Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

il manifesto del 03.11.2019 e i primi articoli online

Il tempo è scaduto, il Memorandum Italia-Libia resterà in vigore altri tre anni. Il governo promette: lo cambiamo. Ma Tripoli avverte: conviene soprattutto a voi. Un mercantile soccorre 200 migranti e oggi sbarca l’Alan Kurdi. I libici le hanno sparato contro

Politica

Eterno Memorandum

Domenico Cirillo

Roma aspetta che scada il termine per poterlo stracciare e subito dopo chiede la convocazione della commissione italo-libica per negoziare qualche modifica agli accordi sottoscritti nel 2017 da Gentiloni e Minniti con Serraj. Il governo di Tripoli ricorda che quel patto conviene a noi e dice che “tutto si può cambiare”. Ma le richieste di Conte e Di Maio non sono ancora arrivate

Commenti

Ma emendare i crimini umanitari non si può

Raffaele K. Salinari

Resta però fondamentale inquadrare quel che accade sul Memorandum, che altro non è che uno scempio del diritto internazionale, in uno scenario molto più ampio, che parte da lontano, da almeno 20 anni e precisamente dalla ridefinizione dell’«intervento umanitario» che deve essere prioritariamente militare, come sancito dai bombardamenti della Serbia da parte della Nato nel 1999

Economia

Plastic Tax, uno scontro di plastica su 4 centesimi in più a bottiglia

Roberto Ciccarelli

Tra renziani “No Tax” e governo lo scontro di giornata è sulla “Plastic Tax”. Per il ministro per il Sud Provenzano (Pd) è una polemica su “4 o 5 centesimi di aumento sulle bottigliette di plastica”. Ai renziani: “Tanto vale il vostro posizionamento? E non ci credete nemmeno voi». Ma la tassa è ancora un cantiere: il ministro Costa ha detto che va rimodulata, i sindacati dicono che in questa forma non va. Orlando (Pd): “Le polemiche sulla plastica fanno capire molte cose sull’autonomia della politica in Italia”. E il commissario Ue Gentiloni parla di “pandemonio”

Europa

Stretta della Grecia, approvata la riforma del sistema d’asilo

Alessandra Briganti

Sarà più difficile ottenere la protezione internazionale. Tra le norme più contestate vi è quella che priva in alcuni casi il richiedente che veda respinta la propria domanda, del diritto di ricorrere in appello. Fallimentare anche il tentativo del governo di decongestionare i campi di accoglienza sulle isole del mar Egeo

«Il progetto di legge greco viola i diritti comunitari e internazionali»

Cristina Mastrandrea

«Siamo profondamente preoccupati per la salute medica e mentale in particolare dei più vulnerabili come le vittime di torture. Questo provvedimento non solo non risponde alle loro esigenze mediche, ma riduce anche le loro già limitate possibilità di accedere a cure specializzate», spiega Msf

IRAQ

La rivoluzione arriva in tuk tuk: il taxi dei poveri è l’eroe di Baghdad

Chiara Cruciati

Tre ruote diventate il simbolo della mobilitazione popolare, su di loro canzoni e graffiti: sfrecciano in mezzo a proiettili e gas lacrimogeni per portare in salvo i manifestanti. Continua il presidio nella capitale, a Bassora bloccato il porto commerciale. E risuonano gli slogan contro Iran e Stati uniti

Internazionale

L’«Azadi March» del teologo anti-Imran Khan

Emanuele Giordana

Le rivendicazioni si basano su accuse di brogli e sul fatto che Imran si sarebbe dimostrato incapace sia sul fronte economico sia sulla difesa del Kashmir. La manifestazione però, cui ha aderito tutta l’opposizione, non nasce dal basso: è diretta da un partito e soprattutto dal personaggio che lo incarna

Commenti

Sotto i colpi degli Usa Cuba barcolla ma resiste

Roberto Livi

Da lunedì 28 ottobre sono stati aperti sette centri commerciali all’Avana e uno a Santiago de Cuba dove vengono venduti in dollari elettrodomestici e moto, pagati però solo con una carta di debito emessa dalle banche di Stato. L’affluenza è stata, e continua a essere, massiccia

Cultura

L’apprendistato ludico dell’algoritmo

Andrea Capocci

L’intelligenza artificiale sconfigge i migliori giocatori di un videogame. Su «Nature» sono state pubblicate le fasi della ricerca. Eppure il computer, senza l’aiuto umano, non sarebbe mai riuscito

RIVOLTA SOCIALE

Donne in nero per il Cile

Marta Facchini, Irupé Tentorio

Hanno marciato in silenzio a Santiago, in lutto: vogliono verità e giustizia per i desaparecidos e le vittime dalla repressione. «Continueremo a occupare la strada con i nostri corpi»

Un concetto di inaffrontabile elementarità

Giovanni Iorio Giannoli

Oscillando tra un’accezione di ordine intuitivo, e una formale, molto più astratta e lontana dal senso comune, Jim Baggott procede all’identificazione di cosa è una «Massa»: da Adelphi

Cordelli, atletica della lettura cioè ripensamento

Andrea Inglese

Franco Cordelli raccoglie in due corposi volumi per Theoria le sue recensioni sui giornali, dedicate soprattutto alla (controversa) questione «romanzo»: Un mondo antico e Il mondo scintillante

De Pisis, grandezza di un dio minore

Giuseppe Frangi

La facilità (e felicità) delle sue pennellate funziona ogni volta da stupendo inganno ottico. Ma ancora ci si chiede, come trent’anni fa Giuliano Briganti, perché un maestro «totale» quale il marchesino pittore stenti a prendersi la ribalta: una «minorità» che questa mostra non disconferma…

Burocrazia e ribellione, un romanzo cubista

Pasquale Di Palmo

Palazzoni come parallelepipedi, città tentacolare, immagini scomposte, storia grottesca: Le gaffeur di Jean Malaquis, del 1953, torna in versione integrale da Cliquot col titolo La città senza cielo

Haskell, il barocco ci parla

Marco M. Mascolo

Sfortunato nella ricezione italiana, il libro si impone oggi come insuperabile modello storiografico. L’argomento: la relazione tra mecenati e pittori nel Seicento romano e nel Settecento veneziano

Cavalli, il distillatore di tonalità

Giorgio Villani

Dalle tele allettevoli degli anni venti alle ultime, depurate, dei Settanta: la pittura pierfranceschiana del protagonista della Scuola romana

Ricomposizione in Piazza dei Miracoli

Daniele Giorgi

L’idea museografica consiste nel tentare di riconnettere idealmente la ricca raccolta di opere d’arte, soprattutto capolavori di scultura gotica, al tessuto di provenienza. Caso emblematico di «illusività», la sala di Giovanni Pisano, protagonista assoluto della collezione

Sorgente: il manifesto del 03.11.2019 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing