Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

il manifesto del 29.12.2019 e i primi articoli online

Dopo l’addio di Fioramonti, il ministero dell’Istruzione si fa in due. Nella conferenza stampa di fine anno Conte annuncia: il presidente della Conferenza dei rettori Manfredi andrà all’università, la 5 Stelle Azzolina alla scuola. Poi il premier attacca Salvini ma scivola sulla Libia. E sul caso Gregoretti «devo approfondire»

Politica

Il premier «costruttivo» scivola sulla Libia: «È guerra ma anche no»

Daniela Preziosi

Conte nomina due nuovi ministri al posto del dimissionario Fioramonti. Attacca solo Salvini, ma sul caso Gregoretti «deve approfondire». Sui decreti sicurezza “recepiremo le preoccupazioni espresse da Mattarella. Ma l’impianto è giusto, torneremo al testo di palazzo Chigi”. “Dopo lo sprint iniziale, da gennaio inizia una maratona di tre anni. No a nuovi gruppi in parlamento, anche a suo sostegno: destabilizzerebbe l’iniziativa di governo””

Italia

Ferrara, «carabinieri intralciano cure a malato»

Giovanni Stinco

La Cgil denuncia il caso di un uomo arrestato nella caserma di Copparo al quale non sarebbe stato garantito il soccorso immediato. L’avvocato Fabio Anselmo, che segue il caso, insieme a Ilaria Cucchi rivela i particolari

Nuovo avviso di garanzia per Mimmo Lucano

Claudio Dionesalvi, Silvio Messinetti

Avviso di garanzia per presunte irregolarità nel rilascio di documenti: l’ex sindaco aveva fatto la carta di identità a una donna eritrea e a suo figlio di pochi mesi inseriti in un progetto di accoglienza

SOMALIA

Inferno jihadista a Mogadiscio, al-Shabab colpisce ancora

Marco Boccitto

Al Shabab colpisce ancora. Autobomba all’ora di punta, strage di civili nella capitale: almeno un centinaio le vittime. Il governo italiano condanna, ma come per la guerra nell’altra ex colonia, la Libia, non sembra aver molto da dire

Internazionale

Tra Burkina Faso e Niger, un Natale di stragi jihadiste

Stefano Mauro

Dal 24 al 26 dicembre milizie affiliate a Isis e al Qaeda hanno ucciso almeno 68 persone, tra civili e militari. I cinque paesi della missione Sahel chiedono aiuto internazionale. Macron li invita a un summit il prossimo 13 gennaio ma sulla Francia piovono le critiche

In Nigeria #RevolutionNow batte Buhari

Stefano Mauro

Rilasciato su cauzione il giornalista fondatore della campagna, Omoyele Sowore, oppositore del presidente. L’Isis giustizia undici cristiani per vendicare al-Baghdadi. Governo debole, i villaggi creano milizie locali di auto-difesa

L’ultima marcia verso la spallata finale a Piñera

Claudia Fanti

Venerdì in 50mila per manifestare contro il governo, morto un manifestante. Intanto il presidente firmava il decreto per convocare il voto sulla nuova costituzione: alle urne il 26 aprile, ma la piazza parla già di «trappola costituente»

Brevi dal mondo: Myanmar, Iran, Cina

Red. Esteri

L’Onu vota contro il Myanmar: basta abusi sui Rohingya. Teheran, Mosca e Pechino insieme nell’Oceano indiano. La Cina abolisce i lavori forzati per le prostitute

Cultura

Un interprete del ‘900 alle frontiere musicali

Guido Barbieri

Cento anni fa nasceva il compositore e musicologo di origine rumena. Su Wikimusic (la rubrica di Radio3) oggi alle ore 14 andrà in onda un suo ritratto, mentre alla Fondazione Cini di Venezia è in corso la mostra «Vita tra le carte»

Alias Domenica

Lo strappo di Maurice Blanchot

Carmelo Colangelo

A pochi mesi dall’adesione alle proteste contro la guerra di Algeria, lo scrittore e critico raccoglie le «Ricerche» apparse sulla NRF e vi aggiunge i suoi i racconti: «Il libro a venire», dal Saggiatore

Il Purgatorio senza sfoggi di Bellomo

Paolo Pellegrini

L’ultimo frutto di Saverio Bellomo (1952-2018) è il commento, da Einaudi, alla seconda cantica: ricco e sorvegliato, ottimo per i licei. Per la Salerno le Rime della maturità e dell’esilio, di Grimaldi

Sublimi anatomie, metanarrazioni

Paolo Martore

Dalle tavole dei trattati di Andrea Vesalio alle ceroplastiche delle Specola, fino al Contemporaneo (Hill, Bucher, Quinn…). La rotonda centrale trasformata in teatro anatomico dove ospitare performance, lezioni, laboratori

Blake, stampare con il metodo infernale

Davide Racca

La modernità dell’artista inglese resta irrecusabile, ma lo sforzo è riportare le sue opere visionarie al contesto di origine, e spiegarle a partire dalle innovazioni tecniche

Hogarth, stanze di discussione per il gran moralista

Claudio Gulli

Nel museo «di» John Soane, l’architetto neoclassico, William Hogarth è di casa: ma come ha inciso questa casa sulla sua ricezione? Per il pittore inglese le opere d’arte dovevano produrre «giudizio», irrevocabilmente. Ma cosa succede se guardiamo gli «Humours of an Election» accanto a Canaletto?

Dürer, il cantiere di lavoro non conosce malinconia

Giuseppe Frangi

Facendo perno sulla sua ricchissima raccolta di disegni e acquerelli dell’artista di Norimberga, l’istituzione viennese in una mostra che restituisce l’artista quale perfetto imprenditore di se stesso. Ci si è voluti tenere fuori dalla celebre lettura di Panofsky

Elettra o la vendetta come dinamica psichica

Daniele Ventre

L’edizione dell’Elettra a cura di Francis Dunn e Liana Lomiento per la «Valla» presenta novità nella costituzione del testo e nell’interpretazione del dramma: che all’azione di Oreste «preferisce» l’interiorità della sorella. Versione di Gentili

Duncan, adesione panica al mondo attraverso la danza

Giorgio Villani

Leggeva i tragici antichi, D’Annunzio, Ibsen, Darwin… Conobbe artisti e ne fu influenzata (Rodin). In Italia memorizzò i capolavori del Rinascimento mediante il filtro di Pater: Isadora Duncan e le arti

Sorgente: il manifesto del 29.12.2019 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing