L’informatore di Facebook ha rivelato su “60 Minutes”, che la società ha privilegiato il profitto rispetto al bene pubblico- CNN

L’informatore di Facebook ha rivelato su “60 Minutes”, che la società ha privilegiato il profitto rispetto al bene pubblico- CNN

4 Ottobre 2021 0 Di ken sharo

New York (CNN Business)L’identità dell’informatore di Facebook che ha pubblicato decine di migliaia di pagine di ricerche e documenti interni – portando a una tempesta di fuoco per la società di social media nelle ultime settimane – è stata rivelata su “60 Minutes” domenica sera come Frances Haugen .Il 37enne ex product manager di Facebook che ha lavorato su questioni di integrità civica presso l’azienda afferma che i documenti mostrano che Facebook sa che le sue piattaforme sono utilizzate per diffondere odio, violenza e disinformazione e che l’azienda ha cercato di nascondere tali prove.”La cosa che ho visto su Facebook più e più volte era che c’erano conflitti di interesse tra ciò che era buono per il pubblico e ciò che era buono per Facebook, e Facebook più e più volte sceglieva di ottimizzare per i propri interessi, come fare più soldi, Haugen ha detto “60 minuti”.Il corrispondente di “60 Minutes” Scott Pelly ha citato un documento interno di Facebook ( FB ) dicendo: “Abbiamo prove da una varietà di fonti che incitano all’odio, discorsi politici divisivi e disinformazione su Facebook e la famiglia di app stanno influenzando le società di tutto il mondo. “Il dirigente di Facebook afferma che è “ridicolo” incolpare il 6 gennaio sui social mediaCirca un mese fa, Haugen ha presentato almeno otto denunce alla Securities and Exchange Commission, sostenendo che la società sta nascondendo ricerche sulle sue carenze agli investitori e al pubblico. Ha anche condiviso i documenti con il Wall Street Journal, che ha pubblicato un’indagine in più parti che mostra che Facebook era a conoscenza dei problemi con le sue app, compresi gli effetti negativi della disinformazione e il danno causato, in particolare alle ragazze, da Instagram.Haugen, che ha iniziato a lavorare in Facebook nel 2019 dopo aver lavorato in precedenza per altri giganti della tecnologia come Google ( GOOGL GOOGLE ) e Pinterest ( PINS ), testimonierà martedì davanti alla sottocommissione del Senato per la protezione dei consumatori, la sicurezza dei prodotti e la sicurezza dei dati.Enter your email to receive CNN’s nightcap newsletter.close dialogWe read all day so you don’t have to.Get our nightly newsletter for all the top business stories you need to know.Sign Me UpBy subscribing you agree to ourprivacy policy.”Ho visto un sacco di social network, ed è stato sostanzialmente peggio su Facebook di qualsiasi cosa avessi mai visto prima”, ha detto Haugen. “Ad un certo punto nel 2021, mi sono reso conto che dovrò farlo in modo sistematico, che dovrò ottenere abbastanza [documenti] che nessuno possa mettere in dubbio che questo sia reale”.Facebook ha respinto in modo aggressivo i rapporti, definendo molte delle affermazioni “fuorvianti” e sostenendo che le sue app fanno più bene che male.”Ogni giorno i nostri team devono bilanciare la protezione della capacità di miliardi di persone di esprimersi apertamente con la necessità di mantenere la nostra piattaforma un luogo sicuro e positivo”, ha dichiarato la portavoce di Facebook Lena Pietsch in una dichiarazione alla CNN Business subito dopo i “60 Minutes”. ” colloquio. “Continuiamo ad apportare miglioramenti significativi per affrontare la diffusione della disinformazione e dei contenuti dannosi. Suggerire di incoraggiare i contenuti inappropriati e non fare nulla è semplicemente falso”.Diverse ore dopo la messa in onda dell’intervista, Pietsch ha rilasciato una dichiarazione di oltre 700 parole che espone quelli che ha definito “fatti mancanti” dal segmento e affermando che l’intervista “ha utilizzato materiali aziendali selezionati per raccontare una storia fuorviante sulla ricerca che facciamo per migliorare i nostri prodotti.”Un portavoce di “60 Minutes” non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento della CNN Business sulle affermazioni di Facebook.Domenica mattina, prima dell’intervista “60 Minutes”, il vicepresidente degli affari globali di Facebook Nick Clegg ha dichiarato a Brian Stelter della CNN che “non c’è perfezione sui social media tanto quanto in qualsiasi altro ambito della vita”.”Facciamo un’enorme quantità di ricerche, le condividiamo il più possibile con ricercatori esterni, ma ricorda che c’è… provocare e informare la discussione interna”, ha detto Clegg.Haugen ha affermato di ritenere che il fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg “non abbia mai deciso di creare una piattaforma odiosa, ma ha permesso di fare scelte in cui gli effetti collaterali di tali scelte sono che i contenuti odiosi e polarizzanti ottengono più distribuzione e più portata”.

Sorgente: Facebook whistleblower ’60 Minutes’ interview: Frances Haugen says the company prioritized profit over public good – CNN

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •