0 11 minuti 3 anni

 

Accordo politico sulla riforma fiscale. Le aliquote passano da 5 a 4. Premiato il ceto medio alto. Restano a bocca asciutta le fasce più povere della popolazione. I partiti della maggioranza applaudono, ma le forze sociali si ribellano. La Cgil: «L’accordo con noi ancora non c’è

INTERVISTA

Elly Schlein: “La lotta alla Saga Coffee riguarda tutti”

Riccardo Chiari

Intervista alla vicepresidente regionale emiliano-romagnola, che insieme a Maurizio Landini è andata a Gaggio Montano nell’appennino bolognese, in solidarietà delle tute blu, in gran parte donne, della fabbrica che la multinazionale Evoca vuole chiudere.”Questa vertenza abbraccia ogni sorta di diseguaglianza: sociale, territoriale e di genere”.

Lavoro

Salario minimo, via libera ai negoziati con i governi europei

Roberto Ciccarelli

Il parlamento europeo ha votato l’avvio della discussione, ma il provvedimento non è definitivo. E in Italia è tutto fermo. “Un voto importante” (Scacchetti, Cgil). “Forze politiche votate la nostra proposta” (Conte, Cinque Stelle). “In Italia si discute di nulla” (Fratoianni, Sinistra Italiana)

Italia

Punire i no vax «non è la strada giusta»

Andrea Capocci

Draghi punta sulla coercizione per portare a vaccinarsi chi non l’ha ancora fatto. Ma molti esperti ritengono che non sia la strategia più adatta per aumentare la copertura vaccinale. La giurista Ines Ciolli: «Sembra una norma sproporzionata e dettata da una logica esclusivamente punitiva che la legge non dovrebbe mai avere»

Europa

Via libera dell’Ema al vaccino dai 5 agli 11 anni

Andrea Capocci

L’efficacia in questa fascia di età è di oltre il 90%. L’ok dell’Agenzia italiana del farmaco è atteso il 1 dicembre. La dose per i bambini sarà pari a un terzo di quella per gli adulti. Estesa la raccomandazione del booster anche ai diciottenni. 30 milioni di italiani da rivaccinare entro la fine dell’anno

Macron a Roma, più cooperazione tra Francia e Italia

Anna Maria Merlo

Economia, tlc, migranti, giustizia, cultura: oggi la firma dell’accordo bilaterale che archivia le tensioni del passato nate con il governo Conte I. Per un’asse nell’Ue contro i «frugali»

Cultura

«Fuzilâz», una riabilitazione storica oltre il racconto epico

Davide Conti

Due pubblicazioni curate da Franco Corleone «Claudio Graziani. Un episodio di guerra» e il recente «Il tempo dell’onore. Il Friuli Venezia Giulia rivendica il diritto alla memoria» (Menabò edizioni) per smontare una narrazione eroica rispetto alla realtà tragica

Sulle tracce di una realtà altra

Stefania Tarantino

Alcune riflessioni intorno a «Le parole per scriverlo. La parola e la ferita» di Wanda Tommasi, per Mimesis. Dal corpo a corpo con la propria madre soffocante al tema della perdita, passando per il coraggio. Nemirovsky, Cardinal, Kristof, O’ Connor e Ortese: ciascuna seguendo il proprio cammino, apre un varco letterario a partire da un trauma doloroso. La dicibilità dell’inaudito, nell’esercizio femminile della scrittura, è il filo conduttore che l’autrice segue, riattraversando l’opera delle scrittrici del Novecento che ha scelto

Visioni

La serie A chiede la terza dose

Nicola Sellitti

L’annuncio del ministro della Salute Roberto Speranza sul vaccino da somministrare agli over 18 anni dal 1 dicembre dovrebbe sollecitare i club del masimo campioniato, l’assocalciatori, la lega a sostenere una campagna di sensibilizzazione tra i calciatori

Lo spiazzamento dell’Iper-Arte Thomasson

Matteo Boscarol

Un volume raccoglie foto di singolari architetture urbane che non rispondono ad alcuno scopo, chiamate Hyperart Thomasson dall’artista giapponese Genpei Akasegawa

Commenti

Il nuovo governo europeista, ma come Berlino comanda

Marco Bascetta

Il governo guidato da Olaf Scholz sarà beninteso un governo europeista in linea di continuità con la politica di Angela Merkel, ma un rafforzamento dell’Europa politica, un punto di vista problematico se non critico sulla prevalenza degli interessi nazionali, non spicca tra gli intenti della coalizione. Il punto di vista resta in tutto e per tutto tedesco

L’Ultima

Ferite di guerra in Congo

Michele Calamaio, Leonardo Di Stasi

Le violenze contro le donne e i minori nel Nord e Sud Kivu sono un’emergenza nell’emergenza. In un ospedale di Bukavu c’è chi prova a curare almeno i danni fisici, con la chirurgia mininvasiva. «Continuerò con il dottor Mukwege a insegnare questa tecnica per aiutare sempre più persone – racconta al manifesto il professor Guy Bernard Cadière – però mi preoccupa l’impunità che c’è nel Paese: senza giustizia non ci sarà mai pace»

Sorgente: il manifesto del 26.11.2021 – il manifesto


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.