assassinio del presidente Bashir Gemayel e li aiutò a vendicare la sua morte. Sharon disse al comandante della milizia delle forze libanesi Elie Hobeika: “Non voglio che ne rimanga nemmeno uno”, riferendosi ai palestinesi nei campi di Beirut.

Di conseguenza, l’esercito israeliano istituì posti di comando ed assediò carri armati il campo di Sabra e Chatila, chiedendo all’esercito libanese o ai falangisti di entrare e “ripulirlo”.

“Hanno sete di vendetta. Potrebbero esserci torrenti di sangue”, avvertì l’allora capo di stato maggiore israeliano, Rafael Eitan in risposta ai piani di Sharon di utilizzare le milizie armate e addestrate dal Mossad.

Durante la guerra, le falangi furono dietro a numerosi altri crimini oltre al massacro di Sabra e Shatila, come il massacro di Karantina che provocò 1.500 morti.

Il documento del Mossad rivela inoltre che l’esercito israeliano e l’establishment militare hanno dettato le attività dell’agenzia in Libano, piuttosto che il governo israeliano.

Il Mossad e i suoi legami con i libanesi devono essere stati usati come uno strumento da Israele.

Nel documento, l’esercito israeliano è descritto come l’organismo che ha effettivamente dettato la politica sul Libano, e non il governo eletto. “Abbiamo i libanesi per fare quello che vogliamo che facciano”, afferma il documento. “Questa è la risorsa (le milizie libanesi) che abbiamo, ora dicci cosa farne. Perché lo stato (Israele) non è affatto organizzato nel suo processo decisionale. Il governo non ci sta dicendo cosa fare con la risorsa, ma piuttosto l’esercito”, si legge nel documento.

Eppure, il 16 dicembre 1982, con la risoluzione 37/123, sezione D, l’Assemblea delle Nazioni Unite condannò il massacro, definendolo “un atto di genocidio”.

Nessuno ha ancora pagato, nessuno ha risarcito i palestinesi, né moralmente né economicamente. E probabilmente nessuno pagherà ma, forse, oggi, quei 3500 morti, atrocemente assassinati, nonché i loro familiari, riposeranno più serenamente. Quel riposo che, a colpi di stragi, esecuzioni, occupazione, pulizia etnica ed apartheid non sarà mai concesso agli israeliani, nemmeno dal loro dio.

*”Il giorno che a Beirut morirono i panda. Gli ultimi giorni dell’assedio israeliano alla capitale libanese nel romanzo-reportage di una testimone oculare”, di Rita Porena

FONTI

https://thecradle.co/Article/news/15473?s=08&fbclid=IwAR2kSNHIPMKcLzxfyJ9urx7c2vWg3lMid-f21-GL5scWT0HeHp4Gy1vj7DE

https://archive.ph/1wbmz

APPROFONDIMENTI SULLA STRAGE E LA SITUAZIONE NEI CAMPI PROFUGHI PALESTINESI IN LIBANO AL 2018

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-i_palestinesi_ci_chiedono_di_ricordare_al_via_la_missione_italiana_in_libano/13944_21483/

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-a_35_anni_da_sabra_e_chatila_in_libano_per_rivendicare_il_diritto_al_ritorno/13944_20468/

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-campi_profughi_palestinesi_in_libano_vi_racconto_quello_che_ho_visto/13944_21556/

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-sabra_e_chatila_profughi_palestinesi_ed_il_diritto_al_ritorno_noi_non_dimentichiamo_e_non_dimenticheremo_mai/13944_25293/

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-perch_il_mondo_ci_ha_dimenticati_viaggio_nei_campi_profughi_palestinesi_di_beirut/13944_25581/

 

Sorgente: Quarant’anni fa la strage di Sabra e Chatila. “A Beirut non morirono i panda” – GUERRE E IMPERIALISMO – L’Antidiplomatico