0 2 minuti 8 mesi
Facebook ha consentito la pubblicità che incitava all'”Olocausto” contro i palestinesi

Una serie di pubblicità provocatorie inviate a Facebook che incitavano alla violenza e al genocidio contro i palestinesi sono state approvate dalla piattaforma,  ha rivelato  Intercept  .

Le pubblicità violavano sfacciatamente le politiche di Facebook, contenevano espliciti appelli a “spazzare via le donne e i bambini di Gaza” e chiedevano un “Olocausto per i palestinesi”, eppure superavano i filtri di moderazione automatici della piattaforma.

“L’approvazione di queste pubblicità è solo l’ultimo di una serie di fallimenti di Meta nei confronti del popolo palestinese”, ha detto a Intercept Nadim Nashif, fondatore del gruppo palestinese di ricerca e difesa dei social media 7amleh, che ha presentato le pubblicità di prova  . “Durante tutta questa crisi, abbiamo assistito a un modello continuo di chiari pregiudizi e discriminazioni da parte di Meta contro i palestinesi”.

Gli annunci pubblicati sia in ebraico che in arabo includevano flagranti violazioni delle politiche di Facebook e della sua società madre Meta. Alcuni contenevano contenuti violenti che chiedevano direttamente l’omicidio di civili palestinesi. L’idea di testare il sistema automatizzato di filtraggio dei contenuti di Facebook è nata quando Nashif ha visto una pubblicità su Facebook che chiedeva direttamente l’omicidio dell’attivista per i diritti dei palestinesi Paul Larudee. 

Il post sponsorizzato è passato ed è stato approvato dagli strumenti di apprendimento automatico di Facebook che presumibilmente moderano i contenuti dannosi. Sebbene l’annuncio sia stato rimosso a seguito di un reclamo, la domanda su come i post che incitavano all’assassinio, che costituisce una violazione delle regole stesse di Facebook, fossero consentiti sulla piattaforma.  

Per saperne di più…

Sorgente: AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE: Bestiame a rischio di fame a causa della mancanza di foraggio a Gaza: ONU – Middle East Monitor


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.