Verona, il Comune patrocina concorso per le scuole dedicato al gerarca fascista. Il Pd insorge: è polemica

Verona, il Comune patrocina concorso per le scuole dedicato al gerarca fascista. Il Pd insorge: è polemica

9 Febbraio 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Il concorso “Piccola Caprera”, organizzato dall’omonimo sacrario militare che sorge a Ponti sul Mincio (nel Mantovano e quindi fuori regione) è sul tema “Amor di Patria”. L’assessore Padovani: “Iniziativa che punta a stimolare nei più giovani il senso di appartenenza alla Nazione”

di Paolo Berizzi

E il Comune di Verona patrocinò il concorso per le scuole dedicato al gerarca fascista. Lui è Fulvio Balisti, maggiore, “gerarca fascista reduce della Campagna d’Africa nonché repubblichino della Rsi”. Il concorso intitolato “Piccola Caprera” – organizzato dall’omonimo sacrario militare che sorge a Ponti sul Mincio, nel mantovano –  è sul tema “Amor di patria” ed è stato ideato proprio pensando alla figura di Balisti. Erano suoi i terreni e le proprietà a Ponti sul Mincio lasciate in eredità nel 1959 ai reduci “affinché potessero rinnovare e tramandare alle generazioni future il ricordo dei loro camerati caduti”. Il messaggio è rivolto alle scuole elementari, medie e superiori che partecipano al concorso. Concorso che, per l’edizione 2022, beneficia appunto del patrocinio del Comune di Verona guidato dal sindaco di FdI Federico Sboarina.

Il logo di palazzo Barbieri campeggia sul volantino del “Piccolo Caprera” accanto a quelli di altri due Comuni veronesi, Valeggio sul Mincio e Ferrara di Monte Baldo. Curiosità: Ponti sul Mincio, luogo del concorso, è in provincia di Mantova, quindi fuori regione. Ma tant’è. Al Comune di Verona deve essere parso doveroso metterci il patrocinio. Il caso è stato portato alla luce dai consiglieri comunali veronesi Benini, La Paglia e Vallani. Che hanno attaccato la giunta comunale chiedendo spiegazioni sul riconoscimento al premio intitolato a un gerarca fascista. “Chiediamo l’immediato ritiro del patrocinio – dicono -. Per altro per una manifestazione che si svolge fuori provincia. Queste persone, che non fanno alcuna distinzione tra il tricolore della Repubblica italiana e il tricolore repubblichino con l’aquila romana, simbolo della Rsi, non hanno alcun titolo di insinuarsi nelle scuole”, hanno dichiarato.

 

 

Dal Comune è arrivata una replica per voce dell’assessore al Decentramento Marco Padovani: “I consiglieri del Pd dimenticano che da anni il Comune di Verona concede il patrocinio, insieme ad altri Comuni, al concorso scolastico sull’Amor di Patria. Un’iniziativa che punta a stimolare nei più giovani il senso di appartenenza alla Nazione, valore in cui questa amministrazione crede”. La polemica sembra essere solo all’inizio. E cade nei giorni in cui a Verona è scoppiato un altro caso (Repubblica lo ha raccontato ieri): le celebrazioni del Giorno del Ricordo – in memoria delle Foibe – che vedranno nella stessa piazza domani, in città, i naziskin del Veneto Fronte Skinheads (freschi di condanne per il blitz squadrista nella sede dell’associazione Como Senza Frontiere nel 2017) e i militanti di Fratelli d’Italia. Il Comune di Verona ha emanato un’ordinanza che riguarda la gestione viabilisitca e la presenza, autorizzata, dei due gruppi (il VFS è definita “associazione culturale”) in piazza Martiri d’Istria Fiume e Dalmazia. Seppure in due momenti diversi ma di fatto “comunicanti” – i primi alle 18, FdI alle 20 – i camerati ricorderanno i martiti delle Foibe.

Sorgente: Verona, il Comune patrocina concorso per le scuole dedicato al gerarca fascista. Il Pd insorge: è polemica – la Repubblica

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot