Silwan: una guerra silenziosa per l’anima di Gerusalemme – – IMEMC News

Silwan: una guerra silenziosa per l’anima di Gerusalemme – – IMEMC News

11 Ottobre 2021 0 Di ken sharo

Di Latifeh Abdellatif , Huthifa Fayyad per Middle East Eye

Dall’occupazione israeliana di Gerusalemme Est nel 1967, Silwan è stata l’obiettivo dell’attività di insediamento illegale israeliana in corso. Qutaiba Odeh è uno delle migliaia di palestinesi dell’antica città che combattono contro la demolizione delle case e gli sfratti per rimanere nelle loro case.

Occhio del Medio Oriente

Trascritto da IMEMC

Qutaiba Odeh : “Viviamo in una guerra silenziosa. È una guerra che non si sente né si vede, ma come palestinesi a Gerusalemme, la viviamo 24 ore su 24. Non c’è una casa a Silwan oggi che non abbia una storia o un disagio. O hanno qualcuno in prigione, qualcuno ferito o martirizzato, un bambino o un giovane detenuto, una casa minacciata di demolizione dalla municipalità [israeliana] o che rischia lo sfratto da parte dei coloni [israeliani].

Il mio nome è Qutaiba Odeh, residente nella città di Silwan. Il mio sogno è che la nostra generazione non viva la stessa Nakba vissuta dai nostri antenati. Vengo da una famiglia palestinese di Gerusalemme che vive a Silwan. Siamo una famiglia di 21 membri che vivono in tre quartieri. A Silwan abbiamo tre case, due minacciate di demolizione e l’altra minacciata di sfratto.

Se parliamo di Gerusalemme, parliamo di Silwan. Yabous (Gebusei), la prima tribù cananea, iniziò a Silwan. L’origine dell’insediamento umano a Gerusalemme iniziò a Silwan. Silwan è la protezione meridionale della Città Vecchia e della Moschea di al-Aqsa. I palestinesi qui vivono in circa 12 quartieri, 6 di questi quartieri sono minacciati di sfollamento forzato e pulizia etnica. Siamo qui oggi nel quartiere di al-Bustan. Il comune di occupazione [israeliano] ha deciso nel 2004 di demolire questo quartiere e trasformarlo in un parco biblico.

Vogliono stabilirsi nelle città e nei quartieri arabi di Gerusalemme tra la popolazione palestinese a Gerusalemme est. vogliono abolire l’idea che Gerusalemme sia la capitale della Palestina attraverso questi progetti di insediamento qua e là, così che in futuro loro saranno la maggioranza e noi la minoranza. Organizzazioni di coloni come Ateret Cohanim, Elad e il Jewish National Fund sono molto attive qui e hanno molta influenza. Sono l’altra faccia del governo di occupazione di destra”.

Dall’occupazione israeliana di Gerusalemme Est nel 1967, l’attività di insediamento illegale in corso a Silwan ha cercato di sfollare forzatamente i palestinesi per far posto ai coloni israeliani e ai parchi nazionali “biblici”.

 

Per decenni, i palestinesi dell’antica città hanno combattuto contro le demolizioni di case e gli sgomberi ordinati dal tribunale.

Odeh : “Quando avevo 11 anni, avevamo una casa minacciata di demolizione nel quartiere di al-Bustan. Allora avevamo uno slogan che ricordo bene; “Oggi è casa mia, domani sarà tua.” Oggi, 16 anni dopo, io, Qutaiba Odeh, ho tre case invece di una minacciata di sfollamento forzato e sgombero”.

Residente a Silwan : “L’obiettivo è demolire, spostarmi. Ma quello che stanno facendo non mi sposterà. In tenda, sotto la pioggia e il sole, starò su questa terra. Non lo lascerò mai”.

Odeh : “È una morte lenta quella in cui viviamo noi, i nostri figli, le nostre donne e i nostri giovani. Forse oggi non vediamo l’impatto accumulato di questa guerra sui nostri corpi, ma è una guerra psicologica . Per noi è una grande guerra in cui viviamo costantemente.
Quali strumenti abbiamo come palestinesi per dimostrare che viviamo ancora qui? Per dimostrare che non siamo minoranze e qualche avvenimento straniero qui. Siamo i proprietari di questa terra. Le parole sono tutto ciò che abbiamo per difenderci.

Semplicemente dicendo “non ce ne andremo”. Oggi stiamo dipingendo questi murales sui muri delle nostre case che sono minacciate di sfratto, per riaffermare la loro identità e che siamo i veri proprietari palestinesi di queste case. Questi murales sono i dipinti della nostra vita, sono gli occhi luminosi con cui vediamo il mondo. Questi murales sono i dipinti con cui trasmettiamo la nostra voce all’universo dicendo che ci sono ancora palestinesi a Gerusalemme, che nel ventunesimo secolo sono minacciati di sfratto ed espulsione dalle loro case”.

Circa 84 famiglie a Silwan devono affrontare azioni legali per sfratto, mentre 100 proprietà devono affrontare ordini di demolizione che mettono più di 2.200 palestinesi a rischio di espulsione di massa. A partire dal 2018. almeno 228.000 coloni israeliani vivono nella Gerusalemme est occupata, in violazione del diritto internazionale.

Odeh : “Oggi provo dolore per ogni casa a Silwan oa Gerusalemme che viene demolita o sequestrata. Non si tratta di Qutaiba. Sono un riflesso di queste persone, un individuo. Il punto qui è lo spostamento forzato e la pulizia etnica di migliaia di persone, centinaia di case. Non stiamo parlando di una storia individuale qui. Stiamo parlando molto di una storia collettiva. I nomi differiscono tra Sheikh Jarrah e Silwan ma alla fine è lo stesso obiettivo, la stessa questione, la stessa sofferenza, la stessa occupazione e lo stesso colono.

Avere una casa e vivere a Gerusalemme non è cosa facile. È un grosso problema. Capiamo il peso di questo. Sappiamo dove siamo. E sappiamo il prezzo che dobbiamo pagare. Dalle nostre vite, dalla nostra salute. Sappiamo a cosa sta andando: la nostra esistenza su questa terra. Il tema delle nostre case non è facile. Onestamente. Non credo che oggi siamo in un luogo in cui possiamo dire che le nostre case sono solo strutture fatte di pietre. Le nostre case non sono solo pietre. Per noi le nostre case sono i nostri sogni. Sono i nostri ricordi, il nostro passato, presente e futuro. Sono mia madre e mio padre che vivevano in questo posto. Sono i nostri nipoti, i miei nipoti, che stanno crescendo qui. Sono le nostre storie. Il nostro dolore. La nostra felicità. Le nostre feste di laurea. Il nostro caloroso abbraccio. Il nostro luogo di ritrovo. La nostra sicurezza e protezione. Le nostre case non sono pietre e non saranno mai pietre. Per noi le nostre case sono la nostra vita”.

Sorgente: Silwan: una guerra silenziosa per l’anima di Gerusalemme – – IMEMC News

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •