La disumanità di Biden sulla Siria – OP-ED – L’Antidiplomatico

La disumanità di Biden sulla Siria – OP-ED – L’Antidiplomatico

12 Aprile 2021 0 Di marco zinno

di Patrick Lawrence* – Global Research

Per un periodo, dopo che Joe Biden è entrato in carica, non proprio tre mesi fa, tra le domande sollevate c’era come la nuova amministrazione avrebbe affrontato la questione siriana.Non credo che dovremo interrogarci ancora per molto. È ancora agli inizi, ma ora si rileva la politica siriana dell’amministrazione Biden in un debole schema. Da quello che si può capire, è desolante, è vizioso, è inconsapevolmente crudele con il popolo siriano.

E potrebbe rivelarsi ancora peggio di qualsiasi cosa abbia inventato l’amministrazione Trump, Mike Pompeo che picchia la Bibbia in testa come segretario di stato.

Gli addetti alla sicurezza nazionale di Biden abbandoneranno l’operazione segreta di colpo di stato che Barack Obama mise in moto nove anni fa, con il suo fallimento evidente da tempo? O rinvigoriranno il sostegno americano ai jihadisti selvaggi in nome del “regime change” del governo laico di Damasco? E le truppe americane che operano ancora illegalmente sul suolo siriano? E i giacimenti petroliferi che l’amministrazione Trump ha preso per “proteggere” dalla nazione che li possiede? E lo sfacciato furto di greggio da quei campi?E che dire, ovviamente, delle sanzioni omicide che vari ordini esecutivi hanno intensificato in numerose occasioni da quando l’amministrazione Bush II ha imposto il primo di loro 17 lunghi anni fa?

Cosa faranno Biden e il suo popolo, in breve, riguardo al terribile pasticcio che gli Stati Uniti hanno fatto alla Repubblica araba siriana da quando hanno imbastardito manifestazioni legittime contro il governo di Assad all’inizio del 2012 (al più tardi) pervertendole con quelle degli estremisti sunniti e centinaia di armi per milioni di dollari?

Queste erano le domande. Le risposte ora iniziano ad arrivare.

Bombardamenti di febbraio

Il primo suggerimento di cose avverrà è arrivato alla fine di febbraio, quando aerei da guerra statunitensi hanno bombardato siti all’interno del confine siriano con l’Iraq, che si dice siano stati usati dalle milizie sostenute dall’Iran. Questa azione ha coinciso più o meno con i colloqui a Washington con alti funzionari dell’intelligence israeliana e militari, convocati per determinare se e come l’amministrazione sarebbe rientrata nell’accordo che governa i programmi nucleari iraniani. Quei colloqui hanno semplicemente confermato ciò che era già evidente: l’amministrazione Biden non si muoverà nella direzione dell’Iran senza l’approvazione di Israele. Idem nel caso siriano.Come dimostra una lunga tradizione, Israele vuole destabilizzare la Siria fintanto che non è governata da un cliente occidentale duttile; continua a bombardare obiettivi siriani, compresa Damasco, su base regolare. Con queste realtà in vista, possiamo tranquillamente supporre che l’amministrazione Biden non abbia effettivamente una politica sulla Siria, così come non ha effettivamente una politica sull’Iran. L’apartheid israeliano ha una politica sulla Siria che rispecchia la dichiaratamente sionista amministrazione Biden .”Quando penso alla sofferenza del popolo siriano, compresi i bambini siriani, penso ai miei due figli”, ha twittato Antony Blinken la scorsa settimana. “Come potremmo non agire per aiutarli? La nostra comune umanità lo richiede. Vergogna se non lo facciamo.”Ci si sta già abituando alle osservazioni selvaggiamente disconnesse del nostro nuovo segretario di stato sui social media e altrove. Questo ragazzo ha un rapporto travagliato con la realtà, dobbiamo cominciare a concludere. Come ha risposto Max Blumenthal di The Grayzone a questa morbosa ipocrisia: “Se trattassi i tuoi figli come tratti il ??popolo siriano, verresti incarcerato per abusi sui minori”.

Sorgente: La disumanità di Biden sulla Siria – OP-ED – L’Antidiplomatico

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •