0 8 minuti 8 mesi

Per giorni la famiglia Salaymeh ha seguito, con grande trepidazione, ogni informazione relativa ad un potenziale accordo tra Hamas e Israele per sospendere i combattimenti e scambiare prigionieri.

E poi mercoledì, le due parti hanno annunciato di aver raggiunto un accordo di tregua di quattro giorni, mediato dal Qatar , che prevedeva anche il rilascio di 50 prigionieri detenuti da Hamas in cambio di 150 donne e bambini palestinesi dalle carceri israeliane.

Hamas ha catturato circa 240 persone durante un attacco a sorpresa contro le comunità israeliane del sud il 7 ottobre, che ha ucciso 1.200 israeliani.

Vedere il nome del figlio quattordicenne Ahmed nell’elenco pubblicato dai media israeliani dei prigionieri palestinesi destinati a essere rilasciati è stato un momento di grande sollievo, cauta speranza e ansia per Nawaf al-Salaymeh e sua moglie Sahar.

Per Nawaf, una notizia del genere può essere creduta solo quando vede suo figlio con i propri occhi, fuori dalla prigione.

Secondo il Club dei Prigionieri Palestinesi, più di 250 bambini palestinesi sotto i 18 anni sono attualmente detenuti nelle carceri israeliane.

Ahmed è in carcere da mesi e i suoi genitori non vedono l’ora che l’accordo venga attuato.

“I nostri cuori ardevano”

Il 17 maggio, la polizia israeliana ha arrestato Ahmed e tre suoi cugini nelle loro case nel quartiere Ras al-Amud a Silwan, nella Gerusalemme est occupata, con l’accusa di aver lanciato pietre.

Dopo giorni di arresto, Ahmed è stato rilasciato sotto condizione degli arresti domiciliari, dove è stato confinato fino al 30 luglio.

“La polizia israeliana ci ha detto che non erano soddisfatti del fatto che il bambino fosse agli arresti domiciliari e che doveva arrendersi”, ha detto suo padre a Middle East Eye.

“Lo abbiamo consegnato mentre i nostri cuori ardevano.”

Guerra Israele-Palestina: i bambini palestinesi detenuti da Israele

Per saperne di più “

Da allora, alla famiglia di Ahmed non è mai stato permesso di fargli visita perché suo padre è un ex prigioniero, mentre sua madre possiede un documento d’identità della Cisgiordania e le è stato rifiutato il permesso di visita.

“Attualmente si trova nel carcere di Damoun e non sappiamo nulla di lui dal 7 ottobre. Non ci sono comunicazioni o visite”, ha detto Nawaf. 

“Sappiamo che i prigionieri sono sottoposti a forti pressioni da parte dei carcerieri. La nostra preoccupazione per il suo benessere aumenta ogni giorno.

“Aspettiamo con impazienza il ritorno di Ahmed e speriamo che tutti i prigionieri tornino alle loro case”, ha aggiunto.

Ayham, il fratello tredicenne di Ahmed, è stato arrestato pochi giorni dopo la detenzione di suo fratello e messo agli arresti domiciliari, dove si trova tuttora.

Nessuna celebrazione consentita

Mercoledì sera, la polizia israeliana ha fotografato le case dei prigionieri che dovevano essere rilasciati a Gerusalemme e ha minacciato di arrestare le loro famiglie se avessero mostrato qualsiasi forma di festeggiamento per il loro rilascio.

Questo tipo di restrizione non è nuova in città.

Negli ultimi anni, Israele ha soppresso ogni manifestazione di celebrazione quando le famiglie ricevono i loro figli e figlie liberati. In alcuni casi, i prigionieri appena rilasciati sono stati nuovamente arrestati dopo che le loro famiglie avevano festeggiato. In altri casi, i detenuti liberati furono deportati da Gerusalemme per trascorrere i primi giorni di libertà nella Cisgiordania occupata.

Guerra Israele-Palestina: “Abbiamo camminato verso l’ignoto, incerti su dove fossimo diretti”

Per saperne di più “

Il capo del Comitato per le famiglie dei prigionieri di Gerusalemme, Amjad Abu Asab, ha detto a MEE che sopprimere la celebrazione popolare per la libertà dei propri figli, dopo una lunga attesa, fa parte dello stato di perenne disagio che Israele cerca di imporre.

Israele sottopone inoltre i bambini arrestati a Gerusalemme a misure esageratamente dure, come condanne elevate, multe pesanti e arresti domiciliari, che, secondo Abu Asab, non sono solo una restrizione fisica, ma anche una forma di pressione psicologica che dura per lunghi mesi.

Secondo Abu Asab, le percosse sono il segno distintivo dell’arresto dei bambini gerosolimitani a scopo intimidatorio. 

“Da quando i coloni hanno bruciato e ucciso il bambino Muhammad Abu Khudair a Gerusalemme nel 2014, Israele ha iniziato a prendere di mira sempre più i bambini della città per impedire loro di cercare vendetta. Ha inoltre sviluppato leggi per raddoppiare le loro condanne con il pretesto della deterrenza”, ha aggiunto. .

L’uso eccessivo della forza nei confronti dei bambini a Gerusalemme è una politica sistematica attuata dalla polizia israeliana con l’obiettivo di sottometterli, ha aggiunto, descrivendo le condizioni del loro arresto e interrogatorio come più brutali rispetto al resto dei detenuti.

Negazione delle cure, percosse che portano a fratture e contusioni, minacce costanti, privazione dell’istruzione, ritardi nei tribunali e complesse condizioni di rilascio anche dopo la liberazione sono tutte procedure che contraddicono il diritto internazionale, nonostante la firma da parte di Israele della Convenzione sulla protezione dell’infanzia 30 anni fa.

Gioia incompleta

A Yatta, città a sud di Hebron, un’altra famiglia attende informazioni sul rilascio del figlio Baraa Rabi, 17 anni.

Bilal Rabi, il padre di Baraa, ha detto che il suo avvocato ha informato la famiglia che il loro figlio sarebbe stato tra quelli rilasciati, senza fornire ulteriori dettagli.

Il rilascio di Baraa rappresenterebbe la fine di un anno di sofferenze per lui e la sua famiglia.

Nel dicembre 2022, le forze israeliane hanno fatto irruzione nella casa della famiglia e hanno arrestato Baraa e i suoi genitori. 

“Hanno arrestato me per 11 giorni e sua madre per un giorno. Mi hanno interrogato su Baraa e i suoi amici. Volevano sporgere accuse importanti contro di lui nonostante la sua giovane età, come aver tentato di sparare ai soldati israeliani”, ha detto Bilal.

“Aspettiamo con impazienza Baraa, ma siamo angosciati da ciò che sta accadendo a Gaza”

– Bilal Rabi, padre di un prigioniero

La detenzione di Baraa è stata prolungata più volte, senza che lui venisse condannato per alcuna accusa. Secondo suo padre, la procura israeliana ha cercato di convincere il giudice a emettere una condanna a lungo termine nonostante la mancanza di prove.

La presenza del nome di Baraa nella lista di scambio di prigionieri è stata una felice sorpresa per la famiglia, soprattutto perché hanno potuto fargli visita solo tre volte e non hanno più notizie di lui da quasi 50 giorni.

La felicità della famiglia è, tuttavia, compromessa dalla morte e dalla distruzione che Israele ha provocato a Gaza dall’inizio della guerra, il 7 ottobre. Da allora sono stati uccisi più di 14.000 palestinesi; la stragrande maggioranza sono donne e bambini.

“Ma questa gioia è diminuita a causa dell’aggressione israeliana alla Striscia di Gaza, del numero crescente di martiri e delle scene orribili a cui assistiamo”, ha detto Bilal.

“Aspettiamo con impazienza Baraa, ma siamo angosciati da ciò che sta accadendo a Gaza”.

Sorgente: Guerra Israele-Palestina: famiglie ansiose attendono il rilascio dei bambini dal carcere | Occhio del Medio Oriente


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Subscribe to get the latest posts sent to your email.

Rispondi