MAHER AL-AKHRAS CONTINUA LA LOTTA PER LA #LIBERTÀ #SaveMaher #DignityStrike #Palestina

MAHER AL-AKHRAS CONTINUA LA LOTTA PER LA #LIBERTÀ #SaveMaher #DignityStrike #Palestina

1 Novembre 2020 0 Di marco zinno
MAHER AL-AKHRAS CONTINUA LA LOTTA PER LA #LIBERTÀ #SaveMaher #DignityStrike #Palestina
Oggi 1 novembre Maher al-Akhras inizia il suo 98esimo giorno di sciopero della fame per la dignità e la libertà. Il prigioniero palestinese è in gravissime condizioni mentre continua il suo sciopero per protestare contro la sua prigionia senza accusa o processo durante la detenzione amministrativa israeliana.
Questi ordini di detenzione – introdotti per la prima volta in Palestina dal mandato coloniale britannico e usati regolarmente dall’occupazione israeliana – sono rinnovabili a tempo indeterminato e vengono usati per imprigionare i palestinesi per anni. Attualmente ci sono circa 350 palestinesi incarcerati senza accusa o processo in detenzione amministrativa su un totale di 4.400 prigionieri politici palestinesi.
Il 49enne padre di sei figli è attualmente detenuto nel centro medico Kaplan. Mentre l’occupazione israeliana ha affermato di “congelare” la sua detenzione amministrativa, questo termine indica che sarà di nuovo incarcerato senza accusa o processo non appena la sua crisi sanitaria urgente si placherà o finirà lo sciopero della fame.
Il 1 ° ottobre un tribunale israeliano si è persino rifiutato di ascoltare la sua seconda petizione contro la sua detenzione, dichiarando che il suo ordine di detenzione “non è attualmente attivo”, anche se verrà reimpostato non appena la sua salute migliorerà. Invece, sta continuando il suo sciopero e mettendo il suo corpo e la sua vita in prima linea per la libertà e la fine della detenzione amministrativa.
«Le mie uniche condizioni sono la libertà o la morte”, ha detto al-Akhras al suo avvocato Ahlam Haddad, in un messaggio dal suo letto d’ospedale. “O vivrò liberamente con i miei figli o verrò ucciso in nome della falsa giustizia.
Questo sciopero è in difesa di ogni prigioniero palestinese, e in difesa del mio popolo che soffre a causa dell’occupazione, e la mia vittoria in questo sciopero è una vittoria per i prigionieri e il mio popolo palestinese», ha affermato Al-Akhras
Al-Akhras ha lanciato il suo sciopero non appena è stato condannato alla detenzione amministrativa a fine luglio, in segno di rifiuto della politica illegittima e illegale, che è stata ampiamente condannata in tutto il mondo.
L’ uso sistematico da parte di #Israele della detenzione amministrativa contro civili palestinesi costituisce una grave violazione della Quarta #Convenzione di #Ginevra e degli articoli 9, 10 e 14 del Patto internazionale sui diritti civili e politici, oltre a costituire crimini di guerra e crimini contro l’umanità.
Dal 1967, almeno 50.000 ordini di detenzione amministrativa sono stati emessi da funzionari e tribunali militari israeliani.
Taghreed al-Akhras ha riferito che suo marito ha perso la metà del peso corporeo, soffre di un forte mal di testa e di un ronzio costante nelle orecchie; è troppo debole per stare in piedi o andare in bagno. Questa è la quinta volta che al-Akhras, noto per il suo forte sostegno ai prigionieri politici palestinesi, è stato arrestato dalle forze di occupazione israeliane. È nato nell’agosto 1971 a Silat al-Dhahr, un villaggio vicino a Jenin; è stato arrestato nel 1989, 2004, 2009 e di nuovo nel 2018, la maggior parte delle volte incarcerato senza accusa o processo in detenzione amministrativa.
La detenzione amministrativa e l’incarcerazione politica di migliaia di palestinesi sono armi coloniali usate contro il popolo palestinese e hanno colpito quasi tutte le famiglie palestinesi.
Allo stesso tempo, gli Stati Uniti, il Canada, la Gran Bretagna, l’Unione Europea e altre potenze imperialiste – così come i regimi arabi reazionari che si stanno normalizzando con Israele, come gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein – sono profondamente complici di questi crimini contro il popolo palestinese, tra cui la detenzione in corso di Maher al-Akhras. Il sostegno militare, diplomatico, politico ed economico di queste potenze al regime di occupazione israeliano, e i loro attacchi ai diritti dei palestinesi dentro e fuori la Palestina, continuano a consentire i crimini di guerra in corso e i crimini contro l’umanità perpetrati dal regime sionista israeliano contro il popolo palestinese.
UNIAMOCI alla campagna per liberare Maher al-Akhras e tutti i prigionieri palestinesi, incluso il boicottaggio e l’isolamento internazionale di Israele e delle sue istituzioni accademiche e culturali complici e dei profittatori aziendali che raccolgono benefici dall’occupazione e colonizzazione della Palestina.
🚩Libertà per Maher al-Akhras e tutti i prigionieri palestinesi!
🚩Libertà per la Palestina, dal fiume al mare!
Tu e altri 16
Condivisioni: 8

Commenta
Condividi
Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •